in-montagna-d-estate-con-piu-prudenza-e-c-e-chi-chiede-regole
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

Gran Bretagna, otto mesi per aver morso un poliziotto (cane)

Un 34enne ha aggredito un agente e addentato la testa del police dog che lo accompagnava. L’uomo ha dovuto rispondere di sei capi di imputazione
Estero
7 ore

La Birmania apre a possibili negoziati con Aung San Suu Kyi

La giunta militare vuole porre fine alla crisi politica della nazione e apre alla ex leader, rovesciata e arrestata l’anno scorso con un colpo di Stato
la guerra in ucraina
7 ore

Putin dice sì agli ispettori Aiea, ma blocca ancora Nord Stream

Giornata tesa intorno a Zaporizhzhia, sbloccata dopo una telefonata con Macron: Kiev teme che i russi vogliano scollegare la centrale dalla rete ucraina
Estero
7 ore

Guerra in Ucraina: prima denuncia in Svizzera

Riguarda un fotoreporter ginevrino ferito al volto e all’avambraccio nella regione di Mykolaiv dai soldati russi
Estero
8 ore

Ergastolo per ‘George’, uno dei ’Beatles’ dell’Isis

El Shafee Elsheikh è uno dei quattro militanti membro di una cellula specializzata nella cattura, tortura e decapitazione di ostaggi occidentali in Siria
Confine
9 ore

Donna uccisa a Malnate, arrestato un conoscente

Un 60enne è stato arrestato per l’omicidio della 73enne trovata morta in casa sua a Malnate il 22 luglio
Stati Uniti
12 ore

Paramount continuerà a mettere in onda la Champions League

La società sborserà la bellezza di 1,5 miliardi di dollari per i prossimi sei anni per diffondere le partite oltre Atlantico
Estero
15 ore

Spagna: piloti di easyJet di nuovo in sciopero

Il secondo dei tre scioperi da 72 ore indetto da un sindacato di piloti della compagnia aerea si somma a quello di parte del personale di cabina Ryanair
05.07.2022 - 17:55
Ansa, a cura di Red.Web

‘In montagna d’estate con più prudenza’. E c’è chi chiede regole

Dopo la tragedia sulla Marmolada, si parla dei rischi attuali creati dal cambiamento climatico e della necessità di limiti e restrizioni alla fruizione

"La montagna è viva e in continuo movimento e sarà perciò sempre una zona a rischio. Il resto dipende da noi: chi vuole libertà rinuncia alla sicurezza e viceversa chi vuole sicurezza rinuncia alla libertà". Per l’alpinista altoatesino Christoph Hainz le cose sono chiare. Non esiste e non potrà mai esserci un "bollettino", come quello delle valanghe d’inverno, a indicare il livello di pericolo per le escursioni in quota d’estate. Il climber, che sulle Dolomiti può vantare una quarantina di vie aperte (fino al grado X), conosce molto bene anche la Marmolada, avendola scalata "da ogni possibile versante". Le vittime non hanno sbagliato nulla, è convinto Hainz. "Essere al posto sbagliato nel momento sbagliato viene accettato dalla nostra società nel traffico stradale, ma evidentemente non in montagna", commenta il 59enne di Selva dei Molini. "Noi guide alpine notiamo i cambiamenti e i crolli più di altri e con il ritiro dei ghiacciai alcune creste diventano instabili. Per questo motivo serve più prudenza", spiega l’altoatesino.

La vede così anche il Club alpino austriaco. In alcune zone delle Alpi – a suo avviso – le escursioni in alta montagna in futuro potranno essere effettuate solo in primavera, quando il manto nevoso è ancora più compatto e le temperature più basse. Da tempo le guide alpine locali non offrono più la scalata d’estate del Pan di Zucchero, una vetta di 3’507 metri sul confine tra il Tirolo austriaco e l’Alto Adige, e la via normale sul Grossglockner, la vetta più alta dell’Austria con 3’798 metri, è stata spostata. Nel dibattito interviene anche l’Unione nazionale comuni, comunità enti montani. "Le montagne sono fragili e vi è bisogno di una attenta riflessione sull’accesso e sulla fruizione al tempo del cambiamento climatico", afferma Marco Bussone, presidente dell’Uncem. "Vanno messi precisi limiti e anche restrizioni alla fruizione. In certe aree complesse, in certi periodi dell’anno, non si va. Se la montagna non è un parco giochi, e Uncem da sempre crede non lo sia, mettiamo delle regole".

Il governatore Arno Kompatscher, da parte sua, ribadisce che "la montagna resta aperta e che è di tutti. Con i cambiamenti climatici causati negli ultimi 100 anni dall’uomo, servirà però ancora più prudenza". Secondo il presidente della Provincia autonoma è sbagliato "caricare ora tutta la responsabilità sulla politica, serve comunque sempre anche la responsabilità individuale e chi va in alta montagna affronta un rischio diverso di chi passeggia in città". Anche in passato, fa presente, sono stati cambiati i tracciati di sentieri diventati troppo pericolosi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alpinismo cambiamento climatico marmolada
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved