laRegione
Nuovo abbonamento
Samuel Golay
ULTIME NOTIZIE Opinioni
L'analisi
15 ore
Coronavirus, il rischio economico si è attenuato
Le imprese svizzere, stando a Ubs, si attendono un ritorno alla situazione pre-crisi in tempi più rapidi
Commento
1 gior
Contro l'orrore dei padri-padroni, i silenzi e le paure!
Bisogna far sapere alla vittima che, una volta calato il silenzio nell’aula delle Criminali, non sarà lasciata sola dalle autorità!
Commento
1 gior
Covid: c‘è chi fatica e c‘è chi frega!
Il parlamento aumenti le sanzioni per chi tradisce, in un momento così drammatico per tanti, la fiducia riposta dall’ente pubblico nel singolo!
Commento
1 gior
Essere il paese dei filantropi è rischioso
Sì se c'è un uso improprio del dono e se c'è filantropia interessata, politicizzata, fiscalmente liberatoria...
Commento
2 gior
Il virus dei poveracci, un massacro silenzioso
La pandemia e il lusso di avere una corretta informazione, di avere acqua e sapone per lavarsi le mani, mascherine e spazio per stare lontani
Commento
4 gior
Quale dei tre? Quiz estivo... Maudet, Lauber o Blocher
Spiccano un individualismo e una sfacciataggine sfrenati: quello che conta sono loro, convinti di essere sempre e solo nel giusto!
L'analisi
4 gior
Vince Putin, non la Russia
Con la nuova Costituzione lo ‘zar’ potrà governare fino al 2036. Dovrà però fare i conti con diverse fessure sul piano economico e sociale.
Commento
6 gior
La mente e il grilletto: due pensieri su una strage sventata
La strage sventata alla Commercio deve farci riflettere non solo su come sia facile perdere la testa, ma anche su quanto lo sia armarsi fino ai denti
Commento
27.04.2016 - 10:400
Aggiornamento : 15.12.2017 - 17:10

Tisana, Mereu e le occasioni perse

E, alla fine, niente conferenza di Gabriella Mereu a Lugano. Gli organizzatori di Tisana, dopo le critiche per la presenza di una “dottoressa” che pretende di curare anche le malattie più gravi con parole e invettive, ha deciso di annullare l’incontro. Una buona notizia, vista la pericolosità di una persona che, più o meno velatamente, consiglia di sospendere cure e trattamenti anche salvavita; un atto di censura e persecuzione da caccia alle streghe, come invece sostengono alcuni nelle lettere che, da qualche giorno, stanno arrivando, oltre che alla Rsi per ‘Patti chiari’ e al Municipio di Lugano, anche alla ‘Regione’ che il 16 aprile aveva pubblicato un articolo molto critico verso la terapia verbale di Mereu. In questa contrapposizione tra oppositori e discepoli, colpisce il tono pacato del direttore di Tisana Raffi Mekiker che, ieri in conferenza stampa, ha preferito non scomodare alti ideali come la libertà di espressione e, invece di censura, si è limitato a parlare di un’occasione mancata per discutere alla luce del sole di una pratica controversa che tocca temi importanti e delicati come la salute. Bisogna peraltro riconoscere che Tisana, pur offrendo un palco indubbiamente prestigioso e a suo modo autorevole a una relatrice, come detto, pericolosa, si è anche attivamente impegnata, collaborando con il medico cantonale, affinché Mereu si limitasse alla divulgazione della terapia verbale, senza cercare di “curare” nessuno, restando quindi nella legalità. Tuttavia, la vera occasione persa forse è stata un’altra. Perché il tema della salute è effettivamente importante e delicato, e limitarlo a una (peraltro giustificatissima) polemica contro una singola persona è un peccato. Perché Gabriella Mereu è, con i suoi eccessi, un bersaglio facile, che distrae da quello che dovrebbe essere il vero obiettivo: fare chiarezza sulla validità di pratiche (della medicina ‘ufficiale’ tanto quanto di quella ‘naturale’) la cui efficacia è a volte frutto di abbagli e illusioni. In proposito, è interessante notare un altro passaggio della conferenza stampa di Tisana. «Noi non siamo né pro né contro, siamo degli organizzatori di una manifestazione fieristica». Colpisce, questa frase, perché racchiude uno dei cardini del capitalismo: la neutralità del mercato. Tisana è un evento commerciale, un evento il cui scopo è mettere in contatto la domanda con l’offerta. E, finché si rimane nei limiti della legge, non c’è nulla di male in questo; non fosse che parte di quella domanda – lo si legge chiaramente in molte delle già citate lettere giunte in redazione – è convinta di essere “contro il sistema”, contro Big Pharma e le aziende che si arricchirebbero sulla pelle delle persone. In realtà sono, siamo, tutti parte del sistema; molti prodotti omeopatici, giusto per fare un esempio, sono realizzati da una multinazionale con migliaia di dipendenti e utili di milioni di euro. La sacrosanta diffidenza che molti nutrono verso dottori e aziende farmaceutiche andrebbe estesa anche alla medicina naturale. Ne va del nostro benessere.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved