Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Spezia
0
Sassuolo
0
1. tempo
(0-0)
Venezia
2
Verona
0
1. tempo
(2-0)
Davos
Ambrì
15:45
 
GCK Lions
Winterthur
15:45
 
spiare-il-cellulare-del-partner-e-la-coppia-scoppia
Giovani coppie in paranoia da controllo. (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
6 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
6 gior

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
 
19.01.2021 - 12:450
Aggiornamento : 19:12

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui

La gelosia è una brutta bestia e può diventare una vera e propria ossessione che fa venire il mal di pancia a chi la prova (e suo malgrado ne è soggiogato) ma soprattutto a chi la subisce. Si inizia da ‘piccole cose’. Come spiare il cellulare del partner. Lo sai che non si fa, magari la prima volta hai la coscienza sporca, poi cedi alla tentazione, lo rifai, e poi ancora, finché non ti prude più nemmeno la coscienza. La mente, così abile a costruire strampalate giustificazioni, ti fa sentire addirittura in diritto di controllare chi dice di amarti, usando ogni mezzo. Che sia entrare di nascosto nei profili social o nel pc del partner o sequestrare lo smartphone per controllarlo, la tecnologia ci viene in soccorso: ci sono addirittura App che permettono di localizzare un cellulare e possono essere installate a insaputa del malcapitato. Ne parliamo perché soprattutto tra le coppie più giovani in Ticino, stanno emergendo, con una preoccupante frequenza, queste forme di controllo maniacale, che mascherano insicurezza e paura di perdere il partner. Fragilità forse accentuate dallo stress di questa seconda ondata pandemica. Gli esperti osservano nuove forme di violenza in famiglia e giovani coppie che scoppiano.

Si inizia con subdole forme di controllo che sulle prime possono anche venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma guardiamole per quello che sono: fastidiose invasioni dell’intimità altrui, che denotano una totale mancanza di fiducia e rispetto. C’è manipolazione, chi subisce arriva perfino a sentirsi in colpa se non vuole far leggere le sue chat. Se accetti ti senti a disagio, se ti rifiuti sai che penserà che hai qualcosa da nascondere, e si finirà a litigare. Cedere a questi ricatti può portare la coppia su terreni molto insidiosi, spesso la situazione peggiora e sfugge di mano. Una relazione sana, comunque è tutt’altro, ed è basata sulla fiducia.

È proprio dall’ABC di una relazione normale che le autorità cantonali faranno anche formazione nelle scuole per prevenire una violenza domestica, che inizia da piccoli gesti e ora ha raggiunto livelli (passateci il termine) pandemici.. Tre interventi al giorno della polizia per minacce, botte e insulti in famiglia sono solo la punta dell’iceberg. Per avere una fotografia più reale dobbiamo moltiplicarli almeno per tre. Cantoni e Confederazione stanno correndo ai ripari, come spieghiamo a pagina 6, per arginare un fenomeno oramai fuori controllo. Le novità non mancano. Come terapie obbligatorie e bracciale per la sorveglianza elettronica a distanza per gli autori di violenza, ma le autorità ticinesi stanno ragionando su come far emergere la grande parte sommersa della violenza domestica. Un modo, ad esempio, potrebbe essere quello di formare meglio chi in ambito sanitario e giudiziario interviene per primo così da saper individuare maltrattamenti subiti e agire di conseguenza. Servono protocolli e figure di riferimento dentro le strutture.
Il Cantone ne sta discutendo con un gruppo di esperti in cui siedono medici di famiglia, degli ospedali e professionisti del settore della giustizia.

Se saremo in grado di prevenire, riconosce e curare questo ‘cancro’ che si chiama violenza domestica faremo un grande piacere anche alle generazioni future. Perché violenza chiama violenza. E i danni sono esponenziali. Chi la respira crescendo, tenderà a riprodurla, in un infinito circolo vizioso che si alimenta di generazione in generazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved