ULTIME NOTIZIE Estero
India
7 min

Aaa, insegnante di matematica cercasi. Telefonare al...

Singolare annuncio di ricerca personale in india: il numero che i candidati devono contattare lo si ricava da una complessa equazione
Italia
3 ore

Alla partita di calcetto spunta una pistola

Momenti di paura in provincia di Napoli a margine di un incontro del campionato regionale under 19
Italia
3 ore

Milano capitale italiana per numero di furti

Se ne registrano quasi tremila ogni centomila abitanti. Pure in aumento, nel capoluogo lombardo, il numero di femminicidi
Estero
5 ore

Lavoratrice in difficoltà, i colleghi le donano 170 ore di ferie

Per assistere la figlia gravemente malata, la donna aveva esaurito tutti i suoi congedi. Ora potrà assentarsi per un intero mese
Confine
5 ore

Tir carico di hashish, fra gli arrestati pure un ticinese

Al volante del mezzo c’era un 38enne ucraino, che avrebbe dovuto consegnare il carico a due complici, fra cui un 55enne di Bodio
Italia
8 ore

Tornano a circolare i treni sull’Adriatica

Graduale ritorno alla normalità sulla rete ferroviaria dopo che la circolazione era stata sospesa a seguito del terremoto che aveva interessato la zona
Italia
8 ore

Bollette in aumento per 91,5 miliardi nel 2022 in Italia

Per due terzi la stangata ha interessato le aziende, mentre la restante parte se la sono accollata le famiglie
Nuova Zelanda
10 ore

Le piogge torrenziali fanno almeno tre morti ad Auckland

Il primo ministro neozelandese: ‘Il livello di devastazione in alcune aree è considerevole’. C’è anche un disperso
Italia
10 ore

La terra trema ancora nel Cesenate, treni fermi

Dopo la scossa registrata all’alba, la circolazione ferroviaria in Romagna è stata precauzionalmente sospesa
gerusalemme
23 ore

La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga

Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
23 ore

Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio

Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
1 gior

Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele

Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
iran
30.11.2022 - 22:57

Festeggia la sconfitta con gli Usa, ucciso 27enne

Tanti manifestanti in strada a esultare come forma di protesta contro il regime, la polizia risponde col fuoco

Ansa, a cura di Red.Estero
festeggia-la-sconfitta-con-gli-usa-ucciso-27enne
Tifose iraniane allo stadio (Keystone)

Festeggiare una sconfitta, per dare un ulteriore schiaffo al regime degli ayatollah. Anche il calcio spacca in due l’Iran, dove la paura della repressione non ha fermato decine di manifestanti antigovernativi dallo scendere in piazza in diverse città. Stavolta per fare festa dopo l’eliminazione dei "traditori" della nazionale iraniana dai Mondiali del Qatar, accusati di aver voltato le spalle alla causa dei manifestanti. La squadra è stata battuta per 0 a 1 dagli Stati Uniti in un match carico di molti significati extrasportivi.

La sconfitta li ha buttati fuori dalla competizione, facendo esplodere la festa tra i contrari al regime. Ma le celebrazioni sono durate poco, con le autorità disposte a spargere il sangue per mettere a tacere le critiche. Ad Anzali, nel nord, il 27enne Mehran Samak è stato ammazzato con un colpo in testa mentre festeggiava suonando il clacson della sua auto, hanno denunciato le ong. L’ennesima vittima di un regime che da oltre due mesi soffoca nel sangue le proteste di piazza esplose con la morte di Mahsa Amini, la 22enne di origine curda deceduta il 16 settembre dopo l’arresto perché non portava il velo in modo corretto. Da quel giorno, centinaia di persone sono morte - tra cui almeno 50 minori - e migliaia sono state arrestate.

Canti e clacson

Balli, canti, clacson e caroselli si sono moltiplicati nella notte per mandare il segnale che non c‘è bandiera, nemmeno nello sport, sotto il governo di Teheran. Tra i video pubblicati sui social, decine di persone applaudono, agitano veli e lanciano fuochi d’artificio a Saqqez, la città natale di Mahsa Amini. Filmati simili sono arrivati da altre città nella regione prevalentemente curda, dove nelle ultime settimane decine di manifestanti sono stati uccisi dalle forze di sicurezza. A Kermanshah e Marivan ha riecheggiato il canto ’Donna, vita, libertà’, uno dei principali slogan delle proteste. A Teheran, gli studenti dell‘Università Imam Sadiq si sono riuniti davanti a una residenza universitaria e hanno cantato ’Morte al disonorevole’, aggettivo usato contro le forze di sicurezza e gridato dai tifosi allo stadio in Qatar durante la partita dell’Iran contro l’Inghilterra. Ma con i festeggiamenti, arriva anche la repressione: il collettivo 1500tasvir ha pubblicato un video che mostrerebbe le autorità che aprono il fuoco contro i manifestanti in festa nella città di Behbahan e picchiano una donna a Qazvin, vicino a Teheran.


L’iraniano Jalali dopo la sconfitta con gli Usa (Keystone)

Le tensioni hanno raggiunto anche il Qatar, dove oppositori e sostenitori di Teheran si sono scontrati fuori dallo stadio della partita contro gli Usa. In un altro video, un manifestante è stato arrestato violentemente dalle guardie di sicurezza fuori dall‘impianto mentre gridava ’Donna, vita, libertà’. Da voce del popolo contro il regime, i calciatori del Team Melli - come viene chiamata la nazionale iraniana - si sono trasformati così in simbolo della Repubblica islamica e nemici del movimento di protesta. Perché dopo aver tenuto le bocche chiuse durante l’inno nazionale alla loro prima partita del Mondiale - in un’apparente espressione di solidarietà con i manifestanti - hanno cantato alla partita del Galles e nel match contro gli Stati Uniti. Un tradimento della causa, secondo alcuni manifestanti.

Mentre c’è chi ritiene che la squadra sia stata costretta dalle autorità di Teheran a rigare dritto. Prima con l’arresto del celebre calciatore iraniano ex nazionale Voria Gafhouri, liberato su cauzione. Poi con le minacce di arresto e tortura contro le famiglie della squadra, secondo la Cnn. Nonostante gli elogi dei media affiliati allo Stato, c’è il rischio quindi che al ritorno a casa saranno in pochi a offrire abbracci e ad asciugare le lacrime versate dai calciatori per la sconfitta con gli Stati Uniti e la fine del mondiale. Ma pro o contro le proteste, è chiaro in ogni caso che con l’eliminazione del Team Melli dal Qatar si spegne un importante riflettore del mondo sulla crisi nel Paese, che sembra ben lontana dal concludersi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved