ULTIME NOTIZIE Estero
thailandia
4 ore

Entra in un asilo e uccide 35 persone, tra loro 25 bambini

L’omicida, un ex poliziotto, era stato licenziato dopo un test antidroga. Ha poi sterminato la famiglia e infine si è tolto la vita
Brasile
10 ore

Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio

Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
11 ore

Altri due missili verso il Mar del Giappone

Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
11 ore

Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente

Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
20 ore

L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa

Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
tensioni in asia
20 ore

Gli Usa rispondono a Kim, ma il missile si schianta al suolo

Il vettore di Seul fuori controllo ha creato terrore e panico tra gli abitanti di una tranquilla cittadina sulla costa orientale della Corea del Sud
diritti civili
20 ore

Slovenia: il Parlamento approva il matrimonio gay e l’adozione

Si tratta del primo Paese dell’ex area comunista a farlo. Attuata un’indicazione dell’Alta Corte
la guerra in ucraina
22 ore

Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’

Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
20.06.2022 - 18:01
Aggiornamento: 18:24

Le scuse del Belgio per la morte di Lumumba, 61 anni dopo

Il premier De Croo ha ammesso ‘una responsabilità morale’ del governo belga per la morte dell’ex premier del Congo, ucciso e sciolto nell’acido nel ’61

Ats, a cura di Marco Narzisi
le-scuse-del-belgio-per-la-morte-di-lumumba-61-anni-dopo

Il Belgio fa i conti con il suo passato coloniale e, dopo sessantuno anni, restituisce al Congo le spoglie – di fatto, solo un dente – dell’ex primo ministro congolese, Patrice Emery Lumumba, torturato e sciolto nell’acido nel 1961. La cerimonia di consegna si è tenuta questa mattina al Palazzo di Egmont a Bruxelles.

La famiglia dell’ex premier riporterà ora la reliquia in patria, che per il suo eroe nazionale dell’indipendenza ha preparato tre giorni di lutto nazionale dal 27 al 30 giugno. La bara sarà esposta al Palais du Peuple, sede del parlamento congolese e la cerimonia ufficiale di sepoltura avrà luogo il 30 giugno, data del 62esimo anniversario della Repubblica democratica del Congo, in un mausoleo costruito nella periferia orientale di Kinshasa.

‘Responsabilità morale del governo belga dell’epoca’

Il primo ministro del Belgio, Alexander De Croo, ha ammesso "una responsabilità morale" di diversi ministri del governo belga negli anni 60 per le circostanze che hanno portato all’uccisione di Lumumba.

De Croo, intervenendo questa mattina a Palazzo Egmont a Bruxelles nel corso della cerimonia di restituzione delle spoglie di Lumumba ha offerto le proprie "scuse".

"I ministri, i diplomatici, i funzionari o i militari belgi potrebbero non aver voluto far assassinare Patrice Lumumba", ha aggiunto, precisando che "non sono state trovate prove che lo dimostrino", ma "avrebbero dovuto percepire che il suo trasferimento nel Katanga avrebbe messo in pericolo la sua vita" e "hanno scelto di non vedere. Hanno scelto di non agire".

"Questa responsabilità morale del governo belga l’abbiamo riconosciuta e lo ripeto ancora una volta in questo giorno ufficiale di addio del Belgio a Patrice Emery Lumumba – ha sottolineato De Croo –. Vorrei cogliere questa occasione, alla presenza della sua famiglia, desidero scusarmi a mia volta per il governo belga per il modo in cui ha influenzato la decisione di porre fine alla vita del primo ministro dell’ex colonia belga".

Una pagina oscura

L’assassinio di Lumumba, seguito dall’eliminazione della salma, smembrata e disciolta nell’acido, rappresenta una delle pagine più oscure dei rapporti tra il Belgio e la sua ex colonia, divenuta indipendente il 30 giugno 1960.

Lumumba nel giugno del 1960 vinse le prime elezioni libere nella storia del paese e fu nominato primo ministro, prima di essere assassinato. Il dente venne prelevato dai pochi resti del cadavere dal poliziotto belga Gerard Soete, che anni dopo raccontò di avere agito su ordine del commissario Frans Verscheure. Soete riportò il resto con sé in Belgio, dove è stato conservato fino a oggi.

Nel 2011, François Lumumba, il primogenito del leader assassinato, ha puntato il dito contro una dozzina di funzionari e diplomatici belgi dando il via a un procedimento giudiziario ancora in corso a Bruxelles per "crimini di guerra".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved