bachelet-la-visita-in-cina-non-e-un-indagine
Keystone
28.05.2022 - 15:55
Aggiornamento: 16:43
Ats, a cura de laRegione

Bachelet: la visita in Cina non è un’indagine

L’Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani ha aperto la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.

"Questa visita in Cina non è stata un’indagine, ma un modo per impostare una discussione con le autorità cinesi". Lo ha detto Michelle Bachelet, Alto Commissario dell’Onu per i diritti umani, aprendo la conferenza stampa sulla prima visita in Cina in 17 anni, incentrata sullo Xinjiang.

Bachelet ha descritto la visita, che ha incluso anche un incontro virtuale con il presidente cinese Xi Jinping, come un’opportunità per "ascoltarsi" e ha risposto ai critici che l’hanno condannata per non essere stata dura in merito ai diritti umani durante il suo viaggio dicendo semplicemente: "Vi ho sentito".

Gli incontri avuti nello Xinjiang hanno avuto luogo "senza supervisione" da parte delle autorità cinesi, ha affermato la 70enne, parlando nella conferenza stampa in linea al termine della sua missione in Cina. "Abbiamo avuto la possibilità di avere discussioni di alto livello e abbiamo individuato le aree in cui possiamo sviluppare un dialogo per il futuro", ha aggiunto.

Nello Xinjiang Pechino è accusata di violazioni sistematiche dei diritti umani e della detenzione di oltre un milione di uiguri e di altre minoranze musulmane, della sterilizzazione forzata delle donne e di lavori forzati.

Gli Stati Uniti e altri Paesi occidentali hanno parlato di "genocidio" e di "crimini contro l’umanità", accuse negate con forza da Pechino, che ha menzionato azioni repressive della sicurezza come risposta all’estremismo.

La visita è maturata dopo meticolosi negoziati sulle condizioni da seguire: Bachelet in settimana ha visitato, in base alle informazioni fatte filtrare, le città dello Xinjiang di Urumqi e Kashgar, nell’ambito di un viaggio svoltosi in un "ciclo chiuso" a causa dei rischi di Covid-19.

Gli Stati Uniti hanno ribadito "l’errore" compiuto da Bachelet di accettare la missione dopo il rilascio di migliaia di documenti, video e fotografie hackerati dai sistemi informatici della polizia e della rete di incarcerazioni di massa in settimana, con l’ordine di "sparare a vista ai fuggitivi" dai campi.

La 70enne ha sollecitato la Cina ad evitare "misure arbitrarie e indiscriminate" nella sua ampia repressione "contro il terrorismo" nella regione dello Xinjiang. Ha aggiunto che il governo dello Xinjiang le aveva assicurato che una rete di centri di formazione professionale, denunciati dai gruppi per i diritti umani come campi di rieducazione forzata, sono stati nel frattempo "smantellati".

Bachelet ha anche detto di aver sollevato la questione delle separazioni delle famiglie uiguri con le autorità dello Xinjiang. "Siamo consapevoli del numero di persone in cerca di notizie sul destino dei propri cari e posso dire che questa, insieme ad altre questioni, è stata sollevata nei vari incontri avuti con le autorità", ha affermato, precisando poi di "aver sollevato molti casi, casi molto importanti", senza fornire dettagli.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
michelle bachelet onu unhcr xinjiang
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved