laRegione
l-accordo-sulla-brexit-e-comunque-una-sconfitta-per-londra
Johnson e von der Leyen (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
17 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
Commento
28.12.2020 - 06:050
Aggiornamento : 17:09

L’accordo sulla Brexit è comunque una sconfitta per Londra

Si è evitato il peggio, ma le conseguenze dell’uscita dall'Unione europea saranno in ogni caso negative. Eppure i sovranisti cantano vittoria

Se l’accordo sulla Brexit è una vittoria, come blatera Boris Johnson sotto l’alberello delle feste, allora viene da chiedersi cosa sia una sconfitta. I cittadini del Regno Unito possono aspettarsi una significativa riduzione del Pil per i prossimi anni, già grami di loro; costi burocratici esorbitanti per le aziende; la fine della libera circolazione; la totale esclusione dal processo decisionale di quel continente che della Gran Bretagna è il primo fornitore e mercato. Sono scontenti perfino i pescatori per i quali BoJo si è battuto come un nostromo. Certo, gli è andata ancora bene che l’Unione europea non abbia mirato al No deal: bruciare trecentomila posti di lavoro in una sera sarebbe stata una bella vendetta, lì per lì; ma le trincee di due guerre, Versailles e la pace punitiva hanno insegnato ai ‘continentali’ che non sempre imporre al prossimo il peggio in assoluto è davvero auspicabile. Resta il fatto che Londra si allontana da Bruxelles con un pugno di mosche e con nulla, ma proprio nulla di quella riaffermata sovranità che ha issato a feticcio (che poi la sovranità, come ha notato sportivamente la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, è semmai “poter lavorare, viaggiare, studiare e fare affari senza ostacoli in 27 paesi. E in tempi di crisi è sorreggersi l’un l’altro, invece di provare a rialzarsi da soli”). BoJo e i suoi sconsiderati sodali dovranno d’ora in poi accettare di governare un paese satellite, con quel che ne consegue. A meno che non pensino davvero di rinfocolare la ‘relazione speciale’ con gli Stati Uniti, una barzelletta buona a star larghi per farsi due risate alla caffetteria del Dipartimento di Stato, alla faccia dei vecchi Red Coats.

La sconfitta ai punti salva il naso del biondo etoniano dal Ko; ma sconfitta resta, com’era inevitabile che fosse. D’altronde capita così, quando si abbocca a millantatori cresciuti nel più crasso privilegio. Perché una cosa rende il populismo britannico perfino più urticante di altre varianti: il fatto che ad avanguardia del proletariato si erga la crema di un mondo a compartimenti stagni, gente che puzza di sigari da cinquanta sterline e whisky di cinquant’anni fa. La mobilità sociale inglese, vecchia favola del Blairismo da ‘Cool Britannia’, non è mai esistita: suo patetico surrogato sono i figli di papà à la BoJo e à la Jacob Rees-Mogg, gente che all’inflessione Cockney dei dock londinesi preferisce il greco antico, ma è stata bravissima a turlupinare il ‘white van man’, il piccolo artigiano del Dorset che si sente minacciato dall’altrettanto leggendario idraulico polacco.

Ora anche i Brexiteer nostrani cercano di riscrivere questa imbarazzante disfatta come se si trattasse d’una vittoria. Sui social network questi mini-Johnson – senza neanche il buon gusto d’una cravatta di Savile Row – sono già al lavoro, sperano che anche i loro sostenitori abbocchino alla favoletta del trionfo sovranista. E questo nonostante si sia trattato, come scrive Martin Kettle sul ‘Guardian’, del primo accordo commerciale al mondo che serve ad allontanare le persone, invece che ad avvicinarle. Ognuno ha i suoi pifferai.

© Regiopress, All rights reserved