ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Strage del Mottarone, a Eitan un milione di euro di risarcimento

L’assicurazione della società che gestisce la funivia vuole garantire ‘un futuro sereno’ al bambino di 7 anni, unico sopravvissuto della tragedia del 2021
Confine
3 ore

Calano i passeggeri di Trenord, ‘non è solo colpa dei ritardi’

L’associazione dei pendolari lombardi evidenzia la mancanza di abbonamenti ad hoc per chi fa dei giorni di smartworking
Terremoto Turchia-Siria
4 ore

Monta la protesta contro i ritardi dei soccorsi

Malcontento soprattutto a Sud della Turchia. E fra gli aiuti che ritardano ad arrivare c’è anche chi, sulla sofferenza delle persone, ci lucra
Estero
6 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
17 ore

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
17 ore

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
19 ore

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
20 ore

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Olanda
02.02.2022 - 17:56
Aggiornamento: 19:15

Fate largo, lasciatelo passa: è Jeff Bezos

Il gigantesco yacht non ci passa, e il comune di Rotterdam decide di smontare parzialmente ‘De Hef’

fate-largo-lasciatelo-passa-e-jeff-bezos
Keystone
Jeff Bezos

Rotterdam smonterà parzialmente il suo iconico ponte Koningshaven ‘De Hef’, per consentire il passaggio del nuovo yacht da diporto di Jeff Bezos. Il fondatore di Amazon, nonché l’uomo più ricco del mondo, ha commissionato a Oceano di Alblasserdam la costruzione di un gigantesco yacht: una nave a tre alberi talmente grande che non riuscirà a passare sotto il ponte, che verrà quindi momentaneamente smantellato.

Il Comune ha fatto sapere di aver accettato la richiesta del costruttore navale per «semplice pragmatismo». Questa concessione «riguarda solo il passaggio di una nave con alberi alti attraverso De Hef e poiché non si può alzare come un ponte levatoio, l’unica alternativa è togliere la parte centrale». Oceano e Bezos rimborseranno comunque i costi. «Rotterdam è stata dichiarata capitale marittima d’Europa. La costruzione navale e l’attività in questo settore sono quindi un pilastro importante del comune», fa sapere il responsabile della Città, Marcel Walravens, rispondendo alle polemiche sollevate, tra gli altri, dalla Società storica di Rotterdam.

Fino al 1993 la porta ferroviaria a sud di Rotterdam

Il Koningshaven ‘De Hef’ è un ex ponte ferroviario sulla linea principale Rotterdam-Roosendaal-Anversa-Bruxelles. Progettato da P.Joostng e completato il 31 ottobre 1927, porta da Noordereiland attraverso il Koningshaven nel quartiere di Feijenoord. I suoi pilastri risalgono al 1878. Originariamente fu progettato come ponte girevole, cosa che però all’atto pratico si dimostrò un ostacolo alla navigazione: dopo che la nave tedesca Kandelfels speronò il ponte girevole dal suo pilastro di supporto il 2 novembre 1918, il ponte girevole fu sostituito da un ponte mobile. Un anno dopo la sua inaugurazione, Joris Ivens vi ambientò un film d’avanguardia, dal titolo De Brug. Nel 1978 fu teatro di un altro grave incidente, il Nedlloyd Bahrain speronò il ponte durante il suo primo viaggio dal cantiere Van der Giessen-De Noord, interrompendo il traffico ferroviario per diverse settimane.

Dal 1993, i treni dalla stazione Rotterdam Centraal a Rotterdam Zuid passano attraverso il Willemsspoortunnel, senza dunque più attraversare il ponte. Che, tuttavia, è stato lasciato in piedi come monumento industriale assecondando le richieste della popolazione di non demolirlo, ma di lasciarlo a testimonianza del luogo in cui i treni lasciavano il centro della città di Rotterdam in direzione sud.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved