ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
5 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
6 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
7 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
9 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
11 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
12 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
12 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
15 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
1 gior

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
IRAN
08.12.2022 - 19:57

Teheran manda al patibolo e spara ai genitali

Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime

Ansa, a cura di Red.Estero
teheran-manda-al-patibolo-e-spara-ai-genitali
(Keystone)

Impiccato all’alba a poco più di un mese dalla condanna a morte. Mohsen Shekari, di 23 anni, era stato arrestato per aver partecipato alle proteste antigovernative che scuotono l’Iran da quasi tre mesi. È stato ritenuto colpevole di "inimicizia contro Dio", per "aver bloccato una strada, aver estratto un’arma con l’intenzione di uccidere e avere ferito intenzionalmente un ufficiale durante il servizio". I fatti risalgono alla fine di settembre, quando da pochi giorni erano esplose le dimostrazioni per Mahsa Amini, la 22enne di origine curda morta per le bastonate alla testa mentre era in custodia della polizia morale perché non indossava il velo in modo corretto.

I familiari del ragazzo, che avevano presentato appello contro la sentenza di morte, hanno saputo che la condanna era stata eseguita mentre attendevano sue notizie fuori dal carcere dove era detenuto. Il corpo, ha fatto sapere lo zio, non è stato consegnato ai parenti. Quella di Shekari è la prima esecuzione di un manifestante di cui si è avuta notizia, anche se alcuni attivisti ritengono che ve ne siano già state altre e che altre 11 persone sono state condannate a morte, tra cui Fahimeh Karimi, allenatrice di pallavolo e madre di tre bambini piccoli. La magistratura iraniana ha confermato nei giorni scorsi la pena capitale per cinque persone, per aver ucciso a pugnalate un membro delle forze paramilitari Basij il 3 novembre a Karaj, durante duri scontri tra manifestanti e forze dell’ordine.

"Corriamo il rischio di avere esecuzioni di manifestanti ogni giorno", ha detto Mahmood Amiry-Moghaddam, direttore della ong Iran Human Rights con sede a Oslo, chiedendo iniziative a livello internazionale. Anche Amnesty International ha lanciato un appello affinché le autorità iraniane pongano "immediatamente fine alle esecuzioni previste e smettano di utilizzare la pena di morte come uno strumento per la repressione politica contro i manifestanti". Secondo l’Ong, il giovane è stato condannato in un "processo farsa, esageratamente iniquo", mentre la magistratura iraniana ha fatto sapere che la sentenza è arrivata dopo che il ragazzo aveva ammesso i suoi crimini in tribunale. Una "confessione" che, secondo gli attivisti e i media dissidenti con sede all’estero, è stata forzata, dal momento che i video in cui il giovane ammette le sue colpe, diffusi da canali televisivi legati alle Guardie della rivoluzione, lo ritraggono con il volto tumefatto.

Le proteste, in corso da settembre, sono continuate anche oggi, seppure in poche città, ma si erano invece intensificate nei giorni scorsi trovando ancora una dura reazione da parte delle forze di sicurezza. Gli agenti reprimono le manifestazioni anche sparando da distanza ravvicinata alle donne e colpendole al volto, agli occhi, al seno e ai genitali. Lo hanno denunciato al Guardian medici iraniani di varie città del Paese che trattano i feriti in segreto per evitare l’arresto: raccontano di essere ormai traumatizzati dai corpi delle donne che vedono arrivare.

Mentre il governo mantiene una linea durissima rispetto alle proteste, la condanna a morte inflitta oggi ha attirato aspre critiche dall’Europa. "Ci troverete dalla parte della libertà, dalla parte dei manifestanti. Sempre", ha scritto su Twitter la vice presidente del Parlamento europeo Pina Picierno, parlando di una "folle sentenza" per il giovane mandato al patibolo. Dure condanne sono arrivate anche dalla Francia, dalla Germania e dalla Gran Bretagna. Teheran è a sua volta tornata a criticare l’Ue: "L’Europa ospita molti canali televisivi che promuovono violenza e terrorismo contro l’Iran", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanani, contestando la decisione dell’azienda di telecomunicazioni satellitari Eutelsat, con sede a Parigi, di chiedere alle sue emittenti di rimuovere le trasmissioni di Press Tv, il canale televisivo iraniano in lingua inglese e francese, molto vicino al governo di Teheran.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved