stati uniti

Spari in un campus di Las Vegas, almeno tre vittime

Si parla di ‘multiple victims’, la Nbc dice ‘molte’, ma non è chiaro quanti siano i morti e quanti i feriti. Ucciso l’uomo che ha aperto il fuoco

In sintesi:
  • Il teatro della violenza è l'University of Nevada, l'allarme è scattato attorno alle 11.30 ora locale, le 20.30 in Svizzera
  • L'università ha pubblicato un messaggio invitando gli studenti a evacuare dalla zona, la polizia ha parlato di molte persone colpite
Le prime immagini
(Twitter)
6 dicembre 2023
|

Il terrore torna tra gli studenti di un campus universitario americano con l'ennesima sparatoria di massa. Questa volta il teatro della violenza è la University of Nevada a Las Vegas.

La metropoli è celebre in tutto il mondo per i suoi casinò e i suoi eccessi ma anche per gli episodi di violenza, superiori alla media nazionale, che hanno avuto il loro tragico picco nel 2017 con una strage a un festival musicale nella quale sono state uccise 60 persone.

Almeno tre morti, oltre al killer, e una persona in condizioni critiche: è il bilancio provvisorio fornito dalla polizia di Las Vegas dopo la sparatoria nel campus della University of Nevada.

L'allarme nel campus, che dista meno di 3 km dalla Strip e che conta oltre 30 mila studenti, è scattato ieri, mercoledì 6 dicembre, attorno alle 11.30 ora locale, le 20.30 in Svizzera, nella Beam Hall, edificio che ospita la facoltà di economia. L'università ha pubblicato un messaggio invitando gli studenti a evacuare dalla zona, contemporaneamente la polizia ha annunciato in un post su X di essere impegnata a rispondere a una "sparatoria nel campus" e che c'erano "molte persone colpite".

Dopo circa quaranta minuti, la polizia ha comunicato che "il sospetto era stato individuato ed era morto", non è chiaro se sia stato ucciso dagli agenti o si sia tolto la vita. Quanto alle vittime, la polizia ha spiegato in una conferenza stampa che molte sono state ricoverate negli ospedali locali e ha precisato che le indagini continuano, anche sul movente della sparatoria. La squadra di basket maschile dell'università ha annullato la partita prevista in serata "causa dei tragici eventi nel campus".

Un copione che si ripete con una frequenza inquietante negli Stati Uniti: studenti terrorizzati, famiglie distrutte e le solite domande senza risposta su come contenere la violenza delle armi in un Paese in cui il 40% della popolazione ne possiede una. Sei anni fa proprio nella metropoli dei casinò si verificò una delle stragi più cruente della storia degli Stati Uniti, con un 64enne a sparare a caso sulla folla con ben 23 armi, tra cui diversi fucili d'assalto, dalla finestra della sua stanza nel Mandalay Hotel. Il bilanciò fu tremendo: 61 morti, incluso il killer che si è suicidato, e 850 feriti. Nell'anno che sta per finire gli Stati Uniti hanno registrato il maggior numero di sparatorie di massa in un anno dal 2006. Con le ultime tre, due avvenute durante il fine settimana, il numero totale è arrivato a 38, superando il record precedente – 36 – registrato nel 2022.

Nonostante i continui appelli del presidente degli Stati Uniti Joe Biden al Congresso per vietare la vendita almeno "armi da guerra" come gli Ar-15, in un Paese in cui ne circolano 390 milioni le leggi non riescono a passare. Troppo forte l'opposizione dei sostenitori, soprattutto repubblicani, del secondo emendamento della Costituzione americana e di quei politici foraggiati dalla potentissima lobby della Nra, inclusi Donald Trump e tutti gli altri candidati alla presidenza per il Grand Old party nel 2024.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE