06.04.2022 - 12:58
Aggiornamento: 14:39

È morto il leader ultranazionalista russo Vladimir Zhirinovsky

Il leader del Partito liberale democratico (LDPR), formazione di estrema destra nazionalista, noto per le sue uscite sopra le righe, aveva 75 anni

Ats, a cura de laRegione
e-morto-il-leader-ultranazionalista-russo-vladimir-zhirinovsky
Keystone

Il veterano ultra-nazionalista della politica russa Vladimir Zhirinovsky è morto all’età di 75 anni. Lo ha annunciato oggi Vyacheslav Volodin, speaker della Camera bassa del parlamento.

"La sua personalità è così enorme che è difficile immaginare lo sviluppo del sistema politico della Russia moderna senza di lui", ha scritto Volodin sul suo canale Telegram a proposito del defunto e focoso leader, che è sempre stato attento a non opporsi al presidente Vladimir Putin. "Capiva profondamente come funzionava il mondo, e prevedeva molte cose".

I suoi colleghi deputati hanno reso omaggio a questa personalità esplosiva con un minuto di silenzio nella Duma.

Zhirinovsky era stato riportato come in agonia da molti media russi per settimane dopo aver contratto il Covid-19. Volodin ha riferito di una "lunga malattia". Il Ministero della Salute ha dichiarato alle agenzie russe che "grandi specialisti e medici hanno combattuto per la sua vita fino alla fine".

La sua morte "è un colpo alla Russia, all’esercito dei suoi sostenitori", ha commentato il Partito liberale democratico (LDPR), che ha guidato per più di 30 anni.

Collocato all’estrema destra, Vladimir Zhirinovsky ha partecipato a quasi tutte le elezioni presidenziali della Russia moderna e il suo partito è sempre stato rappresentato negli organi locali e nazionali, giocando il ruolo di un avversario rumoroso ma non ribelle.

Nella memoria dei russi rimangono le sue diatribe, le sue esplosioni bellicose e le sue apparizioni improbabili, come ad esempio la volta in cui aveva gettato un bicchiere d’acqua in un dibattito mentre insultava il suo avversario, litigando in parlamento con un deputato.

Il suo ultimo sfogo è arrivato il 27 dicembre, quando ha predetto che il 2022 "non sarà un anno pacifico, sarà l’anno in cui la Russia diventerà di nuovo una potenza", invitando ad "aspettare il 22 febbraio". Che, per coincidenza, è stato il giorno prima di quello in cui Vladimir Putin ha riconosciuto i separatisti filorussi nella regione ucraina del Donbass, prima di inviare le sue truppe in Ucraina due giorni dopo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved