sedicenti-onnipotenti-a-palazzo-di-giustizia
Fra codici e... interpretazioni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 ore

Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco

La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
7 ore

Il San Gottardo senza i social

Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
2 gior

Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse

Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
3 gior

È giunta l’ora delle aggregazioni

Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
4 gior

Quelli col poster di Ronald Reagan

L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
4 gior

Per un salario certificato

Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
5 gior

Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente

Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
6 gior

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 sett

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
Commento
 
15.01.2021 - 06:000
Aggiornamento : 17:54

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale

Ci chiediamo cosa accadrebbe se ai giovani medici fosse vietato operare o visitare nei vari reparti di un ospedale i pazienti, confinandoli diversamente allo studio di qualche slide girata loro dal primario. Come potrebbero farsi ossa e bisturi, e soprattutto quella necessaria esperienza per diventare, nella pratica, e non solo nella teoria, un buon dottore?

Con il bando, fortunatamente rientrato, dalle aule penali dei praticanti si stava rischiando proprio questo: togliere la possibilità, preziosa, ai futuri avvocati di avere una formazione completa, in tutti gli ambiti, e dunque anche nel diritto penale. Un ‘passo falso’ dunque quello compiuto dal Tpc, il Tribunale penale cantonale, che la Corte dei reclami penali, accogliendo il ricorso di un legale, ha confermato essere non solo “un’interpretazione contraria al Codice di procedura penale”, ma anche alla stessa giurisprudenza e dottrina.

Ieri, quindi, le porte di un’aula si sono riaperte anche per un praticante, sì giovane e alle prime armi, ma non per questo meno ‘valido difensore’, come diversamente aveva ‘giudicato’ il presidente delle Assise correzionali che lo avrebbe voluto vedere affiancato dal suo ‘maître de stage’. Lo aveva detto, ben prima, che così poteva non essere, il Regolamento sull’avvocatura, consentendo ai praticanti “di compiere singoli atti di patrocinio nell’ambito penale, come pure espressamente di partecipare al dibattimento su delega”. Eppure il Tpc aveva preferito andare per la propria strada, potremmo dire in un’unica direzione, e da quanto si evince nei corridoi del Ministero pubblico sotto pressione dei vertici dello stesso tribunale, senza tener conto di quanto stabilito dalle autorità politiche ticinesi. Il Consiglio di Stato, infatti, beneficiando del margine lasciato dalla legislazione federale ai Cantoni, aveva comunicato, lo scorso autunno, di voler aumentare la qualità dell’offerta formativa nella pratica giudiziaria e così aprendo l’aula penale ai praticanti. Una decisione motivata anche dal contenimento dei costi per lo Stato delle difese d’ufficio: se l’onorario di un avvocato è di 180 franchi l’ora, quello di un praticante è giusto la metà.

Permettere ai praticanti di partecipare in prima persona a un processo, non solo, quindi, dà loro la necessaria esperienza sul campo, ma comporta anche un aspetto economico non indifferente. E allora, ci chiediamo: perché un Tribunale cerca, non riuscendoci, di mettere all’indice i praticanti e lamenta (in molti casi) gli alti onorari degli avvocati? La stessa Commissione della legislazione del Gran Consiglio, peraltro, aveva indicato come ‘auspicabile’ il coinvolgimento anche degli avvocati in formazione nelle varie fasi dei procedimenti penali per frenare l’aumento dei costi generati dalle difese d’ufficio.

Sapere che le modifiche di legge inerenti al Regolamento sull’avvocatura erano l’esito di un approfondimento dell’esecutivo cantonale con le autorità federali ed erano state preventivamente discusse e concordate con l’Ordine degli avvocati e con il Tribunale penale cantonale, ci porta a pensare che a Palazzo di giustizia continuino a vagare sedicenti onnipotenti che, in questo caso, non fanno bene né allo Stato né alla stessa giustizia ticinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved