lugano-politici-ne-imbavagliati-ne-fuorilegge
La capogruppo Plr in Consiglio comunale Karin Valenzano Rossi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
23 ore

Videogiochi ‘diabolici’ che plasmano le menti dei ragazzini

Il mondo virtuale sa nutrire l'autostima di milioni di adolescenti, alcuni poi nella vita reale faticano ad adattarsi
Commento
3 gior

Quel pacco sulla porta e il futuro del lavoro

Dal mondo dei trasporti e delle consegne arriva un assaggio di quello che potrebbe essere l’avvenire di tutti, se non ci diamo una mossa
Commento
3 gior

Monsignor Azzolino Chiappini prosciolto, bene. E i motivi?

Solo una comunicazione ufficiale completa può fugare ogni dubbio, anche residuo. Da questo punto di vista la recente nota della Procura è un pessimo esempio
L'analisi
4 gior

Usa e Russia, una guerra molto fredda

Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
5 gior

I soldi comprano le parole e anche i diritti

Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
5 gior

Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco

Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
5 gior

Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri

Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
6 gior

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport
Commento
1 sett

I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese

Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
22.10.2020 - 06:000

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione

Succede raramente (forse non è mai successo) che un politico sia chiamato a rispondere personalmente e giuridicamente di una decisione politica. Potrebbe succedere se la petizione che ha presentato Patrick Pizzagalli al Consiglio di Stato venisse accolta. Il caso è relativo alla prima richiesta di riduzione del moltiplicatore d’imposta dall’80 al 78%, votata dal Consiglio comunale di Lugano, con un vizio di forma accertato dal Tribunale amministrativo cantonale (Tram) che ha imposto una seconda votazione sullo stesso tema svoltasi all’inizio di quest’anno. I motivi del ricorrente che ha ottenuto ragione sono legittimi: un errore è stato accertato da una sentenza cresciuta in giudicato. Pizzagalli tuttavia non vuole che a pagare le spese giudiziarie sia tutta la cittadinanza ma soltanto chi quell’errore lo ha provocato. Fonda pertanto la sua richiesta sulla legge sulla responsabilità civile degli enti pubblici e degli agenti pubblici. Richiesta respinta dal Municipio di Lugano, tuttora pendente ai Servizi giuridici del Consiglio di Stato.

Quello sollevato dal ricorrente è un tema delicato. La petizione pone una questione gravosa da dirimere per i Servizi giuridici del Consiglio di Stato, la classica gatta da pelare. Difficile stabilire se respingerla, oppure se sia giusto sanzionare i due consiglieri comunali, o solo i membri della commissione della Gestione oppure tutti i membri del legislativo che hanno votato l’emendamento. Non crediamo che due capigruppo non abbiano agito in buona fede e nell’interesse di tutta la cittadinanza sostenendo la proposta di riduzione con argomenti di natura politico-finanziaria anche se il Tram ha sentenziato che avrebbero potuto e dovuto capire che stavano violando le regole procedurali. E senza quella violazione, non ci sarebbe stato il ricorso e neppure il danno causato alla Città (seppur lieve realizzatosi con la seconda votazione in Consiglio comunale e con 1’800 franchi di spese giudiziarie). Da una parte, lo spirito della legge vuole che anche i politici (quindi pure i consiglieri comunali) come i funzionari dello Stato debbano attenersi alle regole nell’ambito del quadro normativo vigente. Dall’altra, è giusto e legittimo che i rappresentanti eletti dal popolo abbiano la libertà politica e di opinione. Non li si è voluti imbavagliare. Né limitare in alcun modo nel loro campo di azione. A maggior ragione se si intende mantenere la rappresentanza politica come militanza e non si vuole professionalizzare una funzione che per ora è di milizia ed è confrontata con un sistema ‘iperegolamentato’ e a rischio di burocratizzazione.

Il caso relativo all’errore formale della votazione sulla riduzione del moltiplicatore chiama dunque in causa (e alla cassa se la petizione venisse accolta) i politici. È simile per certi versi all’iniziativa decisa dal gruppo Lega in Consiglio comunale e dai quattro consiglieri comunali leghisti membri della commissione delle Petizioni che si rifiutano di affrontare e di esaminare le richieste di naturalizzazioni a Lugano. La differenza sostanziale è che quest’ultima è una violazione dei compiti deliberata. Perciò, quando partirà la segnalazione da parte del presidente del Consiglio comunale, l’autorità di vigilanza non avrà un gran margine di manovra: dovrà sanzionarli.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved