ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
32 min

‘Dopo i tank ci saranno anche gli aerei’

Kiev torna a invocare i caccia ‘per salvare più vite’, mentre prosegue la feroce battaglia a Bakhmut
Estero
44 min

Usa, Cina e la crisi del pallone-spia

Mentre gli Stati Uniti lavorano al recupero dei detriti, sull’incidente restano ancora molti punti oscuri
Estero
6 ore

In Iran l’ayatollah concede la grazia a migliaia di prigionieri

Esclusi dal provvedimento gli accusati di ‘spionaggio, contatto con agenti stranieri, omicidio, distruzione e incendio doloso di proprietà di Stato’
Estero
6 ore

In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen

L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere, ma finora si è dato alla fuga
Confine
9 ore

Con la marijuana in casa: un coinquilino li denuncia

Due giovani in manette a Ponte Chiasso. I poliziotti li hanno trovati con oltre 600 grammi di ‘erba’ e soldi
Estero
9 ore

È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf

Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
10 ore

Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita

Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
11 ore

‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’

Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
Estero
11 ore

Scholz: ‘Kiev non userà armi occidentali per colpire in Russia’

Il cancelliere tedesco rassicura sulle intenzioni della leadership ucraina dopo le dichiarazioni del rappresentante di Zelensky al Parlamento
07.07.2022 - 19:05

Olanda: il piano green di Rutte ‘incendia’ gli allevatori

Blocchi stradali e dei supermercati e arresti per la protesta degli agricoltori contro il taglio alle emissioni di azoto degli allevamenti

olanda-il-piano-green-di-rutte-incendia-gli-allevatori
Keystone

Dai blocchi stradali a quelli dei supermercati, fino ai colpi di avvertimento della polizia a margine di una manifestazione. Nessun ferito, ma diversi arresti (19 solo in nottata). La tensione insomma resta alta in Olanda, dove gli agricoltori protestano ormai da quasi un mese contro le proposte del governo guidato da Mark Rutte per ridurre drasticamente le emissioni di azoto dagli allevamenti: un problema storico per i Paesi Bassi, come per le altre aree ad allevamento intensivo in Europa.

Così, dopo diversi pronunciamenti della Corte Ue e di tribunali nazionali, Rutte ha dovuto affrontare il problema, proponendo una legge per tagliare le emissioni di azoto del 50% entro il 2030, con tanto di mappa dei compiti assegnati a ciascuna provincia: alcune dovranno arrivare al 70%, le aree protette al 95% e hanno un anno per presentare piani dettagliati all’Aia.

Secondo le stime del governo la cura anti-azoto si tradurrà in un calo del 30% dei capi bovini a livello nazionale. Per un paese tra i maggiori esportatori di carne e latte dell’Ue, con 10 milioni di capi di suini, 3,7 di bovini e oltre cento milioni di volatili a fronte di 17 milioni di abitanti, si tratta di una rivoluzione. Mal digerita.

I target previsti "sono semplicemente irrealizzabili e avranno effetti disastrosi non solo sull’agricoltura, ma sulla vitalità economica, sociale e culturale dei territori rurali dei Paesi Bassi", commenta il portavoce della Lto Wytse Sonnema, che indica proprio in questo "effetto distruttivo" la "causa dell’attuale sfogo di rabbia" degli agricoltori olandesi.

La Lto è l’organizzazione agricola più rappresentativa del paese, ci tiene a marcare la distanza dalle manifestazioni violente. "Siamo rimasti scioccati dalle immagini" dei colpi sparati dalla polizia, su cui ora è in corso un’indagine", spiega. "Abbiamo bisogno che la discussione si concentri sugli enormi problemi che queste politiche causeranno, non su un piccolo gruppo di persone che si comporta in modo inaccettabile". Perché la macchina decisionale è già in moto.

"Il governo nazionale ha caricato i governi provinciali di obiettivi e tempi insostenibili – racconta Sonnema – lavoreremo con loro per arrivare a un approccio più realistico".

Lo scontro in Olanda ha implicazioni sul futuro della produzione alimentare dell’Ue: è simbolo dell’allevamento intensivo, ma anche uno dei paesi che investe di più sulle proteine alternative, fino a immaginare di poter produrre carne e latte senza animali.

Uno spin-off dell’Università di Maastricht – Mosa Meat, di cui Coop ha rilevato una quota nel 2018 – guida i tentativi europei di commercializzare l’hamburger da colture cellulari. A inizio anno un’azienda di Rotterdam ha presentato la sua caseina "animal-free" ottenuta con fermentazione di precisione.

I Paesi Bassi "vanno sempre più verso una produzione alimentare basata su prodotti ultra-lavorati come latte fermentato e carne sintetica – commenta Luc Vernet, del think tank brussellese Farm Europe – e questo sarà uno dei principali dibattiti dei prossimi anni". Cioè, conclude, "quello tra un’agricoltura che cerca di ridurre l’impronta ambientale attraverso i mezzi che le sono propri, i cicli naturali e una produzione alimentare totalmente svincolata dall’agricoltura tradizionale e dalla natura".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved