laRegione
quale-pensiero-alternativo-a-quello-calcolante
Conti economici che confluiscono tutti nel fatidico Pil (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
18 ore

America the Beautiful, una nazione per tutti

Detto alla JLo, americana di Portorico: 'Una nación, bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos'. Nativi inclusi (loro sì che sono del posto).
Commento
1 gior

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere
L'analisi
2 gior

La giardinetta un po’ ammaccata dello zio Joe

Qualche pensierino su cosa potremmo aspettarci, adesso che Trump è fuori dalla Casa Bianca e abbiamo un 78enne e una donna a lavorare in tandem
Commento
2 gior

Lugano prende a calci il dibattito

Polo sportivo e degli eventi: Consiglio comunale con le spalle al muro mentre l'aeroporto vola verso i privati e la pandemia colpisce le finanze pubbliche
Commento
2 gior

Passaporto vaccinale, per ora di necessario c’è il dibattito

Per Manuele Bertoli è urgente introdurre un lasciapassare immunologico per il Covid. Ma ci sono controindicazioni pratiche ed etiche
Commento
3 gior

Spiare il cellulare del partner e la coppia scoppia

Ossessive forme di controllo che possono venir scambiate per manifestazioni di affetto, ma in realtà sono fastidiose invasioni dell’intimità altrui
L'analisi
4 gior

Social, ipocrisia e doveri della politica

La mancata trasparenza sulla fattura dei vaccini come l'immunita per messaggi diffamatori sui social chiamano in causa le responsabilità della politica.
Sguardo a Nord
4 gior

Vecchi vaccini, nuovi vaccini

Quando un buon libro diventa un toccasana per la mente e lo spirito in tempo di pandemia
Commento
6 gior

Negozi chiusi e scuole aperte (per la salvaguardia di tutti)

La scuola, soprattutto in questo momento così delicato, è il principale ‘antidoto’ per i nostri giovani contro il Covid
Commento
22.12.2020 - 06:100

Quale pensiero alternativo a quello calcolante?

Finora non è stato trovato. E quindi non meravigliamoci delle indecisioni o dei farfugliamenti della politica.

Sembra che anche gli esperti previsionisti si siano rifugiati nelle “astutissime astutie di Bertoldolo”. Non tanto al: dopo il brutto viene il bello (troppo scontato), quanto piuttosto al: ogni tempo viene, a chi può aspettarlo (un po’ più astuto). Nella migliore delle aspettative previsionali ci si butta quindi sul secondo semestre dell’anno prossimo. Ma per chi può aspettarlo e così rimane ancora molta incertezza. E si sa, soprattutto in economia, che le incertezze si nutrono l’una con l’altra, crescendo.

L’incertezza meno incerta o che pone minori interrogativi ce la dà, a quanto risulta in questo momento, la biotecnica. Hanno cercato di spiegarci come funziona e abbiamo scoperto, più che altro, che il nostro corpo, nonostante quel che lo può sconvolgere, è una meravigliosa complicata e in parte ancora inesplorata invenzione (o macchina, direbbero altri). E se non parti da lì, dalla sua conoscenza, che non implica ovviamente solo il corpo o gli organi o le cellule che tocchi e vedi, tutto il resto perde senso.

Il fatto che sembra in singolare contrasto sia con lo stato di incertezza che permane e diventa ossessivo e insostenibile, ed è in particolar modo economico, sia con la biotecnica che offre l’unica speranza di ritorno al bello, ed è in particolar modo un desiderio di ritorno alla normalità economica, è che tutto il “pandemonio” vissuto è arrivato dentro una società, come diceva già anni fa un discusso ma importante filosofo (Heidegger), “del pensiero calcolante.”

Per la quale, insomma, tutto si riduce a un pensiero capace solo di far di conto. Conti economici che confluiscono tutti nel fatidico Pil (prodotto interno lordo), il manitù di ogni politica, o conti tecnici (quanto investirvi ma per crescere ancora). Da quanti anni continuiamo a credere, pressoché religiosamente e dogmaticamente, nel pensiero calcolante, quasi escludendo ogni altro pensiero che non si risolva nell’utilità o venga considerato inutile, non produttivo, e perciò stesso economicamente superfluo? Certe aberrazioni emerse negli ultimi tempi ne sono una prova estrema. Possono andare dal più scellerato criterio di produttività a seconda dell’età per giudicare chi ha diritto o priorità a vivere (e meno utili saranno quindi i vecchi al tramonto della vita) sino al più perfido, come la cultura demolita o, con classica terminologia manageriale, “ristrutturata”, perché ritenuta economicamente improduttiva e quindi insostenibile (e poco utile sarà allora la Rete Due).

Forse proprio con l’esperienza vissuta che dimostra come la società del pensiero calcolante si è dimostrata impreparata e inadeguata al calcolo umano e vitale e in un periodo natalizio in cui tutti, credenti e non credenti, attenti o disattenti, sono investiti più che in altri periodi dal senso d’umanità, potremmo chiederci se non ci sia o non ci possa essere un pensiero alternativo al pensiero calcolante. Finora non l’abbiamo. E non meravigliamoci allora delle indecisioni o dei farfugliamenti della politica. La quale, per decidere, deve anch’essa sempre guardare prima ai calcoli dell’economia.

© Regiopress, All rights reserved