laRegione
Nuovo abbonamento
manchera-don-roberto-l-eroe-della-strada-vicino-agli-ultimi
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
1 gior

E Trump avvertì: Non finirà bene

Il peggior confronto televisivo tra due candidati alla presidenza Usa ha fugato ogni dubbio sulla persona e le intenzioni del presidente
L'analisi
1 gior

Trump evasore o fallito

L'inchiesta del New York Times smaschera il castello di menzogne su cui il presidente ha costruito il proprio impero
DISTRUZIONI PER L'USO
2 gior

Se l'attore brucia il teatro (di politica, social e insulti)

Anche il presidente ticinese di un partito storico come il Ppd usa i social network come certi populisti. Con conseguenze pericolose
Commento
2 gior

Perché mai pagare le tasse?

Se tutti si comportassero come Trump, lo stato rischierebbe la bancarotta!
Commento
2 gior

Disco e pallone nel campo dei tifosi

Presentati i protocolli di sicurezza anti-Covid allestiti da calcio e hockey in vista dell'apertura degli stadi a più di 1'000 spettatori
Commento
3 gior

Accordo quadro, Consiglio federale tra l’incudine e il martello

Il progetto nel paese è inviso a tutti o quasi. Ma l’alternativa non sarà lo statu quo e rischia di costare cara alla Svizzera
L'analisi
5 gior

La solidarietà europea non aiuta i migranti

Il Patto presentato da Ursula von del Leyen lascia irrisolti i temi che più dividono e conferma la chiusura delle frontiere
Commento
6 gior

Festival di Locarno, come ruggirà il Pardo senza testa?

Al di là dei motivi che hanno portato all'addio della direttrice artistica Lili Hinstin, bisogna interrogarsi sulle prospettive del festival
Commento
1 sett

'Tocca alle Ffs trovare una soluzione idrica per Coldrerio'

Commento
16.09.2020 - 06:000
Aggiornamento : 08:07

Mancherà don Roberto, l’eroe della strada, vicino agli ultimi

Sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore

Don Roberto Malgesini, 51 anni, ha dato la sua vita per gli ultimi. Schivo e riservato, era sempre in prima linea quando bisognava aiutare gli emarginati di Como. Portava la colazione ai senzatetto e ai migranti. Era come un padre per i diseredati. Uno di loro l’ha ucciso. Un tunisino con problemi psichici, senza fissa dimora, ospite di un dormitorio in città (vedi pag. 10). Don Roberto lo aiutava da tempo. Una discussione, il coltello e una preziosa vita spezzata. Questi uomini di Dio, che decidono di vivere la loro missione in strada, sono amati dalla gente come eroi, perché sanno dare una speranza a chi si è perso, sanno riannodare tessuti sociali strappati, diventano importanti ponti tra culture, arrivano dove lo Stato è latitante. Sono esempi virtuosi che catalizzano le forze della comunità, traducendole in progetti concreti. Forze positive travolgenti, sanno risvegliarci dal torpore dell’impotenza davanti alla miseria altrui. Quando li incontri ti fanno venir voglia di essere una persona migliore. Non cercano riflettori, potere, applausi. Lavorano nel silenzio per il bene di tutta la comunità. Sono preziose lucciole. Quando una tra loro si spegne ci ritroviamo tutti un poco più smarriti.

Non è il primo pastore dei poveri a fare questa fine. Venti anni fa, la stessa sorte è toccata a don Renzo, il parroco di Ponte Chiasso che aiutava i migranti, ucciso sul sagrato della sua chiesa da uno sbandato che aveva accolto. Anche il più famoso pastore dei diseredati elvetico, lo zurighese Ernst Sieber, strenuo difensore dei poveri, era stato aggredito più e più volte.  

Perché un senzatetto uccide la mano che lo aiuta? Sembra un atto contro natura. Proviamo a capire. Anche questi parroci talvolta devono dire di no ai loro assistiti. A volte non bastano un sorriso e una croce a placare la furia di una mente turbata dalla rabbia, stravolta dalla disperazione o annebbiata dall’alcol. Camminano assieme ai più afflitti, ma quanto sono preparati per farlo? Quanto sono sostenuti in questa pericolosa, quanto lodevole, missione? Spesso sono lasciati soli, in prima linea, a difendere gli ultimi, i migranti, a sfidare le politiche di destra e non solo. Incarnano dei simboli positivi, la gente li segue, li aiuta, perché li sente veri.  

Negli anni 80, il pastore Sieber era uno dei pochi che si avventurava nella scena aperta della droga a Platzspitz a Zurigo, portando assistenza ai tossici che giacevano qua e là semi incoscienti. Là dove nemmeno la polizia metteva piede, lui c’era. Forse è la fede a dare coraggio a questi uomini, che sanno mettere gli altri prima di sé stessi. Un grande atto di generosità. Oggi se ne vedono pochi.

L’eredità che lascia don Roberto è l’esempio, solido come una roccia. In una Chiesa stravolta da parecchi scandali anche sessuali, questi esempi virtuosi sono gemme preziose. 

«L’aggressione anche verbale fa parte del rischio. A volte devi saper dire di no e non sai quale reazione aspettarti», mi dice fra Martino Dotta che da anni gestisce la ‘mensa dei poveri’ a Lugano e una seconda struttura di accoglienza a Locarno. Forte della sua fede sa incassare e andare avanti. Quando lui cammina per la strada la gente lo ferma, lo abbraccia. Questo affetto lo sostiene nella sua missione.

© Regiopress, All rights reserved