Italia
23.09.2022 - 17:35
Aggiornamento: 17:51

‘Cosa nostra, c’è il rischio di un ritorno a un passato buio’

La sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia, sui recenti casi di politici arrestati per infiltrazioni mafiose

Ats, a cura di Red.Web
cosa-nostra-c-e-il-rischio-di-un-ritorno-a-un-passato-buio
Keystone
Mafia

"Lascia davvero sbigottiti che, dopo tutto quello che è accaduto in Italia, dopo gli omicidi di esponenti istituzionali per mano mafiosa, dopo le stragi, la politica non abbia ancora preso coscienza della necessità di tenere alta la vigilanza per scongiurare le infiltrazioni mafiose, cominciando da una scelta oculata dei candidati". Lo dice Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni Falcone e sorella del magistrato ucciso a Capaci, dopo l’arresto per voto di scambio di un candidato all’Ars dei Popolari autonomisti. A Catania, è stata posta infatti ai domiciliari per corruzione una seconda candidata alle Regionali di Fratelli d’Italia.

"È evidente che Cosa nostra punta ai fondi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, se non ce lo avessero detto gli investigatori, ce lo direbbero le intercettazioni – prosegue –, l’antimafia proclamata, che grida al rischio che le mani dei clan arrivino ai fondi europei, non serve, se poi nei luoghi in cui si prendono le decisioni i partiti mandano persone che non sono più che specchiate. Spiace infine – conclude Maria Falcone – che dopo i gravissimi episodi degli ultimi due giorni le reazioni della politica siano state rare e blande. Non voglio pensare che ci si stia assuefacendo a un ritorno al passato più buio della nostra Sicilia".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved