boris-johnson-non-mi-dimetto
Il premier britannico Boris Johnson (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
2 ore

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
3 ore

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
5 ore

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
5 ore

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
6 ore

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
8 ore

Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni

Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
9 ore

L’Austria dice addio alle mascherine

Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
10 ore

YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa

Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
Speciale Ucraina
LIVE

L‘Ue accusa: ’Ci sono prove che la Russia ruba il grano ucraino’

Kiev non esclude la possibilità di scambiare, in futuro, il soldato condannato all’ergastolo. Segui il live de laRegione
la guerra in ucraina
14 ore

La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti

Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram
oms
22 ore

‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’

‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
regno unito
26.01.2022 - 20:35

Boris Johnson: ‘Non mi dimetto’

Il premier britannico stretto all’angolo per le feste organizzate durante il lockdown. Domani esce il rapporto

Ansa, a cura de laRegione

Si fa avanti il giorno del giudizio per Boris Johnson, messo all’angolo dal cosiddetto scandalo del Partygate sulle “feste” organizzate a Downing Street a dispetto delle restrizioni Covid del 2020-2021, e tuttavia convinto ancora di poter resistere allo spettro delle dimissioni. Un giudizio che si profila pesante nelle pagine del rapporto dell’inchiesta indipendente che il medesimo governo britannico è stato costretto ad affidare sulla vicenda a Sue Gray, irreprensibile civil servant incaricata di vigilare sulla condotta etica ministeriale.

Annunciato l’interrogatorio

Il rapporto Gray - cui da ieri si è sommata un’imbarazzante investigazione parallela di polizia avviata da Scotland Yard per valutare persino ipotetiche ricadute penali, con tanto d’interrogatorio annunciato al primo ministro Tory in persona - è planato in queste ore sul tavolo di BoJo, al quale spetta decidere in che formato renderlo pubblico al Parlamento e al Paese.

Ma la richiesta ultimativa del leader dell’opposizione laburista Keir Starmer di sdoganarlo in versione integrale non
può essere ignorata. In un contesto nel quale emergono come minimo elementi di dubbio diretti sul comportamento del capo del governo e sulla coerenza delle giustificazioni o dei tentativi di questi mesi di ridimensionare l’accaduto; oltre all’evidenza delle violazioni delle regole da parte di alcuni fra i collaboratori più stretti del suo staff.

Elementi destinati a essere riflessi in modo relativamente più sfumato nelle conclusioni sintetiche del documento, ma corroborati da foto e materiale di prova in grado di far infuriare ancor di più il Regno negli allegati che il Labour vuol vedere diffusi in toto. A cominciare dall’immagine già trapelata di un Boris mostrato di fronte a un panorama di bottiglie vuote in uno dei vari eventi ‘incriminati’ fra bicchierate e auguri di compleanno: un incontro “di lavoro”, nelle versione johnsoniana, svoltosi a metà maggio 2020 in pieno lockdown.

Suggestioni che bastano e avanzano alle opposizioni per alzare ancor di più la voce sulle dimissioni. E minacciano d’ingrossare le file della rivolta pure nella maggioranza conservatrice, l’unica in grado davvero di costringere BoJo alla resa o di dargli il benservito.

Attacco e difesa

A suggellare il clima rovente, ancor prima dell’uscita formale del rapporto Gray prevista entro domani, è stato il tradizionale Question Time del mercoledì alla Camera dei Comuni dove Starmer ha rinfacciato apertis verbis al primo ministro di aver “mentito“ in Parlamento negando "i party”. Sir Keir, legale di formazione ed ex procuratore della Corona, si è esibito in una sorta di requisitoria accusando Johnson di "danneggiare il Paese”, tanto più alla luce dei "potenziali reati" indagati ora anche da Scotland Yard, e di non essere ormai più "in condizioni di governare" in un momento di crisi interna e internazionale. E denunciando “la complicità” di quei ministri e compagni di partito che dovessero continuare a tacere.

Parole alle quali BoJo - investito adesso anche dalla contestazione di aver “autorizzato" in barba alle smentite un’evacuazione dall’Afghanistan di cani e gatti cari alla sensibilità animalista della first lady Carrie, nei giorni della convulsa fuga dai Talebani - ha risposto ritirando fuori le unghie dopo settimane di balbettii contriti o mezze dichiarazioni di scuse. Replicando a più riprese di non avere alcuna intenzione di farsi da parte. Non senza provare a spostare il dibattito sulle "vere priorità" dell’isola, sui meriti rivendicati alla sua compagine di aver realizzato una campagna vaccinale da primato, riportato il Pil a crescere a un passo di record "nel G7" e l’occupazione sopra il livello pre pandemia. Fino a spingersi a imputare all’opposizione laburista d’indebolire la nazione mentre la Russia minaccerebbe di “invadere l’Ucraina” in sfida all’Occidente e a bollare Starmer come "un avvocato, non un leader”.

Autodifesa utile a rincuorare forse in aula lo zoccolo duro del gruppo Tory e valergli qualche ora di tregua dal fuoco amico. Ma in una prospettiva in cui un voto di sfiducia alla sua leadership di partito - tra inchieste, stillicidio di rivelazioni e sondaggi deprimenti - resta probabilmente solo questione di tempo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson coronavirus lockdown londra partygate regno unito tory
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved