Basilea
0
Losanna
0
2. tempo
(0-0)
Lugano
Sion
16:30
 
S.Gallo
Grasshopper
16:30
 
Spezia
1
Sassuolo
0
1. tempo
(1-0)
Venezia
3
Verona
0
1. tempo
(3-0)
Davos
2
Ambrì
0
1. tempo
(2-0)
GCK Lions
0
Winterthur
1
1. tempo
(0-1)
quale-pensiero-alternativo-a-quello-calcolante
Conti economici che confluiscono tutti nel fatidico Pil (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare

La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior

Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich

La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior

Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale

No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior

Il brusco risveglio nella storia infinita

Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior

Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens

Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
6 gior

Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù

Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior

Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere

Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
 
22.12.2020 - 06:100

Quale pensiero alternativo a quello calcolante?

Finora non è stato trovato. E quindi non meravigliamoci delle indecisioni o dei farfugliamenti della politica.

Sembra che anche gli esperti previsionisti si siano rifugiati nelle “astutissime astutie di Bertoldolo”. Non tanto al: dopo il brutto viene il bello (troppo scontato), quanto piuttosto al: ogni tempo viene, a chi può aspettarlo (un po’ più astuto). Nella migliore delle aspettative previsionali ci si butta quindi sul secondo semestre dell’anno prossimo. Ma per chi può aspettarlo e così rimane ancora molta incertezza. E si sa, soprattutto in economia, che le incertezze si nutrono l’una con l’altra, crescendo.

L’incertezza meno incerta o che pone minori interrogativi ce la dà, a quanto risulta in questo momento, la biotecnica. Hanno cercato di spiegarci come funziona e abbiamo scoperto, più che altro, che il nostro corpo, nonostante quel che lo può sconvolgere, è una meravigliosa complicata e in parte ancora inesplorata invenzione (o macchina, direbbero altri). E se non parti da lì, dalla sua conoscenza, che non implica ovviamente solo il corpo o gli organi o le cellule che tocchi e vedi, tutto il resto perde senso.

Il fatto che sembra in singolare contrasto sia con lo stato di incertezza che permane e diventa ossessivo e insostenibile, ed è in particolar modo economico, sia con la biotecnica che offre l’unica speranza di ritorno al bello, ed è in particolar modo un desiderio di ritorno alla normalità economica, è che tutto il “pandemonio” vissuto è arrivato dentro una società, come diceva già anni fa un discusso ma importante filosofo (Heidegger), “del pensiero calcolante.”

Per la quale, insomma, tutto si riduce a un pensiero capace solo di far di conto. Conti economici che confluiscono tutti nel fatidico Pil (prodotto interno lordo), il manitù di ogni politica, o conti tecnici (quanto investirvi ma per crescere ancora). Da quanti anni continuiamo a credere, pressoché religiosamente e dogmaticamente, nel pensiero calcolante, quasi escludendo ogni altro pensiero che non si risolva nell’utilità o venga considerato inutile, non produttivo, e perciò stesso economicamente superfluo? Certe aberrazioni emerse negli ultimi tempi ne sono una prova estrema. Possono andare dal più scellerato criterio di produttività a seconda dell’età per giudicare chi ha diritto o priorità a vivere (e meno utili saranno quindi i vecchi al tramonto della vita) sino al più perfido, come la cultura demolita o, con classica terminologia manageriale, “ristrutturata”, perché ritenuta economicamente improduttiva e quindi insostenibile (e poco utile sarà allora la Rete Due).

Forse proprio con l’esperienza vissuta che dimostra come la società del pensiero calcolante si è dimostrata impreparata e inadeguata al calcolo umano e vitale e in un periodo natalizio in cui tutti, credenti e non credenti, attenti o disattenti, sono investiti più che in altri periodi dal senso d’umanità, potremmo chiederci se non ci sia o non ci possa essere un pensiero alternativo al pensiero calcolante. Finora non l’abbiamo. E non meravigliamoci allora delle indecisioni o dei farfugliamenti della politica. La quale, per decidere, deve anch’essa sempre guardare prima ai calcoli dell’economia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved