laRegione
lugano-politici-ne-imbavagliati-ne-fuorilegge
La capogruppo Plr in Consiglio comunale Karin Valenzano Rossi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Pompe funebri fra lutti, direttive e limiti

Il rischio di una falsa immagine delle aziende dopo le incomprensioni con il medico cantonale sul trattamento delle salme Covid-19
il commento
2 gior

Non idonea è anche la Commissione

Il concorso verrà rifatto. Una scelta opportuna, ma che solleva interrogativi anche sulla Commissione giudiziaria.
Il ricordo
3 gior

Hasta siempre, Diego

Maradona non era (soltanto) un calciatore, il miglior calciatore di tutti i tempi. Maradona è la sintesi di un popolo
Il ricordo
3 gior

Ho visto Maradona, ho visto Maradona

Simbolo di rivalsa sociale, simbolo di Napoli, città alla quale ha voluto bene. Imperfetto, autodistruttivo, a volte patetico. Ma il più grande di sempre.
Commento
3 gior

Se per Ungheria e Polonia Bruxelles ‘è come l’Urss’

Lo scontro sullo Stato di diritto blocca i fondi dell'Unione Europea per il rilancio post-Covid
Commento
3 gior

Accoltellamento alla Manor, il peso del sospetto!

Continuiamo a condurre la vita di prima, amandola e onorandola secondo le nostre regole della civile convivenza e dello stato di diritto
Commento
3 gior

Non siamo oggetti, basta brutalità contro le donne!

La violenza domestica uccide più della strada, una piaga sociale che divora generazioni. Inizia prima dello schiaffo, negando ad esempio la parità salariale
L'analisi
4 gior

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
5 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
22.10.2020 - 06:000

Lugano, politici né imbavagliati né 'fuorilegge'

Moltiplicatore d'imposta, Pizzagalli chiede che a risarcire il danno causato alla Città siano i consiglieri comunali promotori della prima riduzione

Succede raramente (forse non è mai successo) che un politico sia chiamato a rispondere personalmente e giuridicamente di una decisione politica. Potrebbe succedere se la petizione che ha presentato Patrick Pizzagalli al Consiglio di Stato venisse accolta. Il caso è relativo alla prima richiesta di riduzione del moltiplicatore d’imposta dall’80 al 78%, votata dal Consiglio comunale di Lugano, con un vizio di forma accertato dal Tribunale amministrativo cantonale (Tram) che ha imposto una seconda votazione sullo stesso tema svoltasi all’inizio di quest’anno. I motivi del ricorrente che ha ottenuto ragione sono legittimi: un errore è stato accertato da una sentenza cresciuta in giudicato. Pizzagalli tuttavia non vuole che a pagare le spese giudiziarie sia tutta la cittadinanza ma soltanto chi quell’errore lo ha provocato. Fonda pertanto la sua richiesta sulla legge sulla responsabilità civile degli enti pubblici e degli agenti pubblici. Richiesta respinta dal Municipio di Lugano, tuttora pendente ai Servizi giuridici del Consiglio di Stato.

Quello sollevato dal ricorrente è un tema delicato. La petizione pone una questione gravosa da dirimere per i Servizi giuridici del Consiglio di Stato, la classica gatta da pelare. Difficile stabilire se respingerla, oppure se sia giusto sanzionare i due consiglieri comunali, o solo i membri della commissione della Gestione oppure tutti i membri del legislativo che hanno votato l’emendamento. Non crediamo che due capigruppo non abbiano agito in buona fede e nell’interesse di tutta la cittadinanza sostenendo la proposta di riduzione con argomenti di natura politico-finanziaria anche se il Tram ha sentenziato che avrebbero potuto e dovuto capire che stavano violando le regole procedurali. E senza quella violazione, non ci sarebbe stato il ricorso e neppure il danno causato alla Città (seppur lieve realizzatosi con la seconda votazione in Consiglio comunale e con 1’800 franchi di spese giudiziarie). Da una parte, lo spirito della legge vuole che anche i politici (quindi pure i consiglieri comunali) come i funzionari dello Stato debbano attenersi alle regole nell’ambito del quadro normativo vigente. Dall’altra, è giusto e legittimo che i rappresentanti eletti dal popolo abbiano la libertà politica e di opinione. Non li si è voluti imbavagliare. Né limitare in alcun modo nel loro campo di azione. A maggior ragione se si intende mantenere la rappresentanza politica come militanza e non si vuole professionalizzare una funzione che per ora è di milizia ed è confrontata con un sistema ‘iperegolamentato’ e a rischio di burocratizzazione.

Il caso relativo all’errore formale della votazione sulla riduzione del moltiplicatore chiama dunque in causa (e alla cassa se la petizione venisse accolta) i politici. È simile per certi versi all’iniziativa decisa dal gruppo Lega in Consiglio comunale e dai quattro consiglieri comunali leghisti membri della commissione delle Petizioni che si rifiutano di affrontare e di esaminare le richieste di naturalizzazioni a Lugano. La differenza sostanziale è che quest’ultima è una violazione dei compiti deliberata. Perciò, quando partirà la segnalazione da parte del presidente del Consiglio comunale, l’autorità di vigilanza non avrà un gran margine di manovra: dovrà sanzionarli.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved