laRegione
Nuovo abbonamento
(Keystone)
+12
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
8 ore
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
1 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
2 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
2 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
3 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
3 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
4 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
1 sett
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
1 sett
Ticino - Cina: la bocca del cavallo!
Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!
Commento
1 sett
Una luce rossa per il lavoro e la cultura
‘Night of Light’, l'iniziativa che ieri sera ha colorato di rosso la Svizzera, ci ricorda l'importanza non solo economica degli eventi culturali
Commento
1 sett
Libera circolazione sì o no? Tutte le insidie di una votazione
Il Consiglio federale ha lanciato oggi la campagna per il 'no' all'iniziativa di Udc e Asni. Rispetto a pochi mesi fa, la partita appare più aperta.
Commento
1 sett
Dalle sardine anti Salvini ai Tik Tok contro Trump
Se si vuole sconfiggere un forte antagonista, lo si deve anche saper affrontare, scegliendo proprio il suo campo di battaglia!
L'analisi
1 sett
Togliete il ginocchio dal mio collo!
In America si aggira, come in Europa, un autoritarismo grossolano e tracotante che mette in pericolo i fondamenti della democrazia liberale
Commento
1 sett
Quei sondaggi contro Donald Trump
Forse Joe Biden ha sfoderato l’arma vincente. Lasciare che sia il rivale Donald Trump a rovinarsi con le sue mani.
Commento
2 sett
Il finanziere imborsato e gli 'animal spirits'
In questi mesi è emerso come non mai un paradigma socioeconomico distorto: quello che quarant’anni fa si presentava senza alternativa, oggi appare insostenibile
Commento
2 sett
Le sfide che la scuola deve cogliere
Non va taciuto che in alcune sedi la didattica a distanza non è stata impeccabile, e il lassismo di alcuni docenti lo hanno pagato allievi e famiglie
Commento
2 sett
È la stagione della resilienza
La lunga estate dell'hockey che aspetta di conoscere il proprio destino. In attesa delle scelte della politica e con la minaccia del ritorno del Virus
Commento
2 sett
Virus, ora liberi tutti? No, occorre prudenza!
Fine dello stato di necessità: il Covid resta in agguato dietro il cespuglio, dobbiamo continuare a convivere. La prudenza aiuta, la paura no!
L'analisi
2 sett
Segnali di fumo da Pyongyang
Calcolo e azzardo nella rappresaglia di Kim Jong-un contro Seul
Commento
2 sett
Vacanze: tutti a caccia di turisti
Strizzatine d'occhio o meno, un elemento sarà comunque determinante nella scelta finale: molto dipenderà dai prezzi. Gli operatori turistici sono avvisati!
DISTRUZIONI PER L'USO
2 sett
Sul razzismo rischiamo di sprecare l'occasione
Negli Usa è in corso una discussione epocale sull'identità condivisa. Noi invece perdiamo tempo coi Moretti e straparliamo di "buonismo". Peccato
Commento
2 sett
La Svizzera non ha un passato coloniale, ma...
Dalle proteste per l'uccisione di George Floyd alle richieste di rimozione di statue anche in Svizzera. De Pury 'denaro guadagnato col sangue...'!
DISTRUZIONI PER L'USO
30.05.2020 - 10:300
Aggiornamento : 11:57

Perdere il corpo (in morte di George Floyd)

"I can't breathe". Non riesco a respirare. Storia di una discriminazione che da sociale ed economica si fa fisica. Non solo negli Usa

“I can’t breathe”. Non riesco a respirare. Le ultime parole dell’afroamericano George Floyd – soffocato dal ginocchio di un poliziotto di Minneapolis dopo dieci minuti di agonia – sono le stesse di Eric Garner, ucciso a Staten Island nel 2014. Parole diventate uno slogan di chi combatte per i diritti civili. Le stesse che avranno pensato i ‘frutti strani’ di Billie Holiday, quelli appesi ai pioppi dopo i linciaggi, “sangue sulle foglie e sangue sulle radici”, ormai incapaci di aprire la bocca al vento. “Un corpo nero dondola nella brezza del sud”.

Il video della morte di Floyd è circolato ampiamente sul web, è difficilissimo da guardare, eppure guardare si dovrebbe. Non per voyeurismo, e neanche per abbandonarsi a quei meccanismi di facile indignazione che con poco sforzo ci fanno sentire persone migliori. Si dovrebbe guardare perché dà consistenza fisica all’oppressione degli afroamericani, confermando quanto spiegava a suo figlio Ta-Nehisi Coates un paio d’anni fa sul problema di “perdere il proprio corpo”: “La nostra stessa terminologia – relazioni di razza, divario tra razze, giustizia razziale, profili razziali, privilegio bianco, persino supremazia bianca – serve a offuscare il fatto che il razzismo è un’esperienza viscerale, che stacca pezzi di cervello, soffoca, strappa muscoli e organi, spezza ossa, spacca i denti. Non devi mai distogliere lo sguardo. Devi ricordare che la sociologia, la storia, l’economia, i grafici… tutto questo atterra, con grande violenza, sul corpo”.


(Keystone)

E quel ginocchio

L’altro lato di quella fisicità sta nel ginocchio dell’agente puntato contro il collo di Floyd, steso a terra. Sui social network LeBron James, spettacolare ala dei Lakers, lo ha contrapposto all’inginocchiarsi di Colin Kaepernick, il giocatore di football americano che contesta così la discriminazione razziale prima di ogni partita (ed è finito senza contratto in uno sport dove spesso sono tutti neri a parte il ‘capitano’, o quarterback, e l’allenatore). Poco sopra al ginocchio dell’agente c’è il suo sguardo stolido, mentre se ne sta lì per un tempo che sembra infinito, mentre i passanti gli urlano di smetterla e un collega li tiene distanti: lo sguardo di qualcuno per il quale quella è la cosa più normale del mondo. Così come è normale per i soccorritori che arrivano a raccogliere il corpo esanime di Floyd, e che ne verificano il battito dal collo senza neppure chiedere all’agente di spostarsi. Una normalità fatta sistema.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Do you understand NOW!!??!!?? Or is it still blurred to you?? 🤦🏾‍♂️ #StayWoke👁

Un post condiviso da LeBron James (@kingjames) in data:

Non solo laggiù

Negli Stati Uniti, si sa, è tutto più grande, più clamoroso. E quindi anche più brutale. Ma sarebbe ipocrita pensare che “da noi non succede”. Succede eccome, passa da analoghe discriminazioni e a volte sfocia in simili forme di violenza. Succede nelle banlieues francesi – dove i casi di neri uccisi, addirittura stuprati coi manganelli dalla polizia si rincorrono – e nei centri d’accoglienza italiani. 

In tutti i casi, la questione della razza si intreccia con quella della povertà e della subordinazione sociale: così come vengono uccisi dalla polizia tre volte più spesso dei bianchi, gli afroamericani sono anche quattro volte più esposti alla morte per Covid-19, dovendo lavorare anche durante il lockdown e vivere in case affollate, già afflitti da altre malattie e senza assistenza sanitaria. Situazioni che si replicano ‘in minore’ anche di qua dall’Atlantico. Così come si ripete la stessa costruzione del pregiudizio, utile proprio a giustificare lo sfruttamento e l’emarginazione. Non attraverso gli “sporco negro” – quelli non si usano più nemmeno in America – ma attraverso segnali più velati, un dico-non-dico che ha diverse gradazioni e spesso viene replicato in modo inconsapevole: dal più rozzo “migranti con lo smartphone” al “più lavoro, non più immigrati”, fino all’abitudine di mettere la nazionalità di un criminale nei titoli solo quando non è la nostra. Gli Americani la chiamano ‘dog-whistle politics’, perché equivale a utilizzare un fischietto a ultrasuoni, le cui frequenze sono udite solo da chi è sulla nostra lunghezza d’onda – in molti casi la ‘maggioranza silenziosa’ di nixoniana memoria – senza passare per razzisti tout court (d’altronde spopola ancor il “non sono razzista, ma…”). È il fischietto che richiama alla repressione e alla violenza, sociale quando non letterale.

La legge contro

Ora, come succede sempre, Minneapolis è incendiata dalle proteste, che a loro volta verranno strumentalizzate per fomentare la paura dell’uomo nero. Proteste contro una legge e una giustizia che “il nero è giunto a vedere giornalmente non come una protezione, ma come fonte di umiliazione e soppressione” (così scriveva nel 1939 – lo stesso anno in cui Billie Holiday cantava per la prima volta ‘Strange Fruit’ – W.E.B. Du Bois, il cui ‘The Souls of Black Folk’ non invecchia mai). Non a caso la contestazione investe anche simboli quali le caserme di polizia. Come a Los Angeles nel 1992, come a Ferguson nel 2014. Fino al prossimo che “per mano poliziotta” sarà costretto a dire: I can’t breathe.

Guarda tutte le 16 immagini
© Regiopress, All rights reserved