omofobia-nel-mondo-ancora-carcere-e-morte-per-l-omosessualita
ULTIME NOTIZIE Estero
Australia
2 min

‘Se nel 2021 eravate al sicuro, non pensate di esserlo oggi’

Inondazioni in Australia, il ministro dei servizi d’emergenza del Nuovo Galles del Sud mette in guardia: ‘Emergenza che mette in pericolo la vita’
Danimarca
53 min

Copenaghen, problemi mentali per l’autore della sparatoria

Per il capo della polizia Soren Thomassen non vi sono indizi che possano ricondurre alla matrice terroristica. Vittime colpite a caso
Italia
2 ore

Tragedia della Marmolada, per ora 17 i dispersi

Tra le sei vittime finora confermate ci sono tre italiani e un cecoslovacco. In montagna ancora un’enorme quantità di ghiaccio pericolante
Stati Uniti
2 ore

Nuovo video shock sull’uccisione di un afroamericano

Prima l’inseguimento con (forse) uno sparo da parte del braccato, poi i sessanta colpi sparati dalla polizia. Clima teso come in una polveriera
Danimarca
2 ore

Sparatoria a Copenaghen, i morti sono tre

Diversi i feriti, tre in condizioni gravi. Il 22enne fermato dopo i fatti già noto alle forze dell’ordine, ‘ma solo marginalmente’
Estero
13 ore

Gli ucraini lasciano Lysychansk. Mosca: ‘Preso il Lugansk’

Una settimana dopo la caduta della gemella Severodonetsk, l’esercito di Kiev ha annunciato la ritirata dalla città
Estero
14 ore

Spari in centro commerciale a Copenaghen, diverse vittime

Una persona è stata arrestata dalla polizia danese. Ignote al momento le cause della sparatoria
Italia
16 ore

Marmolada, almeno sei i morti causati dal crollo del seracco

Si aggrava il bilancio dell’incidente in montagna odierno. Oltre alle vittime ci sono anche tra i 10 e i 14 feriti, di cui due gravi
Pakistan
17 ore

Minibus finisce in un burrone: è tragedia in Pakistan

Almeno diciannove le vittime del terribile incidente, avvenuto a causa dell’alta velocità in una remota zona collinare del Belucistan
Italia
17 ore

Crolla un seracco sulla Marmolada: 15 persone coinvolte

Un primo bilancio del Servizio di urgenza ed emergenza medica del Veneto riferisce di sette feriti, uno dei quali gravi
Italia
18 ore

Base jumper svizzero perde la vita nel Trentino

Assieme ad altri due amici, il 33enne, residente in Italia, si era lanciato dal monte Casale, nella valle del Sarca
Australia
18 ore

Australia sotto un diluvio senza tregua: scattano le evacuazioni

Non si placano le piogge torrenziali: circa 32’000 le persone raggiunte dall’ordine di sfollare. E c’è pure un morto
Giappone
19 ore

Nel Paese del Sol Levante, il lavoro non tramonta mai

Complice il declino delle nascite e l’alta aspettativa di vita, in Giappone in un’azienda su quattro si lavora fino a 70 anni
17.05.2022 - 14:20
Aggiornamento: 14:43
Ats, a cura di Marco Narzisi

Omofobia: nel mondo ancora carcere e morte per l’omosessualità

Oggi è la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia. In 62 Paesi l’omosessualità è un reato punito con carcere o pena capitale

Si celebra oggi la Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, riconosciuta dalle Nazioni Unite e dall’Unione europea. La ricorrenza, nata nel 2004, cade oggi in quanto il 17 maggio del 1990 è la data in cui l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha rimosso l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie, privandola di ogni connotazione patologica e definendo infine l’orientamento sessuale come parte dell’identità della persona.

In Svizzera passi avanti legali ma aumentano le aggressioni omofobe

A oggi, la situazione dei diritti della comunità Lgbtq+ non è tuttavia ancora serena a livello mondiale. Alcuni Paesi hanno fatto grandi passi avanti negli ultimi anni: la Svizzera, ad esempio, con due votazioni popolari ha approvato la legge contro l’omofobia nel febbraio del 2020 e il matrimonio per tutti nel settembre del 2021. Tuttavia, il servizio di aiuto e sostegno "LGBT+ Helpline" nel 2021 ha ricevuto circa 90 segnalazioni di violenze – fisiche o verbali – legate all’odio: si tratta di un aumento del 50%, si legge in un comunicato odierno delle associazioni LGBT+. Questi dati sono solamente la punta dell’iceberg, hanno spiegato Pink Cross, l’Organizzazione lesbiche Svizzera e Transgender Network Switzerland, in occasione della Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia.

Gli episodi segnalati sono soprattutto insulti o bandiere arcobaleno distrutte. Un terzo è però legato a vere e proprie aggressioni fisiche. Secondo quanto si legge nella nota, oltre la metà dei segnalatori ha ammesso di aver subito conseguenze psicologiche a causa dell’evento traumatico.

Le cifre nascoste di questi casi sono però enormi, secondo le associazioni di categoria. Per questo viene chiesto di stilare una statistica nazionale di reati contro persone la cui sessualità non corrisponde a quella che è considerata la norma sociale. Attualmente tali dati vengono registrati solo dalla Città di Zurigo e dal Canton Friburgo.

La situazione nel mondo

A oggi l’omosessualità è ancora ufficialmente un reato penale in 62 Paesi al mondo, a cui si aggiungono altri tre (Afghanistan, Egitto e Iraq) in cui essa è punita de facto anche in assenza del reato specifico (in Egitto ad esempio gli omosessuali vengono perseguiti per "depravazione").

In Italia la norma che prevedeva l’aggravante omofoba nei delitti contro la persona, il cosiddetto "ddl Zan" è stata affossata dal Parlamento a ottobre del 2021 dopo una lunga battaglia. A livello europeo, l’ultimo Stato ad abolire il reato di omosessualità è stata l’autoproclamata Repubblica Turca di Cipro del Nord nel 2014, e prima di essa San Marino nel 2004: attualmente, l’Europa è dunque l’unico continente in cui essere omosessuali, in sé, non è reato (diverso è il discorso sulle leggi che, come in Russia, vietano la "propaganda dei rapporti sessuali non tradizionali").

Negli Stati Uniti, l’omosessualità era criminalizzata nel reato di "sodomia" fino al 2003 in ben 14 Stati: Alabama, Carolina del Nord, Carolina del Sud, Florida, Idaho, Kansas, Louisiana, Michigan, Mississippi, Missouri, Oklahoma, Texas, Utah, Virginia. A livello mondiale, l’ultimo Paese a depenalizzare il fatto stesso di essere omosessuali è stato il Bhutan il 14 marzo 2021.

Molti i Paesi in cui essere omosessuali è punito con una pena detentiva: si va dal minimo di sei mesi in Algeria e Repubblica Centrafricana alla pena massima di 25 anni di carcere prevista in Tanzania, fino al carcere a vita in Gambia, Sierra Leone (per l’omosessualità maschile) e in alcuni casi anche in Sudan, Uganda e Barbados.

In sei Paesi gli omosessuali sono passibili di pena di morte: Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Somalia, Mauritania e Yemen. Relativamente ad alcune zone a causa di usanze tribali o religiose locali, si può essere messi a morte per omosessualità, per legge o de facto, anche in Afghanistan, Nigeria, Iraq, Maldive, Pakistan, Palestina (a Gaza). In Qatar, sebbene sia prevista, non ci sono segnalazioni di condanne a morte per omosessualità.

Per contro, l’omosessualità non è mai stata illegale in Burkina Faso, Costa d’Avorio, Gibuti, Ruanda, Taiwan, Vietnam e Haiti.

Leggi anche:

Votazioni federali, 'No' all'iniziativa sulle pigioni moderate

Il Ddl Zan e il muoia Sansone della sinistra italiana

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bifobia giornata internazionale omosessualità transfobia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved