laRegione
Nuovo abbonamento
Bethel, agosto 1969 (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
7 ore
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
1 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
1 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
2 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
2 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
3 gior
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
L'analisi
6 gior
Palestinesi stranieri in casa propria
Il primo luglio Israele potrebbe dare corso all’annessione del 30% della West Bank
Commento
1 sett
'Bravate' e disattenzioni mortali in stazione
Quei destini che si incrociano sulle rotaie portando sofferenza in tante famiglie.
Commento
1 sett
Covid-19, quel cortocircuito tra crisi e assistenza
Sono 8’300 le persone finite a carico dell’assistenza sociale. E come nel 1929, il rischio è ampliare la frattura sociale già esistente tra chi ha e chi non ha
Commento
1 sett
Djokovic irresponsabile, anche se il cuore è puro
Il cerchio dell’Adria Tour si è chiuso con la positività del serbo che il torneo ha voluto e promosso. ‘Abbiamo agito a fin di bene’. Ma con superficialità
Commento
1 sett
Ticino - Cina: la bocca del cavallo!
Evitiamo beatificazioni: la democrazia (chiedetelo a quelli di Hong Kong) è veramente tutt’altra cosa!
Commento
1 sett
Una luce rossa per il lavoro e la cultura
‘Night of Light’, l'iniziativa che ieri sera ha colorato di rosso la Svizzera, ci ricorda l'importanza non solo economica degli eventi culturali
Commento
13.08.2019 - 06:000
Aggiornamento : 09:39

Giù alla fattoria di Max Yasgur

Tanta era l’utopia che oggi Woodstock, più che la ‘tre giorni di pace, amore e musica’ pare un’episodio di ‘Black Mirror' (cercando l'hippy che è dentro di noi)

“Il girato sarebbe stato perfetto per un film di sette ore”. Seduto su di una piattaforma a due metri e mezzo da terra, alla destra del palco, poco sotto un grappolo di amplificatori, il giovane Martin Scorsese è tra i montatori del documentario che racconterà il raduno di Woodstock. È da lì, con la visuale su palco e pubblico, che si accorge che l’happening sotto i suoi occhi non sarà un fine settimana come gli altri. “Fu di venerdì – scriverà anni dopo sulle pagine del ‘Sunday Times’ – che capimmo di essere coinvolti in qualcosa di più di un concerto rock”. Definirà quel film “un azzardo”, soprattutto per un’epoca in cui il cinema applicato all’evento musicale andava poco oltre le telecamere fisse. Un azzardo dalle inquadrature multiple nel quale le nudità del pubblico, la pioggia purificatrice, il senso di comunità, l’assenza di polizia e di violenze – una sola overdose fatale su 400mila anime, in un momento in cui lo sballo era religione, e un secondo decesso, ascrivibile all’imprevisto – sono più trasgressive di qualunque esibizione, bizza da star, costume di scena.

Grazie a quel documentario, il mondo intero vivrà in modo proto-social una sorta di “lo spettacolo lo fate voi”, idea che oggi è un mezzo imbroglio perché il pubblico pretende e gli artisti obbediscono, e invece a Woodstock andava bene tutto, che fosse un sitar, l’invocazione di un santone indiano, il latin rock di Santana o le parole dei songwriter (anche senza Bob Dylan); quel pubblico ancora se ne fregava dei piedistalli sui quali l’industria del rock, intuito che i giovani erano mercato, di lì a un paio di anni si spenderà nel trarre – dai piedistalli, col prodotto ben saldo alla base – il massimo profitto.

Il resoconto per immagini di Woodstock varrà al regista Michael Wadleigh un Oscar nel 1971, prima dell’oblìo seguito all’horror con rimandi ecologisti ‘Wolfen, la belva immortale’ (1981). Quanto a Scorsese, dirigerà ‘The Last Waltz’, concerto d’addio di The Band, con lo stesso taglio ‘umano’ di Wadleigh. E quanto a ‘Woodstock’, il documentario, dice ancora il montatore del tempo: “Quello che il film ha fatto e continua a fare è distillare l’esperienza, e tenerla viva”.

Ed è proprio per tenere viva l’“esperienza” – termine che fa la felicità degli uffici del turismo – che alle pagine 2 e 3 abbiamo provato a ricostruire un evento che oggi rivive nel museo di Saugerties, a poche miglia dal palco. Un’esperienza iniziata anni prima, nella quale confluirono l’estate dell’amore, il Monterey festival, la California in pieno flower power, l’America che spediva i propri figli a morire in Vietnam, e che in Vietnam continueranno a morire anche dopo Woodstock, e molto altro. Sui seicento acri di Max Yasgur, dove si tenne il concerto, soffiava ancora, ancor più dopo ‘Sgt. Pepper’s’, il vento dei Beatles; era ancora, per dirla con Assante e Castaldo, il tempo in cui “l’underground era al potere”, e la migliore musica era anche la più venduta. Un tempo in cui Charles Manson non era l’ideale hippie putrefatto, ma solo l’altra faccia della medaglia delle rivoluzioni, che si tratti di pacifismo o di tecnologia.

La San Francisco in fiore cantata in ogni strofa e in ogni riff, da Scott McKenzie ai Mamas & Papas, oggi fa tenerezza per la sua purezza di fondo; tanta era l’utopia che oggi Woodstock, più che la ‘tre giorni di pace e musica’, pare un episodio di ‘Black Mirror’. Eppure, c’è un hippy in ognuno di noi quando facciamo qualcosa infischiandocene dell’immediato tornaconto, quando vestiamo patchwork e non è carnevale, e quando ormai certi che una canzone non cambierà il mondo, riusciamo a sentirci felici anche per tre minuti e trenta secondi, attendendo che la radio torni a passare ‘With a little help from my friends’ per intero.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved