respinto-dai-giudici-il-referendum-sull-eutanasia
Marco Cappato mostra una maglia pro-eutanasia (marcocappato.it)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
6 ore

’Ndrangheta, in Svizzera il gestore di un giro di soldi sporchi

Un 52enne italiano residente nella Confederazione è considerato il ‘dominus’ di un giro di affari che reinvestiva all’estero i soldi della malavita
Estero
6 ore

La sfida di Edimburgo: ‘Referendum per la secessione nel 2023’

La first minister scozzese Nicola Sturgeon annuncia un voto ‘consultivo’. ‘La democrazia scozzese non sarà prigioniera di Johnson o di un altro premier’
Estero
13 ore

Dalla Casa Bianca trapelano dubbi sulla vittoria ucraina

Fonti interne all’amministrazione Usa discutono dell’opportunità che Kiev ‘moderi le sue aspettative’ accettando anche perdite territoriali irreversibili
Confine
14 ore

Infrazioni a sei cifre a cavallo del confine

Intercettati beni per un valore complessivo di 1’734’342 euro non dichiarati da parte della Guardia di finanza. E pure una cartella ipotecaria
Estero
15 ore

Strage di migranti in Texas: complice il caldo, 46 morti

Fra le vittime, rinvenute in un camion abbandonato a San Antonio, quattro bambini. Il governatore attacca Biden: ‘Queste morti sono le sue’
Estero
23 ore

A Roma brucia un capannone, le fiamme non si fermano

Finora le persone rimaste intossicate sono poco più di una trentina, tra i quali quattro poliziotti; trasportati all’ospedale una donna con un bambino
Estero
1 gior

Treno colpisce un camion e deraglia in Missouri, morti e feriti

L’incidente è occorso ad un incrocio stradale nei pressi della città di Mendon, a circa 130 chilometri da Kansas City
Estero
1 gior

Un tribunale della Louisiana ferma il divieto di aborto

Lo Stato, uno dei primi a mettere fuori legge l’interruzione di gravidanza dopo la decisione dalla Corte Suprema, riprenderà gli interventi
Estero
1 gior

Italia: il centrodestra si lecca le ferite, il Pd sorride

I ballottaggi delle amministrative rimescolano gli equilibri delle coalizioni. Giorgia Meloni chiede un vertice.
italia
15.02.2022 - 20:49
Aggiornamento: 21:55
Ansa, a cura de laRegione

Respinto dai giudici il referendum sull’eutanasia

Per la Consulta non tutelerebbe le persone deboli e vulnerabili. Per l’associazione Luca Coscioni si tratterebbe di ‘una brutta notizia per la democrazia’

Non si voterà in primavera in Italia il referendum sull’eutanasia. La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibile il quesito proposto dall’Associazione Coscioni e appoggiato da una serie di associazioni. Mentre è attesa per domani la pronuncia sugli altri sette referendum: uno riguarda la depenalizzazione della cannabis - che vede tra promotori ancora l’Associazione Coscioni con +Europa, Radicale Italiani, Possibile, Potere al popolo e Prc e una lunga serie di associazioni - gli altri sono tutti sulla giustizia. Sono 6 e stavolta a raccogliere le firme sono stati i Radicali e la Lega, cui poi si sono uniti nove consigli regionali tutti di centro-destra.

Le motivazioni

Ci sono volute tre ore di camera di consiglio per arrivare alla decisione sull’eutanasia. La sentenza sarà depositata solo nei prossimi giorni. Ma intanto l’ufficio stampa della Corte ha anticipato le motivazioni. La Consulta ha ritenuto inammissibile il quesito referendario perché, “a seguito dell’abrogazione, ancorché parziale, della norma sull’omicidio del consenziente, cui il quesito mira, non sarebbe preservata la tutela minima costituzionalmente necessaria della vita umana, in generale, e con particolare riferimento alle persone deboli e vulnerabili”. Insomma se vincessero i sì le norme che resterebbero in piedi non assicurerebbero la tutela minima delle persone più deboli e più esposte.

Le reazioni

Immediata la reazione di Marco Cappato, tesoriere dell’Associazione Coscioni e divenuto un simbolo della battaglia per il suicidio assistito, per aver accompagnato in Svizzera il dj Fabo. “Questa per noi è una brutta notizia. È una brutta notizia per coloro che subiscono e dovranno subire ancora più a lungo. Una brutta notizia per la democrazia“. Nessuna intenzione però di arrendersi: “sull’eutanasia proseguiremo con altri strumenti, abbiamo altri strumenti. Come con Piergiorgio Welby e Dj Fabio. Andremo avanti con disobbedienza civile, faremo ricorsi“. Non nasconde la sua "tanta tristezza”, soprattutto "pensando alle persone più vulnerabili le cui richieste resteranno inascoltate”, Mina Welby. "Ero sicura - dice - che la Corte avrebbe deliberato a favore di questo referendum e sono rimasta molto delusa”. Anche sul fronte politico sono in tanti a rammaricarsi, per primo il leader della Lega Matteo Salvini: "sono dispiaciuto, la bocciatura di un referendum non è mai una buona notizia”.

Condivide l’amarezza il senatore del Pd, Andrea Marcucci, che invita il Parlamento a “trovare la forza morale di affrontare un tema delicato e fondamentale, per troppi anni colpevolmente rinviato". Sul punto non ha dubbi il leader del Pd Enrico Letta: "la bocciatura da parte della Corte Costituzionale del referendum sull’eutanasia legale deve ora spingere il Parlamento ad approvare la legge sul suicidio assistito, secondo le indicazioni della Corte stessa”.

Secondo Giuseppe Conte, leader M5S, c’è ora un “imperativo politico e morale di dare risposte. La grande partecipazione alla raccolta di firme lo impone al Parlamento". Paola Binetti dal canto suo si felicita. "È passata la nostra linea: sulla vita non si vota. Mi auguro adesso che la Camera agisca coerentemente con le decisioni prese dalla Corte”

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved