laRegione
rilancio-economico-dai-partiti-piu-visione-e-meno-capricci
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
16 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
DISTRUZIONI PER L’USO
6 gior

Partire da Arbasino per spiegare Renzi (o almeno provarci)

Non è che certe rivendicazioni del Bomba siano sbagliate, anzi. Il problema è che quel bischero si crede Gesù
Commento
1 sett

Rsi e il cambio di rotta del progetto Lyra

Niente più 90% musica 10% parlato, nel futuro di Rete Due. Una vittoria per chi era preoccupato per il ripensamento dell'offerta audio Rsi?
Commento
30.12.2020 - 06:100

Rilancio economico, dai partiti più visione e meno capricci

Darsi delle priorità deve smettere di essere uno slogan, chi fatica a pagare l'affitto o non può lavorare a causa delle misure anti-Covid merita risposte

Il rilancio economico a livello strutturale sarà la priorità per il Cantone una volta usciti, definitivamente si spera, dalla fase acuta della crisi sanitaria. Lo ha detto intervistato dal nostro giornale il direttore del Dfe Christian Vitta, e non si può che concordare. La premessa è nota: con un miliardo di deficit messo nero su bianco dal Piano finanziario 2021/2024 i margini di manovra sono limitati. Se il Consiglio di Stato ha il delicato compito di avviare e implementare questo rilancio, con le prime fondamenta che devono essere gettate già nell’anno che sta per iniziare, la responsabilità dei partiti è altrettanto rilevante. Darsi delle priorità, seriamente e una volta per tutte, non deve essere uno slogan né una dichiarazione preconfezionata da consegnare alla stampa. Deve, semmai, essere un nuovo modo di fare politica dove la dialettica e le differenti posizioni non sono mirate alla rendita di posizione e al proprio cortile, ma a una sintesi.

Che ogni partito debba portare il proprio contributo di proposte, idee, progetti è indubbio. Di più, deve essere uno stimolo per partecipare alla ripartenza economica del Cantone. Ma ogni forza in parlamento deve essere conscia di quanto in questo momento non ci sia bisogno di solisti, bensì di un’orchestra. Mettere da parte i protagonismi è la via maestra se si vuole riuscire nel compito. Anche se pure in questo caso la premessa non è delle migliori. Non deve essere derubricato a semplice scaramuccia quanto successo due settimane fa nella Lega con le polemiche dimissioni da capogruppo del decano del Gran Consiglio Michele Foletti, motivate dalla prova di forza del gruppo parlamentare che ha bocciato in aula il Preventivo 2021 dopo il compromesso raggiunto nella Commissione della gestione da Foletti stesso, ma firmato con riserva da Guerra e non sottoscritto da Bignasca. L’auspicio è che la Lega scelga un o una capogruppo che sappia cesellare e interloquire con gli omologhi, non che si ponga come finalità politica lo sbattere la porta se non viene accolta l’integralità della proposta. Il capriccio, anche se accompagnato dalle migliori intenzioni figlie di una legittima visione della società, è quanto di più fuori luogo possa esistere oggi, davanti a una crisi che è bene ricordare non è solo sanitaria. Il discorso vale per tutti i partiti: quanto più coesa sarà la proposta che uscirà dal parlamento tanto più semplice sarà trovare una via per il rilancio e percorrerla.

Non è semplice e lo sappiamo. Assumersi costi e spese che pagheranno le future generazioni non è allettante. Anzi, è pericoloso. Ma se questo assunto può essere valido in tempi di pace, deve essere aggiornato a quelli che stiamo vivendo: tempi di crisi dove le ricette che conosciamo hanno bisogno di continui aggiustamenti dovuti a una realtà a noi sconosciuta fino a un anno fa. Il mercato del lavoro subirà contraccolpi, avere paura per il proprio reddito non è più solo un sentimento comune ai meno abbienti e al ceto medio, ma è vieppiù diffuso. Ci sono lavoratori indipendenti senza possibilità di lavorare, e quindi di percepire un salario, con Indennità di perdita di guadagno risibili da primavera. Il precariato rischia di allargarsi a macchia d’olio, così come i problemi a livello di occupazione che incontrano le donne. A queste persone vanno date risposte. È anche per loro, per il rispetto che merita chi fatica a pagare l’affitto, il leasing dell’auto, i premi di cassa malati, che la politica deve dare prova di maturità, concertazione e visione.

© Regiopress, All rights reserved