gas-e-nucleare-luce-verde-all-etichetta-verde
Keystone
Fumata bianca
02.02.2022 - 14:15
Aggiornamento: 14:33
Ats, a cura de laRegione

Gas e nucleare: luce verde... all’etichetta verde

Il via libera viene dalla Commissione europea. Provvedimento varato con lievi modifiche rispetto alla bozza originaria del 31 dicembre

Gas e nucleare sono fonti energetiche utili alla transizione ecologica dell’Ue e possono avere, a determinate condizioni, l’etichetta Ue per gli investimenti verdi. Lo ha deciso la Commissione europea con l’adozione del relativo atto delegato. Come annunciato, il provvedimento è stato varato con modifiche marginali rispetto alla bozza del 31 dicembre scorso e ora dovrà essere esaminato da Consiglio e Parlamento.

Le modifiche riguardano la rimozione dei target intermedi, per la conversione delle centrali a gas naturale verso i gas decarbonizzati, e la parte sulla trasparenza per gli investitori, in modo che siano informati se i prodotti finanziari siano in qualche modo legati a gas e nucleare. La prima modifica era stata chiesta dalla Germania. La seconda dalla Piattaforma per la finanza sostenibile. Il resto dei criteri è praticamente lo stesso sia per il nucleare che per il gas.

Per il nucleare, si tratta di adottare le migliori tecnologie su piazza e piani per i depositi di rifiuti. Più stringenti i criteri per il gas. Le nuove centrali potranno avere l’etichetta verde Ue solo se costruite entro il 2030 e per sostituire impianti a carbone o petrolio in un Paese con chiari impegni politici a intraprendere la transizione, una fattispecie a cui è interessata soprattutto, ma non solo, la Polonia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia nucleare investimenti verdi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved