stragi-a-parigi-abdeslam-ho-sbagliato-ma-non-sono-un-killer
Keystone
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 min

Altre bombe sulla centrale nucleare di Zaporizhzhia

Kiev e Mosca tornano ad accusarsi a vicenda, volano anche insulti. Zelensky sente il Papa, ‘ho parlato degli orrori russi’.
Estero
30 min

Donald Trump indagato dall’Fbi per spionaggio

La conferma dopo la desecretazione del mandato di perquisizione della residenza dell’ex presidente in Florida
l'autore de "i versi satanici’
1 ora

Rushdie sotto i ferri, preso l’assalitore

L’autore dei ‘Versi Satanici’ ferito al collo dopo essere stato per oltre 30 anni sotto minaccia di morte da parte degli integralisti iraniani
stati uniti
1 ora

Biden ha deciso, dopo le Midterm lancia la campagna per il 2024

Il presidente è pronto a correre nonostante i mal di pancia tra i democratici. Vuole la sfida con Trump
pacifico
1 ora

Gli Usa preparano nuove esercitazioni nello Stretto di Taiwan

‘Vogliamo approfondire i legami commerciali con l’isola’
italia
2 ore

Accoltella la figlia gay e la compagna, ‘così morite insieme’

Aggressione omofoba a Salerno: ‘Il padre colpiva, la madre ci bloccava mentre cercavamo di fuggire’
stati uniti
2 ore

L’Fbi cercava carte su armi nucleari nel resort di Trump

Attesa per la desecretazione del mandato. L’ex presidente tira in ballo Obama: ‘Chissà quante ne ha prese lui...’
Estero
2 ore

Undici morti in una sparatoria in Montenegro

All’origine vi sarebbe una disputa familiare. L’assassino ucciso dopo aver sparato la polizia, riferisce un’emittente locale.
Estero
5 ore

Salman Rushdie accoltellato sul palco a New York

L’autore de ‘I versetti satanici’, che gli è valso la fatwa da parte di Khomeini, è stato colpito da un uomo con un’arma da taglio
Estero
5 ore

Il tricheco gioca con le barche e le affonda, Oslo lo minaccia

L’animale ha preso l’abitudine di salire sulle imbarcazioni a prendere il sole mandandole a picco e attira troppo l’attenzione del pubblico
27.06.2022 - 13:03
Aggiornamento: 19:10
Ats, a cura de laRegione

Stragi a Parigi, Abdeslam: ‘Ho sbagliato, ma non sono un killer’

Si è chiuso in Francia il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre 2015. Il verdetto atteso per mercoledì sera

"Ho sbagliato ma non sono un assassino": con un ultimo ciclo di udienze si è chiuso oggi il maxi-processo per gli attentati del 13 novembre 2015 tra lo Stade de France, le brasseries del centro di Parigi e il Bataclan.

Questa mattina, i quattordici imputati presenti hanno avuto l’ultima occasione di esprimersi dinanzi ai giudici della corte d’assise speciale nell’aula bunker dell’Ile-de-la-Cité, nel cuore di Parigi, prima della sentenza attesa per mercoledì.

"E’ vero, ho commesso errori, ma non sono un assassino, non sono un killer, se mi condannate per omicidio, commettereste un’ingiustizia", ha detto nella sua ultima dichiarazione dinanzi all’aula stracolma del Palazzo di Giustizia, Salah Abdeslam, principale imputato nonché unico membro ancora in vita dei commando jihadista che quella notte causò 130 morti e 350 feriti.

Durante il processo cominciato lo scorso settembre - il più lungo dal dopoguerra in Francia - l’ex primula rossa di 32 anni per lunghi mesi uomo più ricercato d’Europa prima della cattura il 16 marzo 2016 a Molenbeek (Bruxelles) si è mostrato ambivalente, oscillando tra l’arroganza dei primi giorni, quando si proclamò "combattente dello Stato islamico", a quando invece, sul finire, ha espresso "condoglianze e scuse alle vittime".

Poco convinta da questo "numero da equilibrista", la procura antiterrorismo invoca per lui l’ergastolo senza possibilità di ricorso, la condanna più pesante prevista dall’ordinamento penale francese. Dinanzi ai giudici, Abdeslam si è difeso assicurando che quella notte rinunciò ad azionare la cintura da kamikaze, come previsto, in un bar del XVIII/o arrondissement, sulle pendici di Montmartre, per "umanità".

"L’opinione pubblica pensa che stessi ai tavolini dei bar a sparare sulla folla, che fossi al Bataclan. Sapete che questo è l’opposto della verità", ha dichiarato oggi l’imputato nato in Belgio da genitori marocchini ma naturalizzato francese, dedicando le sue "ultime parole" alle vittime.

Per uno dei legali di Abdeslam, Olivia Ronen, l’ergastolo senza possibilità di ricorso richiesto contro di lui equivale ad una "pena di morte lenta". La stessa condanna è stata richiesta per il suo amico d’infanzia, Mohamed Abrini, il cosiddetto "uomo col cappello" degli attentati di Bruxelles (marzo 2016) che ha riconosciuto un coinvolgimento anche in quelli parigini.

"Non ho atteso questo processo per avere rimorsi o rimpianti", ha dichiarato il quarantunenne imputato aggiungendo: "Ho messo dei volti sulle vittime, sono consapevole di quanto ciò che è accaduto sia immondo".

Dei quattordici imputati presenti al Palazzo di Giustizia molti si sono alzati uno ad uno per esprimere "pentimento", "scuse" e "condoglianze" alle vittime. Tre altri contro cui è stato richiesto il carcere a vita - Osama Krayem, Sofien Ayari e Mohamed Bakkali - hanno preferito restare in silenzio.

"Il dibattimento è chiuso", ha dichiarato il presidente della corte, Jean-Louis Périès, al termine di questa 148/a giornata di udienze. In totale sono venti gli imputati nel processo: i 14 che hanno partecipato più altri sei processati in loro assenza (5 sono dati per morti).

Le pene richieste vanno dai 5 anni all’ergastolo. La corte si ritira adesso per deliberare in una caserma della regione parigina tenuta top secret per motivi di sicurezza. Dopodomani il verdetto per uno degli episodi più bui della recente storia europea, con 130 morti innocenti, tra cui la giovane ricercatrice italiana Valeria Solesin.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bataclan francia parigi salah abdeslam stragi di parigi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved