laRegione
donald-senza-gloria-stella-di-cartone
Rossi di rabbia
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
1 sett

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
1 sett

Sedicenti onnipotenti a Palazzo di giustizia

La riammissione dei praticanti nei processi ci porta a una serie di riflessioni e soprattutto di domande sul Tribunale penale cantonale
Commento
1 sett

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo
Commento
1 sett

Un mini lockdown per evitare una terza ondata

Per mitigare gli effetti economici negativi la Confederazione allenta i criteri di accesso ai fondi per i casi di rigore. Potrebbe non bastare, però
Commento
1 sett

Quella stretta di mano che non s'ha da fare

Ridivampa la polemica su Minsk e sull'ipotetico Mondiale bis in Bielorussia, a fine maggio. Quando l'hockey (ma non solo) dovrebbe pensarci due volte
Commento
1 sett

Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump

Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà
Commento
11.01.2021 - 06:050
Aggiornamento : 07:16

Donald senza ‘Gloria’, stella di cartone

Il presidente si fa bello con la canzone dell'Umberto Tozzi e l'Umberto Tozzi s’indigna. Non è la prima volta (chiedete al Boss). Ma forse un senso c’è...

Si dice che un giorno di un non precisato anno degli anni Ottanta il maestro Herbert von Karajan, uno dei più grandi direttori d’orchestra di tutti i tempi, abbia interrotto l’intervista con il noto critico musicale Mario Luzzatto Fegiz dicendo: “Mi scusi, ma devo ascoltare un capolavoro di canzone”. Si dice che alla televisione stessero trasmettendo ‘Gloria’ del glorioso Umberto Tozzi nell’esecuzione della London Symphony Orchestra alla Royal Albert Hall, tempio della musica. D’altra parte, di quel sempreverde del pop uscito nel 1979 parlano i sette dischi di platino e le molte applicazioni successive, dalla versione orginale voluta da Martin Scorsese per accompagnare una delle scene clou di ‘The Wolf of Wall Street’ (2013) a quella in inglese di Laura Branigan (1952-2004) finita in ‘Flashdance’ dentro un’altra scena clou di Hollywood, quella in cui Jeanie cade dai pattini e la protagonista Alex (Jennifer Beals) raccoglie dalla pista di ghiaccio l’amica e tutti i suoi sogni (di gloria, ovviamente).

Preso atto del fatto che anche l’autore de ‘Il Pulcino Pio’ (marchio registrato) avrebbe da ridire se un dittatore coi capelli tinti si appropriasse della sua opera per farsi bello, Umberto Tozzi s’è indignato per l’utilizzo della sua ‘Gloria’ nei momenti che hanno preceduto l’ultimo dei peggiori discorsi di Donald Trump al popolo americano, l’invito a recarsi a Capitol Hill a rubare la carta da lettera intestata del Governo, lo scranno di Nancy Pelosi (che ancora non si trova) e altri gadget governativi da rivendere su eBay. Era lo scorso 6 gennaio e Donald Trump jr. si esibiva in un videoselfie in diretta planetaria, spendendosi in un'ode ai patrioti “stufi delle bugie”. Virale tra i fan del presidente americano, ma anche tra quelli della Tozzi Family, il footage dei minuti che precedono il comizio di Washington mostra il riscaldamento di papà Donald – inquadrato insieme agli altri figli Ivanka ed Eric, di fronte ai monitor che rilanciano le immagini della folla in trepidante attesa – sulle note di 'Gloria' nella versione di Laura Branigan. Nell’autostima generale di uno staff tutto pugnetti chiusi e sorrisi liftati, abiti di pregevole fattura e zigomi di marmo, unito dalla bandiera e dall’italica melodia, poco prima che il video finisca Donald Trump si spende anche in qualche breve passo di danza.

Umberto Tozzi non sarà il primo della lista, ma nemmeno l’ultimo degli s****** (cit. Elio e le Storie Tese). Di sabato pomeriggio, sui propri canali social, s’indigna e difende “un brano scritto per cantare la bellezza della vita e non certo come inno di rivolta”; spiega il suo essere "artista che sia nel pubblico che nel privato ha sempre privilegiato l’amore alla violenza, il dialogo alla forza" e chiude dissociandosi "completamente dall’uso di 'Gloria' in quel contesto", dicendosi "pronto, in qualità di autore, a difendere i principi e l’origine di questa canzone".

Non è la prima volta che un presidente si cuce addosso le parole e la musica di un musicista. Fece storia il fraintendimento di Ronald Reagan, che nel 1984 scambiò ‘Born In The USA’ di Bruce Springsteen per un canto patrottico. Se il suo staff avesse letto meglio le liriche, si sarebbe accorto che la canzone parlava di reduci dal Vietnam. Quella volta fu il Boss ad indignarsi. Allo stesso modo, lo staff di Donald Trump potrebbe non aver letto attentamente il testo di ‘Gloria’. Premesso che qualsiasi canzone, dai tempi di ‘Papaveri e papere’ (melodica presa per i fondelli degli alti papaveri democristiani, e del basso Amintore Fanfani) è passibile di interpretazioni, premesso che con un po’ di astrazione ‘Le mille bolle blu’ di Mina potrebbero essere la denuncia dei danni causati dall’inquinamento della falda acquifera, ‘Anima mia’ dei Cugini di campagna un inno allo spiritismo e ‘Il cielo in una stanza’ di Gino Paoli la descrizione degli effetti dell’Lsd consumata in casa, il testo di ‘Gloria’ non risulta sia riferito alla manifestazione della presenza di Dio nella tradizione religiosa giudaico-cristiana, né a quanto deriva dal succcesso personale. Non a quella gloria, per intenderci. Ma più a una donna (a meno che nei “fianchi” sui quali “la mattina nasce il sole”, uno ci veda le previsioni del tempo).

Non fosse che è morto nel 2012, bisognerebbe chiedere a Giancarlo Bigazzi, autore del testo, di cosa parla ‘Gloria’, e magari ci direbbe che no, Gloria è proprio – attingendo dall’Enciclopedia Treccani – la “fama grandissima, onore universale che si acquista per altezza di virtù, per meriti eccezionali, per atti di valore, per opere insigni”. Magari il concetto cozza un po’ con Donald Trump, e invece forse è davvero di quella gloria che parla la canzone. E se è la gloria che “manca come il sale” e “più del sole” – anche se la gloria che manca “ad una mano che lavora piano” continua a farci propendere per un’entità prettamente femminile – ecco, un nostalgico Donald Trump che fa “stelle di cartone” seduto sul divano, pensando a gloria, a quella gloria, “fama grandissima” e sfumata – forse un senso ce l’ha.

© Regiopress, All rights reserved