laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Opinioni
Commento
15 ore
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
1 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
3 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
4 gior
Covid: movida e vacanze, rialzare la guardia, prego!
Mascherine da estendere anche a negozi e luoghi affollati! E poi, perché tirarsi addosso un lavoro immane per mettere in quarantena centinaia di persone?
Commento
5 gior
Plr e Ppd su cosa devono puntare?
Non c'è dubbio: il tema del lavoro deve essere al centro delle loro riflessioni
Commento
5 gior
Prudenza col Covid: difficile spiegarlo (anche) alla nonna!
Giusto godersi il momento, tornare ad una certa normalità, ma mantenendo ben bene i piedi per terra!
Commento
6 gior
Aeroporto di Lugano e piano sociale, è ‘scaricabarile’
Fino a qualche mese fa, (quasi) tutti a difesa del personale senza lavoro, ora altro rinvio fra ‘rimpalli’ di responsabilità e il Cantone che nicchia
Commento
6 gior
Violenza domestica. E vai con le assunzioni...
Il Dss preannuncia un concorso per reclutare 'una figura per il coordinamento operativo a sostegno delle vittime'. Ma oggi non ci sono profili nell'Amministrazione?
L'analisi
1 sett
Il funerale dell’etica ebraica
Cosa significa ‘popolo eletto’? Contrariamente alla vulgata dagli echi antisemiti, l’elezione non connota un senso di superiorità.
Commento
19.01.2018 - 06:300

Perché tagliarci la lingua?

La forza della voce. E della parola. Che è poi il nostro essere umani.

La forza della voce. E della parola. Che è poi il nostro essere umani. La forza della lingua che ci fa sentire comunità e ci dona appartenenza. Scriveva Tzvetan Todorov: “La lingua non è uno strumento neutrale, è impregnata di pensieri, azioni, giudizi trasmessi dal passato; essa delinea la realtà in una maniera particolare e infonde in noi una specifica visione del mondo”. Pensiamoci un attimo. La lingua ci racconta la realtà in un certo modo e non in un altro e dunque ci permette di distinguere cosa ci è davvero utile e cosa meno. E questa comprensione, ci dice il filosofo francese d’origine bulgara scomparso all’inizio del 2017, ci aiuta (o ci orienta) nel giudizio sulle cose del mondo. Quando impariamo a parlare, leggere e scrivere la nostra lingua, diventiamo di fatto membri della comunità di appartenenza. Ecco perché conoscere la propria lingua significa conoscere la propria storia e immaginare il futuro.

Chi può fornirci gli strumenti per arrivare a tanto? L’educazione scolastica, beninteso, ma anche tutto ciò che è “servizio pubblico”, ovvero una prestazione pagata da tutti per essere a disposizione di tutti, in ugual misura e portata. Che certo non impedisce ad altri, operatori privati, di fare altrettanto; di partecipare alla crescita della conoscenza individuale e collettiva, ma senza obbligo di sorta. Il servizio pubblico, al contrario, riceve un mandato – affidato dagli eletti democraticamente – che deve rispettare. Vincolante. Se quanto sin qui detto è vero, lo è ancor di più in una realtà confederale qual è quella svizzera. Lo è per le minoranze, bisognose di una voce forte e autorevole per essere ascoltata là dove le maggioranze decidono.

Questo e non altro è stata ed è oggi la Radiotelevisione svizzera di lingua italiana. Di lingua, appunto, che vuol dire molto, tanto di più di quanto riusciamo ad ascoltare e vedere ogni giorno alla radio o alla televisione. È identità, è appartenenza, è “pensieri, azioni, giudizi trasmessi dal passato” appunto. Detta altrimenti, senza una voce importante e pubblica non vi è più garanzia di autonomia, di progetto, di riconoscimento. Di più. Se perdiamo la voce che ci rappresenta (perché questo e non altro è la Rsi), che ci racconta, restiamo anche senza la possibilità di criticare e giudicare la rappresentanza e il racconto. Quanti di noi hanno piacere di criticare la Rsi e sono al contempo consapevoli che lo possono fare per il solo fatto che questa esiste? E ha un prezzo. Perché essere parte, membri di una comunità, senza pagare pegno è certo ambizione ingenua. Si paga in altro modo e oltretutto senza consapevolezza.

Dunque difendere il servizio pubblico radiotelevisivo significa, a ben vedere, lottare per difendere la nostra stessa identità. Meglio, il nostro processo identitario che si plasma quotidianamente. Se spegniamo quella voce – perché se passa l’iniziativa ‘No Billag’ di questo si tratta e non di altro – ridimensioniamo il ruolo della nostra lingua e dunque di noi stessi. D’accordo, magari va rimodulata, accordata ai tempi e alle nuove esigenze tecnologiche. Forse è una voce un po’ afona, ma da qui al silenzio…

© Regiopress, All rights reserved