ULTIME NOTIZIE Inchieste e approfondimenti
Hacker, ricatti e nuove norme
53 min

Ospedali e medici infettati e paralizzati da cyberattacchi

L’EOC ha già respinto truffe e alza le difese. Uno studio medico hackerato può mettere a rischio il sistema sanitario. In arrivo nuove norme sulla privacy
Inchieste e approfondimenti
5 gior

Psicoterapia e casse malati, una riforma con molte criticità

Anche in Ticino persone in formazione costrette a lasciare impiego e assistiti: secondo le nuove norme, non potrebbero infatti fatturare alle casse malati
La repressione in Iran
1 sett

‘Donne coraggio’ che sfidano gli Ayatollah fino alla morte

Campionesse senza hijab, torture, youtubers. Dopo anni di resilienza, si accende la resistenza ma non è ancora rivoluzione.‘Troppi interessi in gioco’
Sanità
2 sett

Fuoco di Sant’Antonio, dopo il Covid. E il ruolo del vaccino

Più casi di Herpes Zoster. Si attiva quando le difese immunitarie si indeboliscono. Due medici spiegano perché Berna raccomanda agli over 65 di vaccinarsi
Sociologia e politica
3 sett

Noi ragazzi Z non vediamo un futuro. Moralisti? Impegnati

Fluidi, inclusivi, ansiosi, connessi, non vogliono figli, attivisti. Una nuova classe politica senz’auto, che sogna una società decelerata
Monete digitali
3 sett

Nella Lugano delle criptovalute: sfide, incognite, prospettive

Dal Plan B ai LVGA Points, da via Nassa agli organi di vigilanza: come la più grande città ticinese sta digitalizzando la propria economia
Violenza domestica e polizia
4 sett

Gli agenti che diventano stalker degli stalker

Nuove armi contro la violenza domestica. Cosi la polizia disinnesca potenziali casi di femminicidio. Alle vittime: ‘Segnalate prima che sia troppo tardi‘
Natale e solidarietà
1 mese

Così il miele ticinese salva donne in Costa d’Avorio

Tre storie di ordinaria umanità dal Ticino al Perù, al Nicaragua, all’Africa alla ricerca di nuove equazioni di vita tra chi ha tanto e chi ha poco
Sguardo a Sud
1 mese

Sullo Stretto di Messina il Ponte divide (anche se non c’è)

L’opera ormai entrata quasi nel campo del mito è tornata prepotentemente di attualità. E con essa, l’eterno dibattito fra pontisti e no-pontisti
Adolescenti e droghe
1 mese

‘Ragazzi delusi, non trovano un motivo per impegnarsi’

Il modello della comunità L’Imprevisto a Pesaro, dove lo psicologo Cattarina, accoglie anche ticinesi tossicodipendenti. Le storie di chi ce l’ha fatta
ecosostenibilità
1 mese

Crollano i rifiuti nel Luganese. Ma c’è ‘il trucco’

L’ultimo rapporto di Okkio mette in luce importanti riduzioni nel distretto, ma spesso sono dovuti a una tardiva introduzione della tassa sul sacco
sottoceneri
2 mesi

Non è solo una percezione: i cantieri sono di più

A tu per tu con le autorità, per comprendere le dinamiche che ruotano attorno ai numerosi lavori. Tra tutela degli operai ed esigenze dei committenti.
Tendenze
2 mesi

I rave party, feste all’ombra della legalità

In Italia, il decreto Meloni mette in subbuglio il mondo di queste feste. Le testimonianze di due giovani ticinesi che ne fanno regolarmente parte
Medicina di punta
2 mesi

Le nuove frontiere del dolore, così inganniamo il cervello

Era in carrozzella, torna a camminare. Era sul divano, torna a fare l’infermiera. Una seconda vita grazie a tecniche all’avanguardia di neurostimolazione
Inchieste e approfondimenti
2 mesi

’laRegione’ lungo i binari Ffs, e non sono buone notizie

Nostro reportage e approfondimento nella quotidianità dei pendolari via rotaia, fra ritardi, soppressioni, vagoni sovraffollati e cattiva comunicazione
società
2 mesi

La malattia sui social, fra testimonianza ed esibizionismo

Sempre più celebrità diffondono pubblicamente notizie sul proprio stato di salute. Ma l’intento è sempre nobile? Ne parliamo con la sociologa
Droghe e psichiatria
2 mesi

Le canne? ‘Occhio ragazzi, vi state fumando il cervello’

Negli adolescenti, troppa canapa causa deficit cognitivi. Se si smette, il danno resta. L’esperto ci parla dei mortali cocktail di moda tra i ragazzini
Violenza giovanile
2 mesi

‘Ragazzi difficili, senza regole, non sappiamo dove metterli’

La magistrata dei minori Gnesa lamenta la mancanza di strutture adeguate per aiutare una decina di casi complessi. ‘Se c’è posto li mandiamo in Italia’
Precarietà e rabbia sociale
2 mesi

Funzionari insultati e minacciati dai debitori

Cresce l’aggressività verso lo Stato e si scarica sui funzionari. I cursori dell’Ufficio esecuzioni devono addirittura seguire corsi di autodifesa
Mobilità
3 mesi

È un Ticino che pedala sempre più. Su bici condivise

A pochi mesi dalla nascita dell’offerta unica per tutto il cantone, ecco una radiografia dei due servizi di BikeSharing. Gli usi impropri? Pochissimi
Sanità e assenteismo
3 mesi

Quando il bullismo in corsia fa scappare gli infermieri

Parte dall’ospedale di Lugano uno studio sul ‘nonnismo’ tra infermieri. Mentre l’Ente ospedaliero cantonale testa un nuovo sportello per denunce anonime
società
3 mesi

Ma il triangolo sì: poliamore e non monogamie etiche

Negli ultimi tempi si parla sempre più spesso di modalità relazionali diverse dalla monogamia. Il punto con l’esperta e le testimonianze di due ticinesi
Viaggi in altri mondi
3 mesi

Ella Maillart o dell’invincibile inquietudine

Esploratrice e lucida osservatrice, negli anni 30, la ginevrina compie un viaggio nell’Asia Centrale per conoscere l’umanità e cercare sé stessa
Le nuove norme green
3 mesi

Corsa al fotovoltaico, sei richieste al giorno in Ticino

Esplode la domanda, ditte in tilt: ritardi per componenti e consulenze. Almeno 6 mesi. Pannelli obbligatori sulle nuove costruzioni dal 2023 in Ticino
Letteratura
3 mesi

Sono ancora quella bambina, Mariella Mehr

Con le parole ha cercato di lenire le ferite di un’infanzia e una vita rubate. A un mese dalla morte, la ricordiamo con Anna Ruchat ed Esther Stella.
Studio sulla mobilità
3 mesi

Meno autovetture sulle strade e la ferrovia rallenta

In un Cantone afflitto dalle code, una buona notizia: meno vetture in circolazione. Ma è una calma apparente come spiega l’esperto di mobilità De Gottardi
Trapianti tra novità e storie
4 mesi

‘Respiro e sono viva, grazie ai polmoni di uno sconosciuto’

Emanuela Capra vive grazie alla generosità di un donatore: ‘Prego ogni sera per questa persona’. Da maggio siamo tutti donatori. Che cosa cambia?
Ricerca medica
4 mesi

Chi dorme male in gravidanza è più a rischio depressione

Studio sul sonno di 440 gestanti seguite per oltre un anno scopre un legame tra insonnia e mal di vivere. I ricercatori dell’Eoc scovano anche la cura
hacker, riscatti e nuove norme
4 mesi

Cybercriminali bloccano la carrozzeria come lo studio medico

Aumentano gli attacchi ransomware alle aziende. Riscatto da 700mila franchi a un garage. Ma clonano anche la voce del capo e si fanno dare soldi
L’intervista
4 mesi

Noi fratelli di Grand Hotel Coronda

Con Sergio Ferrari ripercorriamo i passi che hanno portato alla pubblicazione delle testimonianze di prigionieri politici argentini fra il 1974 e il 1979
Gran Bretagna
4 mesi

Goodbye Lilibet, regina dei record

È morta nel castello più amato di Balmoral, in Scozia, Elisabetta II d’Inghilterra. Una sovrana che ha fatto la storia non solo britannica.
Netflix
5 mesi

Woodstock ’99, quando Roma bruciò per la seconda volta

Storia di un tentativo di riportare in vita la tre giorni di pace, amore e musica del 1969, sfociato in violenze, abusi, incendi e devastazione
sport e diritti umani
laR
 
27.10.2022 - 08:30
Aggiornamento: 03.11.2022 - 15:30

Qatar 2022, la Coppa del mondo dell’inopportunità

Nel Paese che ospiterà i Mondiali i lavoratori sono tuttora vittime di abusi, fra turni massacranti e ricatti costanti da parte dei datori di lavoro

qatar-2022-la-coppa-del-mondo-dell-inopportunita

Manca meno di un mese ai Mondiali di calcio in Qatar, fra i più discussi di sempre in quanto si svolgeranno in un Paese ben noto non solo per le leggi ispirate alla morale islamica ma anche, e soprattutto, per la cronica messa in pericolo dei diritti e della vita stessa dei lavoratori impegnati nella realizzazione delle imponenti strutture sportive e ricettive. Polemiche e più o meno espliciti inviti al boicottaggio sono arrivati fino alle nostre latitudini, tanto da spingere alcune città, come Losanna, a rinunciare ai maxischermi per la visione delle partite in segno di protesta per quella che appare, a tutti gli effetti, come una colossale operazione di ‘sportwashing’, ovvero il ripulirsi l’immagine (e la coscienza) ospitando grandi manifestazioni sportive.

Per i musulmani anche le frustate

Come in altri Paesi islamici, in Qatar il codice penale punisce con carcere o multe l’omosessualità, la blasfemia, il consumo d’alcol, l’adulterio. In più, per questi ultimi reati, così come per il furto o l’apostasia, se l’autore è musulmano può essere applicata la Shari’a, la legge islamica basata sul Corano e altri testi religiosi, che comporta anche punizioni corporali. Così, se per l’adulterio il codice penale assegna il carcere fino a 7 anni, la Shari’a prevede 100 frustate. Nell’Emirato la pena di morte per impiccagione o fucilazione è prevista soprattutto per reati contro la sicurezza nazionale come lo spionaggio, ma anche per l’omicidio premeditato o lo stupro e adulterio fra parenti o persone legate da rapporti di tutela. Tuttavia, l’ultima esecuzione registrata risale al 2003 per un caso di omicidio. La Shari’a prevede anche la morte per lapidazione in caso di adulterio fra persone sposate, pena che non risulta mai essere stata applicata a oggi.

Lo sponsor che incatena il lavoratore

Certo, non è la prima volta che la rassegna mondiale del calcio approda in Paesi non esattamente campioni di democrazia e rispetto dei diritti umani: nel 1934 fu l’Italia fascista a ospitare la Coppa Rimet (antenata della moderna Coppa del mondo), mentre i Mondiali del 1978 si svolsero, con annessi sospetti, nell’Argentina della giunta militare. Nel caso del Qatar, al di là delle questioni legate alla rigidità delle leggi in materia di morale pubblica, a suscitare indignazione è soprattutto la situazione dei lavoratori, in particolare di quelli impiegati nella realizzazione degli avveniristici stadi teatro delle partite dei prossimi Mondiali. Un sistema consolidato di abusi denunciato più volte da Amnesty International e riassunto in vari rapporti, di cui l’ultimo dell’ottobre 2022 intitolato "Unfinished business" (affari o questioni in sospeso). Sotto accusa, soprattutto, il sistema statale di sponsorizzazione per i lavoratori stranieri secondo il principio del "kafala" (affido) in vigore in quasi tutti i Paesi del Golfo Persico: dai rapporti emerge un radicato regime di sfruttamento dei lavoratori che le imprese sponsor, protette in ciò dalla legge, continuano a tenere sotto scacco, negando a chi manifesta l’intenzione di abbandonare il lavoro, specie se in seguito ad abusi, il rilascio del permesso di uscita e del certificato di non opposizione (No-Objection Certificate - Noc) necessari per accedere a un nuovo impiego o lasciare il Paese.

Il quadro di sistematici abusi ai danni dei lavoratori prevede passaporti confiscati così da far apparire i migranti di fatto clandestini, salari non pagati del tutto o in gran parte, cibo e acqua negati sotto il sole cocente, divieto agli operai di lasciare il luogo di lavoro, cifre esorbitanti richieste per il reclutamento (fino a 1’300 dollari). Un vero e proprio regime di lavoro forzato, denunciato nel 2014 anche dall’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo).

Quei troppi morti per ‘arresto cardiaco’

E ci sono poi i morti, tanti. Migliaia, secondo Amnesty, che accusa le autorità qatariane di bollarle frettolosamente come "per cause naturali" o "arresto cardiaco" senza alcuna indagine su un’eventuale correlazione con l’attività lavorativa: ciò che da un lato impedisce alle famiglie di ricevere un risarcimento, dall’altro rende difficile stimare il numero esatto di vittime del lavoro di preparazione dei Mondiali. Secondo uno studio accademico citato in un rapporto di Amnesty del maggio 2022, almeno 200 "morti cardiovascolari" di cittadini nepalesi tra 2009 e il 2017 avrebbero potuto essere evitate con adeguate misure di sicurezza contro il calore, implementate, tardivamente, a partire dal 2021.

Anche la Ilo, presentando il rapporto sulle morti sul lavoro in Qatar nel 2020, sottolineava come esso, pur essendo il più completo fino a quel momento, "identifica le lacune nella raccolta dei dati e le differenze nel modo in cui diversi ministeri e istituzioni classificano gli infortuni e i decessi legati al lavoro" e concludeva che "di conseguenza, non è ancora possibile presentare una cifra categorica sul numero di infortuni mortali sul lavoro nel Paese". Il rapporto parlava di 50 morti, oltre 500 feriti gravi e quasi 38’000 lavoratori che hanno riportato ferite di media gravità nell’anno di riferimento, in maggioranza provenienti da Bangladesh, India e Nepal e impiegati nel settore delle costruzioni.

Rimedi tardivi e in parte inapplicati

Amnesty punta il dito anche contro la Fifa, che ha inizialmente declinato ogni responsabilità al riguardo. Nell’ottobre del 2013 l’allora presidente Sepp Blatter dichiarava: "I diritti dei lavoratori saranno responsabilità del Qatar e delle aziende, molte delle quali europee, che vi lavorano. Non è una responsabilità primaria della Fifa, ma non possiamo chiudere gli occhi. Tuttavia, non è un intervento diretto della Fifa che può cambiare le cose". Successivamente, nel 2015 la stessa Fifa ha cambiato orientamento, aderendo ai Principi guida delle Nazioni Unite sui diritti umani e inserendo l’impegno al loro rispetto nel proprio statuto: solo nel 2017 è arrivata l’ammissione di responsabilità per i diritti dei lavoratori, inseriti insieme ad altri nella policy sui diritti umani.


Keystone

Da parte sua l’emirato negli ultimi anni ha messo in atto alcune importanti riforme per porre rimedio ai dilaganti abusi, ma, come osserva Amnesty nel suo report conclusivo, "nonostante l’evoluzione positiva del sistema lavorativo del Qatar, che ha migliorato le condizioni di vita e di lavoro di centinaia di migliaia di lavoratori migranti e che ha il potenziale per trasformare la vita di molti altri, resta ancora molto lavoro da fare per attuarle e fare rispettarle in modo efficace.

In concreto, nel 2017 il Qatar ha concluso un accordo con l’Ilo impegnandosi a fare dei passi avanti circa il trattamento e i diritti dei lavoratori. Sono stati dunque introdotti il limite di ore lavorative, pause obbligatorie, un giorno libero settimanale e ferie pagate: ciò che, insomma, è semplicemente la base di ogni rapporto lavorativo alle nostre latitudini. Successivamente, l’emirato ha ratificato due trattati internazionali chiave sui diritti umani, pur riservandosi di non riconoscere il diritto dei lavoratori di unirsi in sindacato (ciò che non è ancora di fatto avvenuto) mentre nel 2019 arrivava poi una legge sul salario minimo.

Riforme in gran parte sulla carta

A oggi, tuttavia, permangono gravi abusi e irregolarità in alcuni settori, in particolare quello delle agenzie di sicurezza private, i cui lavoratori sono spesso impiegati in occasione di importanti tornei calcistici: i report di Amnesty del 2022 denunciano ancora turni di lavoro eccessivamente lunghi, giorni di riposo settimanali negati per mesi o addirittura anni, deduzioni abusive dal salario, straordinari non pagati e altre illegalità. Nel rapporto emerge l’atteggiamento reticente del Ministero del lavoro del Qatar: a fronte della presentazione da parte dell’organizzazione di una lista di otto imprese nelle quali si verificano abusi, nessuna informazione è stata fornita su eventuali indagini, controlli effettuati, o azioni intraprese per porre rimedio alla situazione e offrire compensazione ai lavoratori o responsabilizzare i datori di lavoro.

Resta problematica anche la questione dello smantellamento del sistema del kafala, che colpisce in modo particolare le lavoratrici domestiche, ovvero quasi la metà delle donne migranti che lavorano in Qatar. Nel 2020 è stato ufficialmente abolito l’obbligo del permesso di uscita e del Noc per il 95% dei lavoratori stranieri, ma la riforma è rimasta in gran parte inattuata. Il Ministero del lavoro qatariota in una lettera del settembre 2022 dichiarava di aver approvato 374’378 domande di cambio lavoro, suggerendo con ciò un miglioramento della situazione. Un dato che, però, di per sé non offre alcuna indicazione sui passi avanti effettivamente compiuti, mancando l’informazione, richiesta da Amnesty e mai fornita dal governo, su quante sono state in totale le domande presentate e quanti i lavoratori che hanno effettivamente iniziato un nuovo impiego. A oggi, come dimostrano gli annunci di lavoro reperibili sui social network, il Noc o una analoga autorizzazione da parte del precedente datore di lavoro sono ancora richiesti per un nuovo impiego.


Fonte: Gruppo Facebook ‘Qatar Jobs’


Fonte: pagina Facebook ‘Jobs in Qatar’

A ciò, si aggiunge la diffusa pratica, da parte dei datori di lavoro, di inoltrare false denunce di fuga contro i lavoratori che decidono di lasciare l’impiego o di cancellarne arbitrariamente il QatarID (una sorta di numero Avs) soprattutto in seguito ad abusi, ponendoli così a rischio di arresto o deportazione: una potente arma di ricatto che, a dispetto dei proclami del governo, costituisce ancora un ostacolo che impedisce a molti lavoratori di affrancarsi da situazioni lavorative precarie. Anche qui Doha non ha ad oggi fornito dati che dimostrino la reale efficacia delle misure di contrasto attuate.

A meno di un mese dal calcio d’inizio restano legittime domande sull’opportunità di assegnare l’evento a un Paese nel quale i diritti dei lavoratori sono sistematicamente violati senza vincolare tale attribuzione anche all’attuazione di riforme che pongano rimedio alla consolidata situazione di abusi. E se l’ammissione di responsabilità da parte della Fifa e le misure prese dal Qatar sono state tardive o inefficaci, essendo ormai chiaramente troppo tardi per un ripensamento, ha allora fondamento la richiesta di Amnesty, a oggi inascoltata, di un risarcimento da Fifa e Qatar alle vittime del business del calcio e alle loro famiglie per il pesante tributo offerto alla macchina organizzativa. Sarebbe un raggio di luce in un mondo del calcio appesantito ormai da pesanti ombre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved