perdere-il-corpo-in-morte-di-george-floyd
(Keystone)
+12
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
2 ore

Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona

L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 gior

La Corte suprema Usa e i suoi imam

Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
3 gior

A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)

Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
3 gior

M5S, la diversità di essere uguali

Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
4 gior

Le conseguenze della guerra

Commento
4 gior

Magistratura, se la politica non fa i compiti

Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
5 gior

Calcio femminile a maturazione lenta

I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
5 gior

Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr

Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
6 gior

Giochi di potere a Wimbledon

La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett

Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano

Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
1 sett

Ha vinto solo Marine Le Pen

La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Sguardo a Nord
1 sett

Casa dolce casa

Commento
1 sett

Il Tour, i Tir e quello striscione-verità

Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
Commento
1 sett

La canzone del Fibra

È pericoloso come dicono le femministe? O siamo bacchettoni? Comunque sia, prima di portare un artista in piazza, meglio ascoltarsi un paio di suoi dischi
Commento
1 sett

Dal Consiglio degli Stati due colpi al salario minimo

Campane a morto alla Camera dei cantoni per il progetto di legge nato dalla mozione Abate sui ‘distaccati’ e sostenuto da quasi tutti i... cantoni
il commento
1 sett

Dio, Marx e referendum

L’Italia di Guareschi è ancora lì, appesa al Vaticano e al Cremlino, come ai tempi di Dc e Pci, e così la politica continua a generare mostri elettorali
LA TRAVE NELL'OCCHIO
1 sett

Noi, i degenerati difensori della liberaldemocrazia

Il mattoncino del muro di Berlino me lo aveva regalato l’amico filosofo che era stato da quelle parti nel 1989...
TRIBUNA LIBERA
2 sett

L’Oscar dei cattivi

Può essere attribuito al principale nemico della piazza finanziaria svizzera: gli Stati Uniti. Ma anche la Svizzera e altri Paesi hanno parecchie colpe
Commento
2 sett

Monito a Macron dalla nuova ‘gauche’

Il presidente verso un pareggio che suona come una sconfitta. La sinistra rialza la testa in vista dei ballottaggi
La formica rossa
2 sett

Joseph Blatter, il signore degli anelli

Sepp come Gollum, logorato dal potere, è oggi un piccolo ometto giallastro e gobbo che attraversa le strade di Bellinzona con passo ansimante
Commento
2 sett

Sport, letteratura e orfani di Clerici

C’è chi usa la morte del giornalista per decretare la fine della letteratura sportiva. Non è così: a tanti, però, manca la curiosità di cercare la qualità
Commento
2 sett

Il frontalierato delle armi da fuoco

Dopo l’ennesima strage in suolo azteca, il Messico denuncia undici fabbricanti d‘armi americani: ’Sono complici dei narcos’
Commento
2 sett

Al Consiglio di sicurezza la Svizzera si mette alla prova

Il seggio di membro non permanente per il biennio 2023/2024 è anche un test per la politica di neutralità in corso di ridefinizione
Commento
2 sett

Milton Friedman, gli industriali ticinesi e i comuni mortali

‘Meno Stato, più aiuti’: sarebbe questa la strategia dell’Aiti per affrontare la contingenza tutt’altro che favorevole per l’economia
La formica rossa
2 sett

I ‘comunisti’ ticinesi tra Marx e Abatantuono

Il segretario politico Massimiliano Ay giustifica di nuovo la guerra russa, con argomenti che ricordano più Attila che i classici del marxismo
DISTRUZIONI PER L'USO
30.05.2020 - 10:30
Aggiornamento: 11:57

Perdere il corpo (in morte di George Floyd)

"I can't breathe". Non riesco a respirare. Storia di una discriminazione che da sociale ed economica si fa fisica. Non solo negli Usa

“I can’t breathe”. Non riesco a respirare. Le ultime parole dell’afroamericano George Floyd – soffocato dal ginocchio di un poliziotto di Minneapolis dopo dieci minuti di agonia – sono le stesse di Eric Garner, ucciso a Staten Island nel 2014. Parole diventate uno slogan di chi combatte per i diritti civili. Le stesse che avranno pensato i ‘frutti strani’ di Billie Holiday, quelli appesi ai pioppi dopo i linciaggi, “sangue sulle foglie e sangue sulle radici”, ormai incapaci di aprire la bocca al vento. “Un corpo nero dondola nella brezza del sud”.

Il video della morte di Floyd è circolato ampiamente sul web, è difficilissimo da guardare, eppure guardare si dovrebbe. Non per voyeurismo, e neanche per abbandonarsi a quei meccanismi di facile indignazione che con poco sforzo ci fanno sentire persone migliori. Si dovrebbe guardare perché dà consistenza fisica all’oppressione degli afroamericani, confermando quanto spiegava a suo figlio Ta-Nehisi Coates un paio d’anni fa sul problema di “perdere il proprio corpo”: “La nostra stessa terminologia – relazioni di razza, divario tra razze, giustizia razziale, profili razziali, privilegio bianco, persino supremazia bianca – serve a offuscare il fatto che il razzismo è un’esperienza viscerale, che stacca pezzi di cervello, soffoca, strappa muscoli e organi, spezza ossa, spacca i denti. Non devi mai distogliere lo sguardo. Devi ricordare che la sociologia, la storia, l’economia, i grafici… tutto questo atterra, con grande violenza, sul corpo”.


(Keystone)

E quel ginocchio

L’altro lato di quella fisicità sta nel ginocchio dell’agente puntato contro il collo di Floyd, steso a terra. Sui social network LeBron James, spettacolare ala dei Lakers, lo ha contrapposto all’inginocchiarsi di Colin Kaepernick, il giocatore di football americano che contesta così la discriminazione razziale prima di ogni partita (ed è finito senza contratto in uno sport dove spesso sono tutti neri a parte il ‘capitano’, o quarterback, e l’allenatore). Poco sopra al ginocchio dell’agente c’è il suo sguardo stolido, mentre se ne sta lì per un tempo che sembra infinito, mentre i passanti gli urlano di smetterla e un collega li tiene distanti: lo sguardo di qualcuno per il quale quella è la cosa più normale del mondo. Così come è normale per i soccorritori che arrivano a raccogliere il corpo esanime di Floyd, e che ne verificano il battito dal collo senza neppure chiedere all’agente di spostarsi. Una normalità fatta sistema.

 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Do you understand NOW!!??!!?? Or is it still blurred to you?? 🤦🏾‍♂️ #StayWoke👁

Un post condiviso da LeBron James (@kingjames) in data:

Non solo laggiù

Negli Stati Uniti, si sa, è tutto più grande, più clamoroso. E quindi anche più brutale. Ma sarebbe ipocrita pensare che “da noi non succede”. Succede eccome, passa da analoghe discriminazioni e a volte sfocia in simili forme di violenza. Succede nelle banlieues francesi – dove i casi di neri uccisi, addirittura stuprati coi manganelli dalla polizia si rincorrono – e nei centri d’accoglienza italiani. 

In tutti i casi, la questione della razza si intreccia con quella della povertà e della subordinazione sociale: così come vengono uccisi dalla polizia tre volte più spesso dei bianchi, gli afroamericani sono anche quattro volte più esposti alla morte per Covid-19, dovendo lavorare anche durante il lockdown e vivere in case affollate, già afflitti da altre malattie e senza assistenza sanitaria. Situazioni che si replicano ‘in minore’ anche di qua dall’Atlantico. Così come si ripete la stessa costruzione del pregiudizio, utile proprio a giustificare lo sfruttamento e l’emarginazione. Non attraverso gli “sporco negro” – quelli non si usano più nemmeno in America – ma attraverso segnali più velati, un dico-non-dico che ha diverse gradazioni e spesso viene replicato in modo inconsapevole: dal più rozzo “migranti con lo smartphone” al “più lavoro, non più immigrati”, fino all’abitudine di mettere la nazionalità di un criminale nei titoli solo quando non è la nostra. Gli Americani la chiamano ‘dog-whistle politics’, perché equivale a utilizzare un fischietto a ultrasuoni, le cui frequenze sono udite solo da chi è sulla nostra lunghezza d’onda – in molti casi la ‘maggioranza silenziosa’ di nixoniana memoria – senza passare per razzisti tout court (d’altronde spopola ancor il “non sono razzista, ma…”). È il fischietto che richiama alla repressione e alla violenza, sociale quando non letterale.

La legge contro

Ora, come succede sempre, Minneapolis è incendiata dalle proteste, che a loro volta verranno strumentalizzate per fomentare la paura dell’uomo nero. Proteste contro una legge e una giustizia che “il nero è giunto a vedere giornalmente non come una protezione, ma come fonte di umiliazione e soppressione” (così scriveva nel 1939 – lo stesso anno in cui Billie Holiday cantava per la prima volta ‘Strange Fruit’ – W.E.B. Du Bois, il cui ‘The Souls of Black Folk’ non invecchia mai). Non a caso la contestazione investe anche simboli quali le caserme di polizia. Come a Los Angeles nel 1992, come a Ferguson nel 2014. Fino al prossimo che “per mano poliziotta” sarà costretto a dire: I can’t breathe.

Leggi anche:

Minneapolis, terza notte di scontri: rogo fuori commissariato

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved