ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
1 gior

Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen

Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
2 gior

Bum! Bal(l)istica elettorale

L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
2 gior

La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta

Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
3 gior

Il grande ricatto di Putin

Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
4 gior

Valera è la cosa giusta

Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
5 gior

Rito dunque sono

Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
6 gior

Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco

Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett

Erdogan e il gioco delle tre carte

Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett

L’isola delle rose

Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett

Federer, il più amato

Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
Commento
1 sett

L’urgenza relativa di riformare l’Avs

‘Taglio delle rendite’, risanamento ‘inevitabile’: mezze verità e allarmismo la fanno da padroni nella campagna in vista della votazione del 25
laR
 
23.09.2020 - 06:00

Premi malattia, una stangata evitabile

I costi l'anno prossimo in Ticino aumenteranno in media dell'2,1%. Quattro volte in più rispetto a quanto avverrà nel resto della Svizzera

di Generoso Chiaradonna
premi-malattia-una-stangata-evitabile
(Archivio Ti-Press)

La consolazione, se così vogliamo chiamarla, è che almeno al resto degli svizzeri è stata evitata la solita stangata autunnale. Gli aumenti medi dei premi di cassa malati saranno dell’ordine dello 0,5% a livello nazionale con le dovute eccezioni: in alcuni cantoni diminuiranno leggermente (a Zurigo e Appenzello interno, tra il -0,7 e il -1,6%), in altri in modo quasi impercettibile (tra lo 0,1 e lo 0,2%) e in altri invece aumenti più marcati. Il Ticino guida la classifica di questi ultimi facendo registrare per il 2021 l’incremento medio più sostanzioso: +2,1% a livello nazionale. Se si guarda di fino, l’aumento del premio sarà dell’1,9% per gli adulti, del 2,9% per i giovani adulti e dello 0,9% per i minorenni. Ancora una volta, quindi, a pagare il costo maggiore saranno le famiglie del ceto medio, quelle escluse da qualunque tipo di sussidio, con redditi stagnanti da anni e che – con i chiari di luna della crisi economica post-Covid in arrivo – non miglioreranno di certo a breve. Insomma, quei tre o quattrocento franchi che l’anno prossimo andranno ad aggiungersi alle spese familiari peseranno ancora di più. E nell’anno del coronavirus si potevano e dovevano evitare. A maggior ragione, come ha rivelato un indignato consigliere di Stato Raffaele De Rosa, se dobbiamo dire grazie all’Ufficio federale della sanità pubblica che ha ritoccato al rialzo i premi rispetto a quanto proposto dalle stesse casse malati. La giustificazione? L’aumento già sostanzioso dei premi dello scorso anno (+2,5% in media) non avrebbe coperto interamente il reale aumento dei costi della sanità di quell’anno. Affermazione che dobbiamo prendere per buona, in quanto nemmeno il Dss ha avuto a disposizione tutti i dati per valutare l’adeguatezza dei premi proposti dalle casse malati. Insomma, ci dobbiamo fidare. Eppure ci sarebbe bisogno di maggiore trasparenza, come giustamente richiesto con le tre iniziative cantonali pendenti a Berna. Proposte che mirano a dare, nell’ordine, più poteri ai Cantoni in materia di premi; pretendere riserve adeguate ai rischi e fissazione di premi che rispecchino veramente la dinamica dei costi. Visto il trattamento riservato al Ticino sulla determinazione dei premi di quest’anno, si è forse troppo ottimisti sulla bontà dell’esito di queste legittime richieste. Sulle riserve lo stesso Ufficio federale della sanità pubblica ha ottenuto dagli assicuratori una compensazione dei premi incassati in eccesso pari a 211 milioni. Briciole rispetto all’aumento medio di un miliardo di franchi di riserve che ogni anno vanno dalle tasche degli assicurati a quelle delle casse malati. Attualmente ammontano a 11 miliardi, più del doppio di quanto richiesto dalla legge. A ogni modo, i costi assicurativi per una famiglia di quattro persone, con due bimbi piccoli, sono più elevati del carico fiscale. Almeno per chi è fuori dalle soglie di reddito di accesso per la riduzione dei premi malattia. L’intera impalcatura della Lamal, insomma, sta mostrando i limiti.

Aumentare solo i sussidi, misura più che doverosa, non è comunque la soluzione all’evoluzione dei costi della salute. Il problema è nel sistema bloccato da veti contrapposti. Riduzioni dell’offerta andrebbero a discapito dei cittadini, degli operatori sanitari e della nutrita lobby che orbita attorno alle casse malati. Ci perderebbero tutti. Lo abbiamo visto con la crisi sanitaria della scorsa primavera. Il blocco degli interventi non necessari ha determinato da una parte un calo delle prestazioni sanitarie a carico delle casse malati, quindi del fatturato di medici e cliniche, minori cure per i pazienti non Covid e un aumento dei costi, a carico di tutta la collettività, per gli ospedali pubblici. 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved