laR
 
25.11.2022 - 07:20

E se la Svizzera desse il buon esempio?

di Giovanni Kappenberger, San Bernardino
e-se-la-svizzera-desse-il-buon-esempio

Secondo un recente rapporto delle Ong Climate Action Networks (Can) e Germanwatch, la Svizzera ha perso sette posizioni nella classifica che valuta l’impegno dei singoli Paesi nella tutela del clima e si trova ora al 22esimo rango; non sta rispettando gli impegni assunti con l’Accordo di Parigi e non sta facendo abbastanza per ridurre le proprie emissioni; è su una "traiettoria" che porta a un riscaldamento globale di 3°C.

Secondo le organizzazioni Public Eye e Greenpeace inoltre la regolamentazione dei flussi finanziari rimane un problema enorme e la Svizzera non ha ancora requisiti vincolanti per ridurre i danni climatici globali causati dalla sua piazza finanziaria e dalla Banca Nazionale.

Ovviamente le lobby di petrolio, gas e carbone, i grossi guadagni realizzati in questi anni continuano a metterseli in tasca propria, invece di utilizzarli per riportare il CO2 nella terra. E sarebbe il loro compito, perché per raggiungere l’obiettivo di emissioni zero, per ogni tonnellata di CO2 emessa in atmosfera è necessario riportarne una nel suolo. Preferibilmente tramite la vegetazione e il ripristino di humus in zone aride, che sarebbe meno caro che con sofisticati accorgimenti tecnici.

La differenza di temperatura tra l’ultima era glaciale e oggi è solamente di circa 4 gradi, ma le differenze nelle condizioni di vita sono enormi. Lo saranno altrettanto anche con un ulteriore aumento di 4 gradi: lasceremmo alle generazioni future un pianeta largamente invivibile.

In questo senso l’Onorevole Cassis ha detto bene all’apertura della conferenza COP27: "Non dobbiamo perdere d’occhio il limite dei +1,5 gradi". Ma occorre fare ben altro per raggiungere questo obiettivo! L’urgenza e la gravità dei problemi connessi con il cambiamento climatico in atto – che tutti (o quasi) sembrano finalmente riconoscere – necessita di ben altro impegno e di ben altri risultati sul piano della concretezza e dei fatti.

E se la Svizzera – che i mezzi li ha – ritornasse a dare il buon esempio? Sarebbe un bel regalo di Natale per i nostri nipoti!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved