passaporto-vaccinale-per-ora-di-necessario-c-e-il-dibattito
Serve un quadro normativo chiaro, meglio se internazionale (Foto Frauke Riether/Pixabay )
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
6 ore

La Svizzera non è un paese per inquilini

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni
Commento
1 gior

L'obiettivo resta l'autoimmunità (sanitaria e sociale)

Nei mesi a venire si conteranno le vittime economiche del coronavirus. Toccherà alla società civile insegnare alla politica a proteggersi da sé stessa
Commento
2 gior

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa
Commento
2 gior

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni
L'analisi
2 gior

Nessun vaccino israeliano per i palestinesi

Netanyahu ha promesso a paesi amici d’Africa e America latina di donar loro le prevedibili dosi in eccesso. Nulla invece per Gaza e Cisgiordania
Sogno o son Festival
3 gior

Sanremo e il Ministero del Divertimento

Lo chiede De Gregori, per la musica e i musicisti. Intanto il Festival parte, perché 'il servizio pubblico non è solo informare, ma anche quote di leggerezza'.
Commento
4 gior

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
1 sett

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
1 sett

Monsignor Azzolino Chiappini prosciolto, bene. E i motivi?

Solo una comunicazione ufficiale completa può fugare ogni dubbio, anche residuo. Da questo punto di vista la recente nota della Procura è un pessimo esempio
L'analisi
1 sett

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
Commento
20.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 15:48

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche

Il passaporto vaccinale sarebbe “necessario e urgente”, ha scritto ieri il consigliere di Stato Manuele Bertoli. Necessario e urgente è certamente un dibattito pubblico sul tema; che lo sia anche l’introduzione di questo lasciapassare è tuttavia meno scontato perché, oltre ai solidi argomenti introdotti da Bertoli, ve ne sono altri di carattere pratico ed etico che impongono qualche cautela.

Iniziamo col notare che ci sono ancora incertezze sul tipo e la durata dell’immunità dato dal vaccino: quanto a lungo si è protetti? Col vaccino si riduce solo la possibilità di ammalarsi o anche quella di contagiarsi e contagiare? Certo, sono dubbi che presto dovremmo riuscire a risolvere, ma cosa fare se l’immunità sterilizzante – così si chiama quando si ferma la trasmissione del virus – fosse solo parziale? Un problema serio, soprattutto se come suggerisce Bertoli il passaporto vaccinale andrà rilasciato anche a chi non può farsi vaccinare per ragioni mediche, verosimilmente persone particolarmente vulnerabili. Altro problema di carattere pratico: il passaporto andrà rilasciato solo a chi si vaccina (o vorrebbe ma non può) o anche a chi si è ammalato ed è guarito e ha probabilmente sviluppato un’immunità naturale?
Ci limitiamo ad accennare ai problemi relativi alla protezione dei dati, perché per il tipo di impiego che si immagina la tradizionale “tessera gialla” (il Certificato internazionale di vaccinazione o profilassi necessario per viaggiare in alcuni Paesi) è certo inadatta. Sono già disponibili soluzioni elettroniche, ma visto che i dati saranno accessibili anche a privati una certa cautela è d’obbligo.

Veniamo ai problemi etici. Bertoli afferma giustamente che “la libertà di alcuni” di non vaccinarsi non può valere di più “di quella di tutti gli altri che chiedono condizioni sanitarie sicure”. Verissimo; solo che è vero anche il contrario, nel senso che di fronte a un conflitto tra diritti occorre trovare un compromesso che ‘comprima’ senza cancellare del tutto i diritti di nessuno. Il passaporto vaccinale, con l’impossibilità di accedere a certi eventi o servizi, è un bilanciamento accettabile? Certo come dice Bertoli “andare a vedere una partita di calcio o un film al cinema non è obbligatorio”, ma questi mesi di misure restrittive hanno dimostrato a tutti quanto sia difficile rinunciare a tutto quello che non è “di prima necessità”. Per continuare a imporre simili limitazioni a una parte, per quanto piccola, della cittadinanza non basta un rischio generico o ipotetico per la salute pubblica. Dobbiamo confrontare le eventuali limitazioni per i non vaccinati non alle libertà di prima della pandemia, ma alle misure sanitarie che si sono rese necessarie per contenere i contagi. Detta altrimenti: possiamo pensare a un allentamento anticipato delle restrizioni per i vaccinati (se scientificamente giustificato), non a limitazioni prolungate per i non vaccinati che avrebbero più che altro lo scopo di incentivare la vaccinazione. Il che rende l’introduzione di questo passaporto vaccinale una sorta di rebus difficile da risolvere: ha senso richiederlo quando i vaccini non sono ancora disponibili per tutta la popolazione? D’altra parte, avrà senso mantenerlo quando, grazie alla disponibilità dei vaccini, si spera che la pandemia sarà sotto controllo?

Serve, su questo Bertoli ha pienamente ragione, un quadro normativo chiaro, meglio se internazionale; ma in primo luogo per evitare abusi.

© Regiopress, All rights reserved