la-nato-schiera-navi-e-jet-la-guerra-e-piu-vicina
Carro armato russo nel Donbass (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
regno unito
1 ora

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
2 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
2 ore

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
8 ore

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
Estero
9 ore

Crimea, i tatari ricordano i deportati da Stalin sfidando Mosca

Nonostante i divieti e il rischio di punizioni, circa 70 persone hanno manifestato per commemorare le vittime della deportazione del popolo tataro nel ’44
Confine
9 ore

Sospesi per quasi quattro mesi i lavori sulla A9

In vista del traffico estivo si sono fermati i lavori nella galleria San Fermo Sud, che riprenderanno in settembre
Estero
9 ore

L’Europarlamento chiede lo status di candidato per la Moldavia

Con 512 a favore, 43 contrari e 39 astenuti il Parlamento di Strasburgo sollecita le istituzioni europee a riconoscere la Moldavia come Paese candidato
Estero
11 ore

Germania: spari a scuola, un ferito a Bremerhaven

La polizia ha fermato una persona, una seconda sarebbe in fuga
Speciale ucraina
LIVE

Nato, sosterremo Kiev per tutto il tempo necessario

"L’Ucraina non accetterà mai l’occupazione della Russia" ha dichiarato Rob Bauer, presidente del Comitato militare Nato Segui il live de laRegione
Confine
15 ore

Operazione Ritual, 4 arresti e 3 kg di cocaina sequestrati

Prima di imbarcare la sostanza stupefacente verso l’Europa, la banda di nigeriani era solita avvalersi di riti propiziatori dei ‘santoni’
Estero
1 gior

Trump supera la prova delle primarie

I verdetti dell’ultima tornata in Pennsylvania, North Carolina, Kentucky, Idaho e Oregon in vista delle elezioni di Midterm a novembre
Confine
1 gior

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
1 gior

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
ucraina
24.01.2022 - 20:03
Aggiornamento : 22:49

La Nato schiera navi e jet, la guerra è più vicina

Biden fa evacuare una parte dell’ambasciata a Kiev, valuta l’invio di truppe e chiama gli alleati europei

Ansa, a cura de laRegione

La Nato compie un passo in avanti e rafforza il contingente in Europa dell’est, con una sfilza di Paesi alleati che annunciano l’invio di uomini e mezzi, compresi navi e caccia. È la prima reazione concreta del Patto atlantico al deteriorarsi della crisi ucraina, al di là del sostegno a Kiev. Gli Usa stanno poi valutando il dislocamento di truppe nel Baltico (si parla di 5.000 soldati, aumentabili se necessario) e il presidente Joe Biden chiama i leader europei - tra cui Mario Draghi - per un giro di consultazioni. Il tutto mentre a Bruxelles i 27 ministri degli Esteri Ue cercano il “coordinamento" sulla linea da tenere con Mosca, al di là della promessa di “unità” e della fermezza in caso d’invasione. Insomma, la settimana si apre con una fiammata sul dossier più spinoso dell’agenda internazionale. Il Cremlino, dal canto suo, si scaglia contro l’Alleanza, colpevole di "acuire la tensione”.

Putin alza i toni

“La Russia non può ignorare l’attività della Nato“, ha tuonato il portavoce di Vladimir Putin, Dmitry Peskov. "Il rischio che le forze armate ucraine mettano in scena provocazioni nel Donbass ora è più alto”, ha chiosato. Ma non è l’unico fronte in cui la tensione sale. Gli Stati Uniti hanno infatti annunciato l’evacuazione delle famiglie dei diplomatici di stanza in Ucraina (l’incaricata d’affari Kristina Kvien è comunque al suo posto), misura in parte copiata a stretto giro dalla Gran Bretagna che però ha indispettito non poco le autorità ucraine. "La consideriamo prematura ed eccessiva”, ha dichiarato il portavoce del ministero degli Esteri di Kiev, Oleg Nikolenko.


Il segretario della Nato Jens Stoltenberg (Keystone)

L’Ue, sul punto, balla invece da sola. “Non drammatizziamo la situazione“, ha commentato l’Alto rappresentante europeo Josep Borrell prima dell’inizio del consiglio Affari esteri a Bruxelles. "L’Ue non ritirerà il suo personale diplomatico dall’Ucraina. Blinken ci ha poi spiegato che semplicemente chi voleva lasciare il Paese è stato autorizzato a farlo”. Il segretario di Stato Usa, infatti, si è collegato in video conferenza al Consiglio, seguendo la linea di Washington del "nulla sull’Europa senza gli europei”, che in queste settimane ha segnato un intenso lavorio diplomatico tra le due sponde dell’Atlantico, sia tra partner Nato che tra Stati membri dell’Ue. Il mantra è quello “dell’unità” contro la manifesta strategia di Mosca di “spaccare” il fronte occidentale.

Cresce la tensione

I segnali sottotraccia ad ogni modo si moltiplicano. Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, ad esempio, ha incontrato a Bruxelles il ministro degli Esteri del Regno Unito, Elizabeth Truss. Londra, d’altra parte, sta assumendo un ruolo sempre più indipendente e oltranzista nei confronti della Russia, per il giubilo dei Paesi europei dell’est - il premier britannico Boris Johnson è tornato ad ammonire Vladimir Putin che l’invasione dell’Ucraina sarebbe “un passo disastroso", praticamente "un’altra Cecenia”.


Ucraini durante il giorno dell’indipendenza, il 22 gennaio scorso (Keystone)

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha invece annunciato un giro aggiuntivo di aiuti finanziari all’Ucraina da “1,2 miliardi di euro”. Il leader ucraino Volodymyr Zelensky ha ringraziato ma allo stesso tempo ha esortato l’Ue a mantenere “l’unità” (di nuovo questa parola) di tutti i 27 nella difesa della “sovranità e dell’integrità territoriale” del suo Paese. Il tasto è dolente, perché qualche fessura alla sbandierata granitica posizione europea già si vede.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz, non a caso, si sentirà domani con Emmanuel Macron. Perché, ormai è chiaro, Berlino siede tra le fila dei prudenti. “Se la diplomazia fallisce“, ha rassicurato Borrell, "siamo ad un punto avanzato nella messa a punto della nostra riposta, che sarà rapida e coordinata, non solo a livello dell’Ue ma dal punto di vista internazionale”. Sono le famigerate sanzioni senza precedenti contro Mosca sulle quali lo stesso Borrell, per il momento, ha invocato “discrezione” per preservarne "l’efficacia”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
guerra jet joe biden kiev nato navi russia stati uniti truppe ucraina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved