Estero

‘All'ospedale di Gaza è stata colpita anche la maternità’

Lo riporta un comunicato di Medici Senza Frontiere, che definisce ‘catastrofica’ la situazione ad al-Shifa

Un bambino ferito all’ospedale al-Shifa di Gaza
(Keystone)
11 novembre 2023
|

L'ospedale di al-Shifa, la più grande struttura sanitaria dove lavora ancora il personale di Medici senza frontiere (Msf), "è stato colpito più volte, compresa la maternità, causando diversi morti e feriti". Lo riporta un comunicato dell'organizzazione internazionale.

"Le ostilità intorno all'ospedale non sono cessate. Le équipe di Msf e centinaia di pazienti sono ancora all'interno", per questo l'organizzazione "ribadisce con urgenza il suo appello a fermare gli attacchi contro gli ospedali, per un cessate il fuoco immediato e per la protezione delle strutture mediche, del personale medico e dei pazienti".

"Ci stanno uccidendo qui, per favore fate qualcosa" racconta un infermiere di Msf dal seminterrato dell'ospedale di al-Shifa, dove lui e la sua famiglia si stanno riparando dai bombardamenti. "Quattro o cinque famiglie si stanno rifugiando ora nel seminterrato, i bombardamenti sono così vicini, i miei figli piangono e urlano per la paura".

"La situazione ad al-Shifa è davvero catastrofica. Chiediamo al governo israeliano di cessare questo assalto senza tregua al sistema sanitario di Gaza. Il nostro staff e i nostri pazienti si trovano all'interno dell'ospedale, dove i pesanti bombardamenti non si sono fermati da ieri" afferma Ann Taylor, capomissione di Msf nei territori occupati palestinesi.

L'organizzazione denuncia l'attacco dello Stato ebraico contro i civili e chiede che aiuti umanitari vengano forniti ora a tutta la Striscia. Msf denuncia inoltre di aver perso i contatti con un chirurgo che lavora e si rifugia nell'ospedale di al Quds con la sua famiglia e che "altre strutture sanitarie, tra cui l'ospedale di al Rantisi sarebbero state circondate dai carri armati israeliani".

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE