quando-donald-trump-piaceva-tanto-alla-destra-ticinese
L‘ombra di se stesso (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore

Barcolla, non molla, il pugile bianconero

Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
1 gior

Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)

Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
3 gior

Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro

Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
3 gior

Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini

Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
4 gior

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
5 gior

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
DISTRUZIONI PER L’USO
5 gior

Classici e razzismo: precisazioni su Howard (e Marion)

L'università afroamericana non chiude il dipartimento di ‘Classics’ per via della ‘cancel culture’. Ma in Italia e in Ticino si preferisce non verificare
Commento
6 gior

Il non rinnovo di Pelletier, un epilogo in parte già scritto

Non si tratta di un fulmine a ciel sereno, ma la fine di un capitolo probabilmente solo rimandato dalla pandemia
Commento
6 gior

I guardiani della risata

Per molti, se una battuta non ci fa ridere, non deve ridere nessuno. Ma per il comico Ricky Gervais "se ti senti offeso, non è detto tu abbia ragione"
La formica rossa
1 sett

C’era una volta il fioretto, ora la spada affonda il Triciclo

Gli accordi saltano quando si parla di poltrone. E di Centro. Serve leggere tra le righe, non solo in un pomeriggio dei lunghi coltelli come quello di ieri
Commento
1 sett

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'
DISTRUZIONI PER L’USO
09.01.2021 - 06:050

Quando Donald Trump piaceva tanto alla destra ticinese

Sarà meglio ricordarsi di quanto i suoi emuli dalle nostre parti ne abbiano sfruttato l’immagine per spingere l’agenda sovranista. E di come va a finire

“La vittoria di Trump - non ci speravo più! - è la rivolta della classe media, della ‘gente comune’, contro le élite, i ‘poteri forti’, la stampa di regime, gli spalancatori di frontiere, gli intellettualini con la puzza sotto il naso. Come la Brexit. Come il 9 febbraio”  (Lorenzo Quadri). “La vittoria della classe media contro l'establishment e contro la globalizzazione!” “Il 2016 è l’anno della vittoria della gente contro i falsi buonisti, i moralisti, i sondaggisti e i media mainstream” (Boris Bignasca). “Per Hillary hanno votato le donne i latinos i gay il black people i cattolici la comunità ebraica; per Trump hanno votato gli americani” (Tuto Rossi). “In politica tutto è possibile! Gli ambienti economici, le lobby e i poteri forti americani sonoramente sconfitti dall'uragano Trump” (Piero Marchesi). Infine, il mio preferito: “Ci siamo, oggi Trump inizia. E tutto lascia indicare che sarà una giornata di guerriglia, senza precedenti. Organizzata dall’estrema sinistra per tentare di condizionare dall’inizio la sua presidenza”. (Marcello Foa).

Quattro anni fa, la destra nostrana salutò così l’elezione di Donald Trump alla presidenza americana. È vero che col senno di poi sono tutti professori, ma in questo caso bastava anche il senno di prima: parliamo dello stesso tizio che già raccontava compiaciuto quanto gli piacesse “afferrare le donne per (ci siamo capiti)”, lo stesso sbruffone che raccontava bufale su Obama musulmano e sul legame tra vaccini e autismo. In ogni caso, i vichinghi ticinesi hanno continuato a difenderlo fino all’ultimo. Ad esempio screditando in ogni modo i movimenti per i diritti civili come ‘Black Lives Matter’, magari col pretesto della violenza sui bianchi o delle statue abbattute. Oppure guardando con occhi sognanti il famoso muro col Messico, del quale non si erge che qualche moncone. Il giorno dopo le elezioni, lo stesso Marchesi decantava ancora in tuttomaiuscolo “uno schiaffo al mainstream” e prendeva di petto l’ostruzionismo di “sondaggisti”, media”, “vip” e “stabilishment” (sic).

È vero che negli ultimi giorni, con quel che è successo a Capitol Hill, in certe plaghe della politica locale s’è fatto un gran silenzio. Il povero Paolo Pamini è rimasto solo a minimizzare sui social la portata dell’assalto e a seminare dubbi sulla regolarità del voto di novembre (e dire che all’inizio non era certo tra i trumpiani più entusiasti). Gli altri si sono allontanati fischiettando con affettata nonchalance, l’aria di quelli che passavano di lì per caso.

Invece l’uso di Trump come specchio ustorio da puntare contro gli “intellettualini” e lo “stabilishment” non è mai stato un caso, né si può ascrivere a mera ignoranza. Come con la Brexit – finita com’è finita, anche quella – si sono deliberatamente utilizzati i grandi eventi internazionali per spingere un’agenda che presenta inquietanti somiglianze di famiglia: le retrotopie sulle radici, sull’identità, la demonizzazione dello straniero, l’isolazionismo, l’antielitismo come forma di sdoganamento della cialtroneria. Nella tentazione non sono caduti solo certi politici e fogli di partito, ma anche quei media che fino all’altro giorno ritenevano quantomeno indifferente l’esito del confronto tra Trump e Biden, giudicato “statalista” (chissà che film stavano guardando).

Ora quella destra si libererà di Trump, e si metterà a cercare un nuovo idolo da portare in processione. Forse sarà meno facile di una volta, dato che anche Matteo Salvini è in ritirata e la grande galassia sovranista appare un po’ appannata. Soprattutto, si spera che stavolta qualcuno si ricordi di come va a finire.

© Regiopress, All rights reserved