francia-emmanuel-macron-e-marine-le-pen-al-ballottaggio
Keystone
Stesso risultato di 5 anni fa
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Novartis conferma il decesso di due bimbi dopo terapia genetica

Il farmaco ha causato nei due pazienti una disfunzione al fegato. ‘I benefici restano superiori ai rischi’, afferma l’azienda farmaceutica.
Estero
3 ore

Samsung: erede del gruppo graziato dalla condanna di corruzione

Lee Jae-yong sarà ‘reintegrato’ per ‘aiutare a superare la crisi economica della Corea del Sud’, ha spiegato il ministro della Giustizia del Paese
Estero
14 ore

Incendi fuori controllo in Francia, il fumo arriva nel Vaud

Particolarmente colpito il sud-ovest del Paese: 400 ettari di foreste distrutti nel Giura francese
Confine
14 ore

Sangue a Como: ucciso un 70enne, feriti un bimbo e un ragazzo

Le tre aggressioni sono avvenute tutte nella stessa zona, a sud della città. Arrestato un 33enne di Albiolo.
roma
14 ore

Flop della banda del buco, ladro resta incastrato nel tunnel

Salvato dopo 8 ore dai vigili del fuoco, forse progettavano il colpo di Ferragosto
italia
14 ore

Accordo Renzi-Calenda, nasce il terzo polo

Obiettivo principale riportare Draghi a Palazzo Chigi. Il leader di Azione sarà il candidato numero uno
Estero
14 ore

L’Estonia chiude l’ingresso ai russi

Tallinn revoca visti e chiede lo stop Ue. Cremlino infuriato. La Germania dissente con la mossa estone e Kiev chiede spiegazioni
la guerra in ucraina
15 ore

Nuovi raid a Zaporizhzhia, scambi di accuse Mosca-Kiev

Guterres (Onu): smilitarizzare l’area. In Crimea distrutti 8 jet russi
libano
15 ore

Prende ostaggi in banca per disperazione, la folla sta con lui

L’uomo, armato, voleva recuperare i suoi soldi congelati dalle banche.
10.04.2022 - 20:23
Aggiornamento: 22:30
Ats, a cura de laRegione

Francia, Emmanuel Macron e Marine Le Pen al ballottaggio

Il presidente uscente in testa dopo il primo turno delle presidenziali, tallonato dalla candidata di estrema destra. Alla deriva Eric Zemmour

Non sembra cambiato niente rispetto al 2017, per ora. Ma che il ballottaggio del 24 aprile abbia lo stesso esito non è assolutamente detto. Esattamente come cinque anni fa le due foto proiettate dai canali televisivi francesi alle 20 spaccate hanno sancito che la corsa per la presidenza della Repubblica francese è storia tra Emmanuel Macron e Marine Le Pen. E mai come stavolta la partita è tutta da giocare. Perché sì, Macron ha fatto il pieno di voti ottenendo, con circa il 28%, quattro punti percentuali in più rispetto al vittorioso 2017. E ha pure tenuto a distanza lo spauracchio Le Pen, ferma al 23%. Ma se il presidente uscente può contare sul sostegno di buona parte della destra e della sinistra, i calcoli degli analisti dicono che su Marine Le Pen convergerà almeno il 7% dei voti in più rispetto a quelli che prese nella sfida di cinque anni fa: quelli di un Eric Zemmour andato alla deriva, che stasera ha esortato i suoi sostenitori a votare per lei.

Spicca invece il trionfo popolare di Jean-Luc Mélenchon, il tribuno della ‘gauche radicale’, salito per la prima volta oltre il 20% piazzandosi al terzo posto. E, soprattutto, spazzando via i fantasmi di chi considerava possibile che non pochi suoi seguaci votassero Le Pen in funzione anti-Macron: "Neppure un voto deve andare a Marine Le Pen!", ha gridato dal palco per quattro volte, entusiasmando i suoi sostenitori.

Atmosfera opposta in casa del polemista di estrema destra, Eric Zemmour, crollato al 7% dopo sondaggi lusinghieri. Ha pagato le sue affermazioni filorusse, ma soprattutto ha perso la scommessa di soppiantare la presidente del Rassemblement National come guida dell’estrema destra. Una Le Pen che questa sera è apparsa fiduciosa quando ha lanciato un appello ai francesi "di ogni sensibilità, a tutti coloro che non hanno votato per Macron" ad "unirsi a questo grande Rassemblement National e popolare".

Gli altri risultati, si diceva, attestano soprattutto clamorose sconfitte: come quella di Valérie Pécresse, prima donna a candidarsi all’Eliseo per i Républicains neogollisti, che sprofonda dal 16-17% iniziale al 5% di questa sera. Il suo predecessore nella corsa all’Eliseo, François Fillon, nonostante fosse azzoppato dallo scandalo dei collaboratori parlamentari, aveva conquistato il 20% cinque anni fa. Altra storia.

Più atteso, perché era stato annunciato dai sondaggi ormai da settimane, il 2% con cui naufraga Anne Hidalgo, sindaca socialista di Parigi che già nei giorni scorsi ha anticipato la sua sconfitta proclamando la necessità di una rifondazione del Ps, o di quel che ne resta.

Con le urne chiuse da un paio d’ore sono già arrivati i primi sondaggi in vista del ballottaggio. Entrambi danno vincitore Macron: quello dell’istituto Ifop, lo dà al 51% contro il 49% di Le Pen; quello di Ipsos Sopra-Steria gli dà più agio, accreditandogli il 54% dei consensi. Ma non sarà facile per il presidente uscente. Sia per il contesto nazionale e internazionale, sia perché quanto doveva attingere dal serbatoio gollista dei Républicains è già stato attinto in questi cinque anni: quel che avanza, guarda ancora più a destra rispetto che al centro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel macron francia marine le pen
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved