ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Bosnia: il secessionista Dodik in vantaggio

Dopo lo spoglio di circa la metà delle schede elettorali, sono in vantaggio il bosgnacco musulmano Becirovic, la serba Cvijanovic e il croato Komsic
Estero
2 ore

In Bulgaria vincono i conservatori ma il governo è un rebus

il partito Gerb dell’ex premier Boyko Borissov viene dato in chiaro vantaggio nelle elezioni parlamentari anticipate svoltesi oggi, le quarte in due anni
Estero
4 ore

Il ritorno delle bandiere ucraine nel Donbass

Kiev si riprende Lyman, snodo strategico nel Donetsk. La Nato avverte Putin: ‘Reazione dura se userà il nucleare’
Estero
4 ore

Brasile al voto: Lula si riprende la scena ma il Paese è diviso

Nonostante la campagna più polarizzata nella storia del colosso verde-oro, l‘ex sindacalista è convinto che sarà ’facile ristabilire pace e democrazia’
Confine
4 ore

La Lombardia vista come ‘capitale italiana della ’ndrangheta’

È quanto emerge dalla relazione dalla Direzione investigativa antimafia inoltrata in questi giorni al Parlamento
Confine
7 ore

Valmorea, centinaia di persone al tributo per don Renzo Scapolo

Sabato pomeriggio si è celebrata l’intitolazione del ‘Parco dell’accoglienza’ dedicato all’ex parroco di Caversaccio tra ritratti e testimonianze
Estero
7 ore

Re Carlo non parteciperà alla conferenza sul clima

Nonostante negli anni passati vi abbia partecipato, quest’anno il sire non presenzierà all’incontro seguendo il consiglio della premier Truss
Italia
8 ore

Curato grazie a Maradona, nei guai per spaccio

Per l’ex bimbo di Acerra salvato (e curato in Svizzera) dal Pibe de Oro sono scattati gli arresti domiciliari e la revoca del reddito di cittadinanza
Iran
9 ore

Caso Mahsa Amini: da inizio proteste morte almeno 92 persone

L’Ong Iran Human Rights ha accusato le forze di sicurezza di aver ‘represso in modo sanguinario’ le rivolte
Italia
12 ore

L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare

In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
Iran/Usa
13 ore

Onu, liberato Baquer Namazi insieme al figlio

L’uomo, ex responsabile dell’Unicef, era stato incarcerato nel febbraio del 2016. Entrambi erano stati condannati a dieci anni di prigione per spionaggio
Bosnia ed Erzegovina
14 ore

Di elezioni generali e profonde crisi politiche

Oggi le votazioni ‘federali’ nel Paese balcanico, fra lo spettro dei nazionalismi e dei populismi
Portogallo
1 gior

Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi

Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
1 gior

Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi

Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
1 gior

Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue

L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
1 gior

Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche

Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
1 gior

Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui

Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
1 gior

‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin

L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
2 gior

‘Nessuna minaccia imminente sull’uso dell’atomica della Russia’

Lo ha detto il Consigliere per la sicurezza nazionale Usa Jake Sullivan, aggiungendo che ‘i militari americani in Europa sono pronti a ogni evenienza’
Estero
2 gior

Afghanistan, kamikaze si fa esplodere in una scuola a Kabul

Il bilancio delle vittime parla di almeno 20 i morti, per lo più ragazze, e 35 i feriti. Sospettato il ramo afghano dell’Isis
Confine
2 gior

Valmorea dedica un Parco a don Renzo Scapolo

L’intitolazione avrà luogo sabato nell’area verde delle scuole del comune, con tanto di testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto
Estero
2 gior

Anche lo Stato di New York fermerà le auto a benzina dal 2035

Bandite tutte le auto nuove che non siano a emissioni zero, sulla scia di quanto annunciato lo scorso agosto dalla California
Estero
2 gior

Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’

Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
Confine
2 gior

17enne muore travolto dal treno nel Varesotto

L’incidente fatale nella notte ad Albizzate a poche centinaia di metri dalla stazione
Estero
2 gior

Condanne definitive per il sistema criminale che gestiva Roma

Convalidati i 10 anni ai vertici dell’associazione a delinquere che dirigeva in modo illecito gli appalti dei pubblici servizi della capitale italiana
Estero
3 gior

A tre giorni dalle elezioni Neymar sostiene Bolsonaro

In un video su TikTok il fuoriclasse brasiliano del Psg mima una canzona che invita a votare il presidente uscente, in ritardo nei sondaggi su Lula
Estero
3 gior

Usa: avvocati Trump, 200mila le carte sequestrate a Mar-a-Lago

I legali dell’ex presidente hanno rivelato l’entità della montagna di documenti che l’Fbi aveva sequestrato nella tenuta in Florida
la guerra in ucraina
3 gior

Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta

‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
america latina
3 gior

Ortega attacca la Chiesa cattolica: ‘È una tirannia’

Il padre padrone del Nicaragua si scaglia anche contro l’Ue. Il vescovo: ‘Solo bugie’
Estero
3 gior

Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini

La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
3 gior

Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno

Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
Estero
3 gior

Elisabetta II è ufficialmente morta ‘di vecchiaia’

Pubblicato il certificato di morte della sovrana, che alla voce ‘professione’ riporta ‘Sua Maestà la Regina’
Estero
3 gior

I soldati russi al telefono: ‘Guerra inutile, pretesto falso’

Dalle intercettazioni verificate, tradotte e pubblicate dal Nyt emerge il morale a terra delle truppe e le critiche a Putin per l’invasione dell’Ucraina
laR
 
09.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:44

‘C’è un rischio nucleare sia civile che militare’

A colloquio con l’esperto Stephen Herzog (Ethz-Harvard) sui rischi di escalation legati alla guerra in Ucraina

c-e-un-rischio-nucleare-sia-civile-che-militare
Keystone

Che si tema un tragico incidente presso una centrale o un missile piantato nel cuore dell’Europa, una cosa è evidente: il termometro della paura nucleare è tornato a registrare una febbre. Da una parte ci sono stati gli scontri presso i reattori di Zaporizhia, dall’altra la consapevolezza del fatto che Nato e Russia tornano a guardarsi in cagnesco come ai tempi delle vecchie cortine. Ma fino a che punto dovremmo preoccuparci? Ne parliamo con Stephen Herzog, ricercatore senior ed esperto nucleare presso il Politecnico di Zurigo e membro del ‘Progetto per la gestione dell’atomo’ di Harvard.

Anche volendo evitare inutili allarmismi, dopo l’allerta di Vladimir Putin l’opzione della guerra nucleare in Europa sembra meno fantascientifica di quanto non apparisse fino a poche settimane fa. Ma davvero rischiamo scenari da ‘Dottor Stranamore’?

Prima di questa crisi, buona parte dell’opinione pubblica globale pareva essersi dimenticata del mondo in cui viviamo e di una realtà che perdura dai tempi della Guerra fredda: tutte le principali città europee nei Paesi Nato possono essere colpite da missili nucleari russi nel giro di 20 minuti. La geografia europea e gli effetti delle armi nucleari implicano conseguenze gravi anche per le città che si trovano in Paesi neutrali come la Svizzera. Anche i centri urbani Usa possono essere distrutti in mezz’ora dalle quasi seimila testate che la Russia può lanciare dalla terraferma o dal mare. Ovviamente è vero anche il contrario: la Russia ha la stessa vulnerabilità e corre gli stessi rischi. È uno scenario triste che faremmo meglio a tenere in considerazione anche al di fuori della crisi ucraina, mettendo più spesso al centro del dibattito pubblico le modalità di confronto con le minacce nucleari e la gestione della de-escalation di eventuali conflitti.

L’idea che sta dietro al sistema nucleare internazionale è la ‘deterrenza’: superpotenze l’una contro l’altra armate ‘congelano’ l’Europa in una situazione di pace, visto che l’alternativa è l’annichilimento reciproco. In Ucraina non ha funzionato, però.

La deterrenza nucleare aumenta il prezzo da pagare per uno scontro militare, portandolo fino all’autodistruzione: in questo senso può servire a frenare certe ambizioni geopolitiche. Tuttavia non riesce sempre a sventare conflitti ‘periferici’, specie in Paesi che restano al di fuori delle alleanze militari e dello scudo nucleare come l’Ucraina.

Lì Putin ha individuato una vulnerabilità strategica?

La scommessa di Putin è basata sulle differenze nel cosiddetto ‘balance of resolve’, l’equilibrio tra la determinazione dell’una e dell’altra parte: ha ritenuto che il controllo del destino dell’Ucraina come Stato stesse più a cuore a Mosca che alla Nato, e dunque ha previsto di potervisi ritagliare spazio di manovra. Tuttavia, vediamo che ora il conflitto ha finito rapidamente per coinvolgere tutto l’Occidente, le sue nazioni, le sue armi, la sua intelligence militare e il suo peso economico.

Questo potrebbe cambiare gli equilibri, ma significa anche che i Paesi occidentali potrebbero infilarsi sempre di più nel conflitto. Dove sta la linea rossa oltrepassata la quale qualcuno potrebbe premere il bottone nucleare?

È molto difficile indovinare dove stia quella linea secondo il Cremlino. Non credo che una partecipazione ‘minore’ al conflitto ucraino – ad esempio con truppe di peacekeeping o perfino la creazione di una no-fly zone – scatenerebbe una reazione del tipo ‘bombardiamo Washington’. Però si tratta di calcoli assai rischiosi: non sappiamo a che punto Putin potrebbe utilizzare almeno qualche testata nucleare tattica a corto raggio, magari per raggiungere parità di forze sul campo di battaglia. E poi ci sono gli incidenti e gli errori di valutazione, sempre possibili nella ‘nebbia della guerra’. Intanto, man mano che i video di violenze contro i civili ucraini raggiungono il pubblico europeo, le pressioni per un intervento occidentale più risoluto aumentano: sarà imperativo stabilire al più presto cosa l’occidente intende fare – e cosa no – per raggiungere la pace ed evitare un conflitto totale con la Russia.

C’è un ‘accerchiamento nucleare’ Nato ai danni di Mosca?

La Russia può in effetti percepire l’allargamento della Nato come un accerchiamento: ne limita di fatto la libertà di manovra e l’influenza diplomatica in Europa dell’Est. Va però notato che le armi nucleari non si trovano dispiegate in Paesi come Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia. L’intelligence ‘open source’ indica che le 150 testate nucleari presenti in Europa si trovano più a ovest, in Paesi come il Belgio, la Germania, i Paesi Bassi, l’Italia, oltre alla Turchia. Si tratta poi di cosiddette bombe ‘stupide’, che si possono lanciare solo da un aereo e sono prive di guida laser: in un certo senso contribuiscono alla coesione della Nato più a livello simbolico che nella pianificazione di qualsivoglia missione militare. Dall’altra parte vediamo che la Russia ha effettuato esercitazioni nucleari anche a Kaliningrad, l’enclave russa al confine con Polonia e Lituania, e ora Mosca può contare anche sulla Bielorussia per dispiegare le sue armi nucleari e puntarle verso le nazioni europee.

Kaliningrad si trova a poco più di 500 chilometri da Berlino, per cui si potrebbe parlare quantomeno di accerchiamento reciproco. Ma secondo alcuni è la richiesta Ucraina di aderire alla Nato ad aver scatenato l’intervento russo.

Non mi pare che vi sia una relazione diretta tra le due cose. L’Ucraina non ha alcuna possibilità di diventare Paese Nato nel breve termine. Questo valeva anche prima di ritrovarsi in guerra, cosa che già di per sé esclude questa opzione: normalmente, per diventare un membro Nato si devono poter esibire molti anni di alternanza pacifica tra governi democratici, il pieno rispetto delle libertà individuali e la piena applicazione dello Stato di diritto. L’Ucraina è una democrazia troppo giovane – con troppa corruzione e problemi a livello di diritto – per soddisfare questi criteri. Ciò non significa naturalmente che la volontà di renderla ‘neutrale’ in via preventiva non sia parte del calcolo di Putin; tuttavia, non credo che un’eventuale adesione tra chissà quanti anni possa spiegare l’invasione. Putin ha sempre detto chiaramente che intende ricostruire la grandeur russa: ciò cui stiamo assistendo potrebbe essere l’inizio della costruzione di questa sorta di eredità putiniana.

In passato, però, per l’ingresso nella Nato si sono fatte eccezioni.

Certo, abbiamo visto un’interpretazione piuttosto elastica dei criteri d’ingresso per Paesi quali la Bulgaria, la Romania, la Turchia e non solo. Ma è comunque difficile ipotizzare l’ingresso dell‘Ucraina nell’alleanza atlantica prima che risolva i suoi problemi ed esca da questa enorme disputa territoriale.

Sempre a proposito di Nato, secondo alcuni avrebbe dovuto garantire la pace all’Europa e invece le ha portato la guerra. Cosa ne pensa?

È difficile indovinare in via controfattuale cosa sarebbe successo nel caso in cui non ci fosse stata. Quello che posso notare è che difficilmente quanto accade in Ucraina ed è accaduto in Georgia potrebbe succedere a Paesi membri come Estonia, Lettonia, Lituania. Per quanto la Russia possa sentirsene minacciata, possiamo dire che l’assenza della Nato potrebbe condurre a un’instabilità anche maggiore. Mosca può interferire con i membri Nato attraverso attività informatiche o cercando di immischiarsi nelle loro elezioni, ma non sembra voler rischiare un confronto militare diretto.

La Svizzera si è allineata alle sanzioni dell’Unione europea. Alcuni sostengono che si tratti di una violazione della neutralità, sebbene la sua interpretazione più ‘letterale’ prescriva solo di non entrare nei combattimenti. In realtà il dibattito riguarda anche l’immagine che il Paese ha di sé: una piccola nazione nel bel mezzo dell’Europa occidentale può davvero ritenersi neutrale?

Io penso che la neutralità svizzera sia reale, ma ovviamente dev’essere letta nel contesto del suo posizionamento geografico, con tutto quel che esso implica in termini di pericoli militari e partecipazione all’equilibrio tra potenze. È chiaro che la Svizzera non è fuori dall’Europa, come ci mostra già la crisi dei rifugiati insieme agli altri effetti indiretti del conflitto ucraino. Se ad esempio – e parliamo di un’ipotesi molto remota – venissero utilizzate armi nucleari in qualsiasi altra parte d’Europa, la neutralità svizzera non la proteggerebbe dall’enorme impatto della radioattività sulla salute pubblica, l’ambiente e l’economia.

Ma non ci stiamo ‘schierando’ troppo?

Anche in passato la Svizzera si è allineata alle sanzioni verso Paesi come la Corea del Nord. Se poi nella comunità internazionale si afferma un consenso diffuso circa le violazioni del diritto internazionale commesse da un Paese in guerra, la scelta di non adottare le sanzioni potrebbe essere vista come un modo per stare dalla parte dell’aggressore. Più avanti la Svizzera potrebbe comunque sfruttare la sua neutralità per giocare un ruolo di mediatrice tra le parti. Dopotutto, ci sarà pure una ragione per la quale svariate fasi del negoziato sul controllo degli armamenti nucleari hanno avuto luogo a Ginevra.

Sempre a proposito di minacce nucleari, a spaventare l’opinione pubblica sono stati anche gli scontri presso la centrale di Zaporizhia, che ci hanno fatto vedere ancora una volta i rischi di un tremendo incidente. Quanto dobbiamo temere una sorta di ‘ipotesi Chernobyl’?

Non penso affatto che la Russia voglia attaccare di proposito le quattro centrali nucleari presenti in Ucraina: le conseguenze sarebbero disastrose, forse perfino più gravi di quelle dell’incidente di Chernobyl, e investirebbero tanto l’intera Europa quanto la stessa Russia. Va anche detto che la Russia si è sempre detta d’accordo con le linee guida dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, che prescrive di escludere le centrali dagli obiettivi militari. Inoltre, controllare un impianto come quello di Zaporizhia, che soddisfa il 25% del fabbisogno energetico ucraino, potrebbe risultare più strategico di distruggerlo se lo scopo è quello di infliggere alla popolazione ulteriori sofferenze: ‘spegnere l’interruttore’ avrebbe un effetto importante sul morale collettivo. Però gli incidenti sono sempre possibili, e gli effetti di un attacco alle strutture vicine alle centrali – come abbiamo visto al centro di addestramento di Zaporizhia – potrebbero essere disastrosi.

Cosa potrebbe accadere?

Dopo il disastro di Chernobyl i reattori – a Zaporizhia sono sei – sono protetti da un edificio di contenimento in cemento. Il problema è che queste strutture servono a evitare la diffusione di radiazioni dall’interno all’esterno in caso di incidente al nucleo, o al massimo proteggerlo da piccoli terremoti ed esplosioni all’esterno; ma in nessun caso possono resistere ai colpi di carri armati, artiglieria pesante e missili. Oltre ai reattori ci sono poi le strutture esterne all’edificio di contenimento: le piscine nelle quali si conserva l’uranio già utilizzato, le infrastrutture che garantiscono l’alimentazione elettrica. Se colpite, potremmo assistere anche in questo caso a un disastro: quello di Fukushima fu dovuto proprio a un’interruzione dell’alimentazione che garantiva il raffreddamento del nucleo. Ecco perché anche volendo escludere un attacco deliberato, il rischio di un incidente è motivo di grandi preoccupazioni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved