laRegione
quell-ebreo-di-un-gesu
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
8 ore

Il vaccino russo è quasi pronto, la sua produzione no

Forti dei loro studi sulla Sars, gli scienziati russi sono partiti avvantaggiati sulla ‘concorrenza’. Ma ora mancano le infrastrutture
Commento
1 gior

Caso Chiappini: via Borghetto, quante domande!

Sul chi sapesse cosa si gioca anche la credibilità di altre personalità della diocesi e magari anche della facoltà di teologia
Commento
1 gior

Le sfide di Speziali, nel futuro ma non dimenticando il passato

Il neopresidente del Plr ha una visione per i prossimi anni che sarà di successo solo se sarà all'insegna dell'ascolto e del rispetto per la storia e le sensibilità
Commento
3 gior

La piccola Greta e il pulmino solo per residenti

Brutto esempio di ingiustizie e diseguaglianze anche fra gli ultimi
Commento
3 gior

Dio quanto ti odio (anche i quotidiani nel loro piccolo...)

(...s'incazzano) Il Giornale di Brescia ‘molla’ Facebook. ‘L’ora dei social è al tramonto’, commenta qualcuno. Ma lo dicevano anche del karaoke (maledetto Fiorello).
Commento
3 gior

Per un dibattito responsabile evitiamo i complottismi

Dal ‘Great Reset‘ alle pandemie programmate, evitiamo le teorie cospirazioniste che rendono impossibile discutere delle sfide che ci attendono
Commento
4 gior

Ginnaste ridotte a marionette, una cultura da cambiare

Una medaglia, magari olimpica, vale tante umiliazioni e violenze psicologiche? Tanti tabù da superare
Commento
5 gior

Iniziativa responsabile, controprogetto insostenibile

Responsabilità civile, obbligo di dovuta diligenza, piccole e medie imprese: alcune cose da ricordare al termine di una campagna che ha ‘deragliato’.
Commento
5 gior

La comunicazione durante il lockdown: luci e ombre

Un sondaggio Ustat mostra l'efficacia dell'informazione ‘unificata’ sotto lo Stato maggiore cantonale. Ma anche una critica è doverosa
Commento
03.12.2019 - 08:310
Aggiornamento : 08:57

Quell’ebreo di un Gesù

L'odio e il livore in tre casi esemplari di escalation negazionista e antisemita, non più derubricabili a semplici espressioni di menti deboli

Non si tiri più in ballo l’ignoranza. L’escalation di affermazioni negazioniste e antisemite di cui hanno dato conto (e in almeno un caso irresponsabilmente dato spazio) i giornali italiani non consente più di derubricare a espressioni di menti deboli quel torrente di livore e di odio che cresce da mesi, anni. Tre casi di esemplarità istruttiva lo confermano, e rinviano a un contesto sempre più degradato.

Settimana scorsa, dopo la notizia delle indagini a carico di un gruppo intenzionato a fondare un partito nazista in Italia, alcuni quotidiani hanno voluto intervistare la donna che ama definirsi la “sergente di Hitler”.

Questa Antonella Pavin, infastidita dall’ennesima domanda sulla Shoah, ha liquidato la questione affermando che ad Auschwitz c’erano “piscina, teatro e cinema”. Una poveretta, senza dubbio, ma non isolata. Il suo deficit è speculare alla sicumera con cui Robert Faurisson, faro degli storici negazionisti, diceva più o meno la stessa cosa, pretendendo di poterla provare.

Poi è venuto Fabio Tuiach, consigliere comunale a Trieste, che ha votato contro l’attribuzione della cittadinanza onoraria a Liliana Segre (reduce di Auschwitz, come è noto), e passi. Il motivo lo ha spiegato lui stesso a telecamere accese: in quanto “profondamente cattolico” si è sentito offeso dalla signora Segre “secondo la quale” Gesù era ebreo. La differenza con l’aspirante gerarca, un salto di livello, è che questo qui è anche stato eletto. Per Lega e Forza Nuova, sia detto.

Ultimo Emanuele Castrucci che ha postato su Twitter un’immagine di Adolf Hitler con il proprio cane, accompagnato da questo testo: “Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri che oggi vi governano dominando il mondo”. Nome sconosciuto ai più, molto probabilmente, ma che è quello di un signore che insegna Filosofia del diritto all’Università di Siena. In questo caso, Castrucci ha rivendicato la propria libertà di pensiero, e incautamente anche il rettore dell’ateneo ha cercato di ridimensionare a “opinioni personali” le sue parole. Salvo poi promuovere il suo allontanamento dalla cattedra.

Naturalmente, focalizzarsi su tre individui più o meno padroni delle proprie parole o della propria deliberata menzogna potrebbe non portare lontano. Ben più importante è interrogarsi su come e quanto è mutato un contesto politico e culturale, al punto che non vigono più ritegno né si nutrono timori nel dare il proprio volto e il proprio nome a simili schifezze. Peggio: a prendersi la libertà di affermarle non più nel chiuso di cenacoli esaltati o in un depresso tinello brianzolo, ma in sedi istituzionali o accademiche. Chi se ne serve per profitto politico ne condivide la colpa; ma anche chi se ne ritrae, incapace di affrontarle, dischiude loro la strada del successo.

© Regiopress, All rights reserved