la-lega-scossa-dal-voto-minaccia-di-lasciare-il-governo
Matteo Salvini, leader della Lega (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
3 ore

Il Pd vara le liste tra le polemiche

Delusione degli ex renziani, epurati da Letta. Cirinnà dice no, poi ci ripensa. Il segretario parla di rinnovamento
taiwan
3 ore

Gli Usa testano missile nucleare a lungo raggio nel Pacifico

Il ministero della Difesa di Taipei ha rilevato 5 navi e 17 caccia cinesi intorno all’isola, con 10 jet che hanno volato attraverso la linea mediana
la guerra in ucraina
3 ore

Colpita un’altra base in Crimea. Putin contro gli Usa

Giovedì vertice tra Zelensky, Erdogan e Guterres a Leopoli. La rivendicazione però non arriva, se non da canali non ufficiali
Estero
5 ore

Una svizzera muore durante una festa techno illegale

Le cause della morte sono oggetto di un’inchiesta. All’evento, organizzato via Telegram, non ci sarebbero state né misure di sicurezza né sanitarie
Estero
6 ore

Roma dà l’addio a Piero Angela. Alberto: ‘Come Leonardo in casa’

Si è svolta oggi la cerimonia funebre laica per l’amatissimo divulgatore scientifico italiano
Estero
7 ore

50 anni fa, dal mare, i Bronzi di Riace

Il 16 agosto del 1972 venivano ritrovate le due celebri statue. Il figlio del Sovrintendente ai beni culturali dell’epoca ne ricorda l’emozione
Confine
8 ore

Scia di violenza a Como, l’accusato non parla

Non risponde alle domande del giudice il 33enne finito in carcere con l’accusa di omicidio, tentato omicidio e lesioni
Cina
13 ore

Troppo caldo in Cina: elettricità razionata

La priorità verrà data alle economie domestiche. Ordinato alle aziende di sospendere la produzione fino a sabato
Kenya
15 ore

Mistero sulla morte di un ufficiale elettorale

L’uomo era scomparso durante la verifica dei registri elettorali. Ritrovato privo di vita alle pendici del Kilimangiaro, a 300 km di distanza
Stati Uniti
15 ore

Abbassamento di quota per American Airlines

Previsti quasi un terzo di voli in meno a novembre, mentre per settembre e ottobre i tagli saranno nell’ordine ‘solo’ del 2%
ucraina
1 gior

Colpita la centrale nel Donbass dei mercenari russi Wagner

Il gruppo paramilitare opera anche in Siria, in Libia e in Africa: è accusato di crimini di guerra e di violazioni dei diritti umani.
italia
14.06.2022 - 20:40
Ansa, a cura de laRegione

La Lega scossa dal voto minaccia di lasciare il governo

‘Per ora’ nessuna volontà di uscire, ma il partito di Salvini chiede ‘segnali concreti di discontinuità entro l’autunno

"Per ora" nessuna volontà di strappare, all‘orizzonte nessun ’Papeete due’, tuttavia non si può far finta di niente: dopo la scoppola di domenica l’esecutivo deve dare alla Lega "segnali concreti di discontinuità e vitalità soprattutto sull’economia, a partire dalle pensioni". Altrimenti in autunno tutto può accadere.

All’indomani di questo difficile primo turno amministrativo, un colonnello molto vicino a Matteo Salvini, con queste parole fa il punto circa il dibattito interno al partito, confermando il malumore interno crescente poche ore dopo l’esortazione di Giorgia Meloni a staccare la spina a Draghi.

Tutti si rendono conto che abbandonare la maggioranza, per la Lega, significherebbe dare implicitamente ragione a Fdi, da subito all‘opposizione. Tuttavia - ammette la stessa fonte - la sensazione generale emersa dal voto è che il governo non sia percepito positivamente dall’opinione pubblica di centrodestra, compreso dal cosiddetto ’popolo delle partite Iva’, che solo secondo "i giornaloni si sarebbe inginocchiato a Draghi".

L’attacco del fedelissimo

La prova sta nei dati: nei centri piccoli, dove la Lega è radicata - è il suo ragionamento - aumenta i voti e i sindaci. Invece, arretra nei centri più grandi, dove prevale il voto di opinione, e dove paga il basso gradimento per chi sostiene Draghi. Già ieri sera, a caldo, un dirigente molto vicino a Matteo Salvini come il vicesegretario Lorenzo Fontana, ha aperto platealmente il fronte nei confronti del governo. "Se per la Lega sarà più difficile stare al Governo questo autunno? Fosse per me - ammette su Rete 4 - io sono abbastanza stanco... Sono un uomo libero e dico che se l’obiettivo di questo governo era quello di tentare che ci fossero il meno possibile di problemi economici dopo la pandemia era giusto provarci e sono convinto che quella scelta sia stata giusta in quel momento. Nel momento in cui però non vedo che i nostri cittadini hanno un riscontro positivo, la Lega risponde all’elettorato, non a qualcun altro, risponde ai propri cittadini".

Insomma, sintetizza Fontana, "se la Lega non è lì per incidere allora tanto vale che non ci stia". "Io - incalza - non voglio tornare sul mio territorio dovendo vergognarmi perché questo Governo non pensa ai cittadini". "Questa - ha aggiunto - è una riflessione che la Lega deve fare perché in autunno sarà molto peggio di adesso. O il Governo cambia e inizia a pensare a quello che interessa ai cittadini o altrimenti faremo le nostre scelte. Poi sarà Salvini ovviamente che ci penserà con tutti gli altri molto più bravi e preparati di me. Però io da uomo libero e leghista - ha concluso - penso di poter rappresentare comunque una parte di quello che la Lega pensa in questo momento, che forse non è neanche particolarmente minoritaria".

Le correnti

Uno sfogo non solo personale o estemporaneo, ma assolutamente in linea con la percezione di Via Bellerio. Lorenzo - assicurano in tanti nella Lega - ha parlato trasmettendo "il sentimento di larghissima parte del partito". Parole forti che gettano nuova benzina in un partito che da mesi vive uno scontro interno, sempre latente ma mai esploso, tra la segreteria e la cosiddetta ‘ala governista’, spesso associata al presunto "partito dei governatori". Tuttavia, il risultato molto deludente di ieri ha rimescolato le carte: non a caso dal partito veneto, considerato in mano al ’moderato’ Luca Zaia, uscito fortemente ridimensionato dalle comunali, arriva una protesta radicale contro il governo: "Abbiamo bisogno di andare alle elezioni, non possiamo continuare con Governi non legittimati dal voto, c’è sempre la scusa per non decidere", confidano all’Ansa fonti autorevoli della Lega veneta. Il redde rationem dovrebbe arrivare solo al prossimo consiglio Federale, tra 15 giorni, dopo i ballottaggi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
governo italia lega salvini voto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved