ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
7 ore

Zelensky in Europa, ‘il male perderà, dateci i caccia’

Il leader ucraino a Londra e Parigi, domani a Bruxelles. Il premier britannico Sunak dice di non ‘escludere nulla dal tavolo’.
Stati Uniti
9 ore

Skechers con le ali ai piedi: vola il fatturato

Nell’ultimo trimestre dell’anno vendite per quasi due miliardi di dollari, che fanno lievitare a quota 7,4 miliardi l’incasso sull’intero 2022
Estero
10 ore

Quattro le persone estratte vive dalle macerie di Hatay

Terremoto in Turchia, prosegue senza sosta il lavoro dei soccorritori svizzeri della Catena di Salvataggio
Estero
11 ore

Bus contro asilo nido a Montreal, bimbi feriti gravemente

Nel violento impatto, l’edificio è stato parzialmente distrutto. Arrestato l’autista del mezzo protagonista dell’incidente
Estero
13 ore

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Turchia
15 ore

Notte di lavoro fra le macerie per i cani Redog

Già 24 le persone ritrovate vive dalle squadre di salvataggio svizzero mandate sul posto. Impegnati nelle ricerche sei animali e dieci persone
Confine
16 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
16 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
19 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
1 gior

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
Francia
25.11.2022 - 18:59
Aggiornamento: 19:30

Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’

Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito

Ansa, a cura di Red.Web
macron-si-difende-dalle-accuse-non-ho-nulla-da-temere
Keystone

"Nulla da temere". All’indomani delle rivelazioni del quotidiano Le Parisien, Emmanuel Macron si difende in prima persona dalle accuse sul caso McKinsey, dicendo di non credere di essere al "centro dell’inchiesta" e di ritenere "normale che la giustizia faccia il suo lavoro". Mentre il Rassemblement National attacca: "Macron ha messo il Paese nelle mani di liquidatori e predatori".

"Non temo nulla" e "non credo che al centro dell’inchiesta ci sia il vostro servitore", ha dichiarato il presidente rispondendo ai cronisti a margine di un appuntamento per la Giornata internazionale contro la violenza alle donne a Digione. "Ho appreso come voi, attraverso la stampa, che ci sono associazioni di eletti che hanno deciso di rivolgersi alla giustizia, è normale che la giustizia faccia il suo lavoro, lo fa liberamente, farà giustamente luce su questo dossier".

Dopo le indiscrezioni di Le Parisien, ieri la Procura nazionale finanziaria di Parigi (Pnf) ha confermato di aver aperto due fascicoli giudiziari su legami potenzialmente esplosivi tra Macron e la società di consulenza Usa, McKinsey. Il quotidiano evoca presunti "finanziamenti illeciti" e "favoritismi" nell’attribuzione alla multinazionale Usa di maxicommesse pubbliche. Nella nota diffusa ieri, la Procura non cita mai il presidente – protetto tra l’altro dall’immunità fino al 2027 – ma conferma di aver aperto, il 20 e 21 ottobre, due inchieste giudiziarie riguardanti rispettivamente "le condizioni di intervento di uffici di consulenza nelle campagne elettorali" macroniste del 2017 e del 2022 e relativi sospetti di "favoritismo".

L’ipotesi è che McKinsey possa aver offerto i suoi servizi gratuitamente a Macron durante la corsa elettorale nell’intento di ottenere poi un tornaconto in caso di vittoria. La scorsa primavera, in piena battaglia politica per la corsa all’Eliseo, si erano moltiplicate le critiche contro il presidente candidato di Renaissance (ex En Marche), in particolare rispetto al boom di contratti conclusi tra lo Stato e società di consulting nel quinquennato appena concluso. Il 17 marzo il Senato rivelò che le commesse pubbliche per questo tipo di consulenze erano "più che raddoppiate" tra il 2018 e il 2021, gli anni del primo mandato di Macron, toccando un record di oltre un miliardo di euro nel 2021. Tra l’altro, McKinsey fu la società di consulenza più sollecitata dalle autorità francesi durante la pandemia da Covid-19. "Se ci sono prove di manipolazione, che si vada al penale", dichiarò in quei giorni Macron, intervenendo alla trasmissione ‘Dimanche Politique’ su France 3. "Si ha l’impressione che ci siano stati degli inciuci, è falso", assicurò il leader di Parigi che ora deve far fronte a nuovi attacchi dell’opposizione.

"Macron ha messo la Francia nelle mani di liquidatori e predatori", ha accusato il segretario del Rassemblement National, Jordan Bardella, intervistato da radio France Info. Per il fedelissimo di Marine Le Pen, uffici di consulenza come McKinsey "non lavorano nell’interesse della nazione francese e del popolo francese". "Sappiamo molto bene che ci sono legami tra Macron e queste società di consulenza americane", ha continuato, citando la vendita di Alstom a General Electric, gli Uber Files o il ruolo di Macron nel radicamento di Uber in Francia ai tempi in cui era ministro dell’Economia.

Leggi anche:

Secondo la stampa, Macron è indagato per finanziamento illecito

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved