donald-senza-gloria-stella-di-cartone
Rossi di rabbia
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
3 ore

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior

E vuoi negargli il Quirinale?

Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior

Covid-19, lettera a una cugina No Vax

Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior

Il gennaio maledetto dei maschi alfa

Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
5 gior

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett

I Blues Brothers e il capitalismo accidentale

I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
Commento
2 sett

L’orgoglio della cavia

Le varianti del virus e quelle del cretino
Commento
2 sett

Djokovic, il tennista più uguale degli altri

Gli Australian Open concedono l’esenzione al campione no-vax, facendo saltare le regole e ogni principio di equità, inchinandosi al dio denaro
 
11.01.2021 - 06:050
Aggiornamento : 07:16

Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone

Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...

Si dice che un giorno di un non precisato anno degli anni Ottanta il maestro Herbert von Karajan, uno dei più grandi direttori d’orchestra di tutti i tempi, abbia interrotto l’intervista con il noto critico musicale Mario Luzzatto Fegiz dicendo: “Mi scusi, ma devo ascoltare un capolavoro di canzone”. Si dice che alla televisione stessero trasmettendo ‘Gloria’ del glorioso Umberto Tozzi nell’esecuzione della London Symphony Orchestra alla Royal Albert Hall, tempio della musica. D’altra parte, di quel sempreverde del pop uscito nel 1979 parlano i sette dischi di platino e le molte applicazioni successive, dalla versione orginale voluta da Martin Scorsese per accompagnare una delle scene clou di ‘The Wolf of Wall Street’ (2013) a quella in inglese di Laura Branigan (1952-2004) finita in ‘Flashdance’ dentro un’altra scena clou di Hollywood, quella in cui Jeanie cade dai pattini e la protagonista Alex (Jennifer Beals) raccoglie dalla pista di ghiaccio l’amica e tutti i suoi sogni (di gloria, ovviamente).

Preso atto del fatto che anche l’autore de ‘Il Pulcino Pio’ (marchio registrato) avrebbe da ridire se un dittatore coi capelli tinti si appropriasse della sua opera per farsi bello, Umberto Tozzi s’è indignato per l’utilizzo della sua ‘Gloria’ nei momenti che hanno preceduto l’ultimo dei peggiori discorsi di Donald Trump al popolo americano, l’invito a recarsi a Capitol Hill a rubare la carta da lettera intestata del Governo, lo scranno di Nancy Pelosi (che ancora non si trova) e altri gadget governativi da rivendere su eBay. Era lo scorso 6 gennaio e Donald Trump jr. si esibiva in un videoselfie in diretta planetaria, spendendosi in un'ode ai patrioti “stufi delle bugie”. Virale tra i fan del presidente americano, ma anche tra quelli della Tozzi Family, il footage dei minuti che precedono il comizio di Washington mostra il riscaldamento di papà Donald – inquadrato insieme agli altri figli Ivanka ed Eric, di fronte ai monitor che rilanciano le immagini della folla in trepidante attesa – sulle note di 'Gloria' nella versione di Laura Branigan. Nell’autostima generale di uno staff tutto pugnetti chiusi e sorrisi liftati, abiti di pregevole fattura e zigomi di marmo, unito dalla bandiera e dall’italica melodia, poco prima che il video finisca Donald Trump si spende anche in qualche breve passo di danza.

Umberto Tozzi non sarà il primo della lista, ma nemmeno l’ultimo degli s****** (cit. Elio e le Storie Tese). Di sabato pomeriggio, sui propri canali social, s’indigna e difende “un brano scritto per cantare la bellezza della vita e non certo come inno di rivolta”; spiega il suo essere "artista che sia nel pubblico che nel privato ha sempre privilegiato l’amore alla violenza, il dialogo alla forza" e chiude dissociandosi "completamente dall’uso di 'Gloria' in quel contesto", dicendosi "pronto, in qualità di autore, a difendere i principi e l’origine di questa canzone".

Non è la prima volta che un presidente si cuce addosso le parole e la musica di un musicista. Fece storia il fraintendimento di Ronald Reagan, che nel 1984 scambiò ‘Born In The USA’ di Bruce Springsteen per un canto patrottico. Se il suo staff avesse letto meglio le liriche, si sarebbe accorto che la canzone parlava di reduci dal Vietnam. Quella volta fu il Boss ad indignarsi. Allo stesso modo, lo staff di Donald Trump potrebbe non aver letto attentamente il testo di ‘Gloria’. Premesso che qualsiasi canzone, dai tempi di ‘Papaveri e papere’ (melodica presa per i fondelli degli alti papaveri democristiani, e del basso Amintore Fanfani) è passibile di interpretazioni, premesso che con un po’ di astrazione ‘Le mille bolle blu’ di Mina potrebbero essere la denuncia dei danni causati dall’inquinamento della falda acquifera, ‘Anima mia’ dei Cugini di campagna un inno allo spiritismo e ‘Il cielo in una stanza’ di Gino Paoli la descrizione degli effetti dell’Lsd consumata in casa, il testo di ‘Gloria’ non risulta sia riferito alla manifestazione della presenza di Dio nella tradizione religiosa giudaico-cristiana, né a quanto deriva dal succcesso personale. Non a quella gloria, per intenderci. Ma più a una donna (a meno che nei “fianchi” sui quali “la mattina nasce il sole”, uno ci veda le previsioni del tempo).

Non fosse che è morto nel 2012, bisognerebbe chiedere a Giancarlo Bigazzi, autore del testo, di cosa parla ‘Gloria’, e magari ci direbbe che no, Gloria è proprio – attingendo dall’Enciclopedia Treccani – la “fama grandissima, onore universale che si acquista per altezza di virtù, per meriti eccezionali, per atti di valore, per opere insigni”. Magari il concetto cozza un po’ con Donald Trump, e invece forse è davvero di quella gloria che parla la canzone. E se è la gloria che “manca come il sale” e “più del sole” – anche se la gloria che manca “ad una mano che lavora piano” continua a farci propendere per un’entità prettamente femminile – ecco, un nostalgico Donald Trump che fa “stelle di cartone” seduto sul divano, pensando a gloria, a quella gloria, “fama grandissima” e sfumata – forse un senso ce l’ha.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved