ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
9 ore

Un’onda nera sull’Italia

L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
15 ore

Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica

No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
laR
 
15.01.2021 - 06:00
Aggiornamento: 17:54

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale

sedicenti-onnipotenti-a-palazzo-di-giustizia
Fra codici e... interpretazioni (Ti-Press)

Ci chiediamo cosa accadrebbe se ai giovani medici fosse vietato operare o visitare nei vari reparti di un ospedale i pazienti, confinandoli diversamente allo studio di qualche slide girata loro dal primario. Come potrebbero farsi ossa e bisturi, e soprattutto quella necessaria esperienza per diventare, nella pratica, e non solo nella teoria, un buon dottore?

Con il bando, fortunatamente rientrato, dalle aule penali dei praticanti si stava rischiando proprio questo: togliere la possibilità, preziosa, ai futuri avvocati di avere una formazione completa, in tutti gli ambiti, e dunque anche nel diritto penale. Un ‘passo falso’ dunque quello compiuto dal Tpc, il Tribunale penale cantonale, che la Corte dei reclami penali, accogliendo il ricorso di un legale, ha confermato essere non solo “un’interpretazione contraria al Codice di procedura penale”, ma anche alla stessa giurisprudenza e dottrina.

Ieri, quindi, le porte di un’aula si sono riaperte anche per un praticante, sì giovane e alle prime armi, ma non per questo meno ‘valido difensore’, come diversamente aveva ‘giudicato’ il presidente delle Assise correzionali che lo avrebbe voluto vedere affiancato dal suo ‘maître de stage’. Lo aveva detto, ben prima, che così poteva non essere, il Regolamento sull’avvocatura, consentendo ai praticanti “di compiere singoli atti di patrocinio nell’ambito penale, come pure espressamente di partecipare al dibattimento su delega”. Eppure il Tpc aveva preferito andare per la propria strada, potremmo dire in un’unica direzione, e da quanto si evince nei corridoi del Ministero pubblico sotto pressione dei vertici dello stesso tribunale, senza tener conto di quanto stabilito dalle autorità politiche ticinesi. Il Consiglio di Stato, infatti, beneficiando del margine lasciato dalla legislazione federale ai Cantoni, aveva comunicato, lo scorso autunno, di voler aumentare la qualità dell’offerta formativa nella pratica giudiziaria e così aprendo l’aula penale ai praticanti. Una decisione motivata anche dal contenimento dei costi per lo Stato delle difese d’ufficio: se l’onorario di un avvocato è di 180 franchi l’ora, quello di un praticante è giusto la metà.

Permettere ai praticanti di partecipare in prima persona a un processo, non solo, quindi, dà loro la necessaria esperienza sul campo, ma comporta anche un aspetto economico non indifferente. E allora, ci chiediamo: perché un Tribunale cerca, non riuscendoci, di mettere all’indice i praticanti e lamenta (in molti casi) gli alti onorari degli avvocati? La stessa Commissione della legislazione del Gran Consiglio, peraltro, aveva indicato come ‘auspicabile’ il coinvolgimento anche degli avvocati in formazione nelle varie fasi dei procedimenti penali per frenare l’aumento dei costi generati dalle difese d’ufficio.

Sapere che le modifiche di legge inerenti al Regolamento sull’avvocatura erano l’esito di un approfondimento dell’esecutivo cantonale con le autorità federali ed erano state preventivamente discusse e concordate con l’Ordine degli avvocati e con il Tribunale penale cantonale, ci porta a pensare che a Palazzo di giustizia continuino a vagare sedicenti onnipotenti che, in questo caso, non fanno bene né allo Stato né alla stessa giustizia ticinese.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved