ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
9 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
10 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
11 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
13 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
15 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
16 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
16 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
19 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
1 gior

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
1 gior

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
1 gior

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
1 gior

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
1 gior

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
1 gior

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
25.11.2022 - 20:33
Aggiornamento: 21:06

Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone

Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo

le-proteste-a-foxconn-tra-il-covid-e-l-iphone
(Keystone)

I video sono piuttosto impressionanti, anche perché è molto raro che dalla Cina riescano a fuoriuscire documenti del genere: centinaia di operai della fabbrica di prodotti elettronici Foxconn che nella notte tra martedì e mercoledì escono dalle loro baracche, sfondano le barriere di confinamento e si scontrano con la polizia e gli addetti alla sicurezza. Da una parte i manifestanti, con le loro mascherine e qualche oggetto da brandire come arma, dall’altra i poliziotti di Zhengzhou imbragati in tutone bianche che li fanno somigliare al fantasmino Casper, ma con bastoni d’acciaio e scudi antisommossa. Alle immagini – la polizia che mena, i manifestanti che attaccano auto e telecamere di sorveglianza – si aggiunge il sarcasmo della globalizzazione: molti le avranno viste su un iPhone assemblato da quegli stessi operai che ora dimostrano di non poterne più.

C’entra anzitutto la paura del Covid, che già a ottobre, quando all’interno di Foxconn si era sviluppato un focolaio, aveva spinto migliaia di operai a fuggire. Il timore, vivendo segregati e ammassati gli uni accanto agli altri, era anzitutto quello del contagio. Per non rallentare la produzione del nuovo iPhone 14 erano stati reclutati centomila rimpiazzi e rinforzi, che però si sono ritrovati nella stessa situazione, con le stesse paure e la stessa rabbia.

La seconda ragione della protesta sarebbero i soldi: l’azienda non ha versato i bonus promessi pur di mobilitare le nuove leve. Un certo Li ha spiegato al ‘Guardian’ che il contratto prevedeva 3’500 dollari per due mesi di lavoro. Poi ha scoperto che tutti quei soldi non li avrebbe mai visti. "Sono arrivati lavoratori da tutto il Paese, per poi accorgersi di essere stati fregati", ha spiegato. L’altroieri Foxconn si è scusata attribuendo il ritardo nei pagamenti di stipendi e bonus a un errore informatico. Intanto, però, fughe e scontri potrebbero ritardare in tutto il mondo le consegne dei nuovi iPhone, oggetto d’intense brame natalizie un po’ ovunque.

Così le proteste in una singola succursale d’una sola azienda nella Cina centrale potrebbero scuotere anche i nostri placidi alberelli di Natale. D’altronde lo stabilimento Foxconn di Zhengzhou non è una fabbrica come potremmo immaginarcela noi, anche facendo volare la fantasia alle enormi traverse della Fiat a Mirafiori mezzo secolo fa, o ai megacapannoni della Detroit d’antan. Quella cinese è davvero una fabbrica-mondo: conta fino a 300mila lavoratori, come se prendessimo quasi tutti i residenti in Ticino e ce li chiudessimo dentro, dicendo loro che non possono uscire visto che Babbo Natale aspetta.

Scollamenti

Per Giada Messetti, giornalista esperta di questioni cinesi e autrice del recente ‘La Cina è già qui’ per Mondadori (la intervistammo su ‘laRegione’ il 25 luglio), non dovrebbe stupirci il fatto che i cinesi s’arrabbino: «Dobbiamo superare lo stereotipo dell’operaio-formica in una Cina ‘fabbrica del mondo’. Da una parte, negli ultimi decenni diritti e retribuzioni sono migliorati, tanto che chi vuole davvero puntare al risparmio delocalizza piuttosto nel Sudest asiatico; dall’altra, i cinesi non mancano di far sentire il loro malcontento quando lo ritengono necessario. A colpire non dovrebbero essere dunque le proteste in sé, quanto piuttosto la loro portata e lo scollamento senza precedenti che esse rivelano tra il governo di Pechino – che continua a perseguire la linea ‘zero Covid’ e tiene ancora un terzo dei cinesi in lockdown, invece di cercare strade per convivere col virus – e il disagio della popolazione». Popolazione che «teme altrettanto il Covid, ma in luoghi come Foxconn si trova costretta a lavorare e vivere fianco a fianco con casi positivi. Pechino sembra non riuscire a trovare una soluzione al paradosso: è come se si fosse rotto un meccanismo d’ascolto da parte del governo che invece aveva funzionato bene negli ultimi decenni».

Messetti nota peraltro che «quelli a Foxconn non sono gli unici segni di esasperazione. Nei giorni scorsi, nello Xinjang, un incendio ha ucciso diverse persone chiuse in un palazzo sotto lockdown. Le manifestazioni di piazza che ne sono seguite, con bandiere cinesi e canti di protesta, sono state importanti».

Dal suicidio alla rivoluzione?

Da tempo si sapeva che dall’altra parte di quegli schermi luminosi ed eleganti "designed in California, assembled in China" – e non solo di quelli – c’era un sistema poco lontano dai lavori forzati: dei suicidi tra i lavoratori, ad esempio, si parlava già quando il fondatore di Apple Steve Jobs era ancora vivo, tanto che Foxconn dovette installare reti di sicurezza e sistemi di sorveglianza. Nel frattempo le condizioni apparivano progressivamente migliorate, ma a quanto pare i problemi rimangono.

Anche per questo viene da chiedersi cosa ci dicano i fatti di Zhengzhou circa il futuro degli operai cinesi. Se è vero che basta una protesta in mezzo al Paese per far traballare le filiere della globalizzazione, è possibile ipotizzare che una loro ‘lotta di classe’ rovesci i destini politici ed economici cinesi (e magari mondiali)? Messetti frena, invitando a non leggere sempre la Cina con gli occhi degli occidentali: «Quel che possiamo dire finora è solo che è successo qualcosa di importante, qualcosa di inedito. Cosa sia di preciso e quali conseguenze possa avere, lo scopriremo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved