gordola-una-preoccupante-deriva-sociale
laR
 
11.02.2022 - 07:22
di Davide Gianettoni, consigliere comunale, Gordola

Gordola – Una preoccupante deriva sociale

A Gordola esisteva un regolamento per la concessione di prestazioni complementari ai cittadini in difficoltà. Dico esisteva, perché durante l’ultimo Consiglio comunale il Plr (coadiuvato da Lega/Udc) ha deciso di stralciarlo. Il regolamento era datato e risaliva oramai agli anni 90: è vero dunque che non rispondeva più alle esigenze moderne e una sua revisione era indispensabile. Tuttavia, cancellarlo senza un progetto concreto sul tavolo, correndo ai ripari a posteriori non è serio. È infatti proprio questo che ha fatto il Plr, presentando, cinque giorni dopo il suo stralcio, una mozione corredata da un regolamento nuovo fiammante. I promotori sostengono che grazie al nuovo regolamento si potranno aiutare i cittadini in difficoltà temporanea. Ma esso cela, in uno dei suoi innumerevoli articoli, un cambiamento sostanziale: non si tratta più, come in passato, di “aiuti”, bensì di “prestiti”. Questo è un cambio di paradigma che mina alla base il concetto stesso di aiuto. Aiutare qualcuno in difficoltà dovrebbe essere un gesto animato da senso civile, per amore del prossimo, senza aspettative o tornaconti. In Svizzera abbiamo più livelli di aiuti sociali: federali, cantonali ed appunto comunali. Il nostro è un comune di meno di 5’000 anime e l’aspetto di aiuto reciproco dovrebbe essere analogo a quello di aiuto fraterno; ci si assiste senza aspettative e l’appagamento è dato dal benessere altrui. Quanto proposto nel regolamento Plr è invece un contratto “do ut des”, nudo, crudo, triste, freddo e insensibile. Non solo: complicato, tenuto conto dei mille cavilli contemplati. La maggioranza a Gordola sembra invece voler imboccare questa strada. Io mi auguro vivamente di no, sarebbe un cammino di non ritorno verso lo svilimento del valore umano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
deriva sociale gordola lega plr regolamento udc
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved