mosca-provoca-via-la-nato-da-romania-e-bulgaria
Il ministro degli Esteri russo Lavrov con il presidente svizzero Cassis (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
regno unito
2 ore

Niente più multe per BoJo, ma il Partygate non finisce qui

Chiusa l’indagine della polizia. Il Labour chiede le dimissioni di Johnson, che non molla
Estero
2 ore

Preoccupa il vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia

L’Oms vigila. Altri contagiati erano stati segnalati in Svezia, Spagna, Portogallo e Regno Unito. ‘Sintomi lievi e basso pericolo di trasmissione’
medio oriente
2 ore

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere
Confine
8 ore

Centovallina, i treni circolano unicamente fino a Camedo

Il cedimento di un muro della strada statale oggetto d’interventi di messa in sicurezza all’origine dell’interruzione del collegamento
Estero
9 ore

Crimea, i tatari ricordano i deportati da Stalin sfidando Mosca

Nonostante i divieti e il rischio di punizioni, circa 70 persone hanno manifestato per commemorare le vittime della deportazione del popolo tataro nel ’44
Confine
9 ore

Sospesi per quasi quattro mesi i lavori sulla A9

In vista del traffico estivo si sono fermati i lavori nella galleria San Fermo Sud, che riprenderanno in settembre
Estero
10 ore

L’Europarlamento chiede lo status di candidato per la Moldavia

Con 512 a favore, 43 contrari e 39 astenuti il Parlamento di Strasburgo sollecita le istituzioni europee a riconoscere la Moldavia come Paese candidato
Estero
11 ore

Germania: spari a scuola, un ferito a Bremerhaven

La polizia ha fermato una persona, una seconda sarebbe in fuga
Speciale ucraina
LIVE

Nato, sosterremo Kiev per tutto il tempo necessario

"L’Ucraina non accetterà mai l’occupazione della Russia" ha dichiarato Rob Bauer, presidente del Comitato militare Nato Segui il live de laRegione
Confine
15 ore

Operazione Ritual, 4 arresti e 3 kg di cocaina sequestrati

Prima di imbarcare la sostanza stupefacente verso l’Europa, la banda di nigeriani era solita avvalersi di riti propiziatori dei ‘santoni’
Estero
1 gior

Trump supera la prova delle primarie

I verdetti dell’ultima tornata in Pennsylvania, North Carolina, Kentucky, Idaho e Oregon in vista delle elezioni di Midterm a novembre
Confine
1 gior

‘I cinghiali vanno sterilizzati’. E parte la raccolta firme

Oltrefrontiera i cittadini del Parco Pineta lanciano una petizione. La misura, motivano, potrebbe sostituire la campagna di abbattimenti
Estero
1 gior

Houston abbiamo un problema. Con le tute spaziali

Niente più uscite extraveicolari con i modelli Emu, fino al termine dell’indagine sull’incidente capitato al tedesco Matthias Maurer
Estero
1 gior

La Russia potrebbe ‘chiudere il gas’ alla Finlandia entro sabato

La principale azienda finlandese del gas, Gasum, ha rifiutato di passare al pagamento del gas in rubli
Estero
1 gior

L’Azerbaigian si dichiara pronto a firmare la pace con l’Armenia

Lo ha dichiarato il presidente azero Ilham Aliyev nel corso di un incontro con il presidente lituano Gitanas Naueda a Baku
Confine
1 gior

La messa in sicurezza causa un crollo sulla statale 337

Re-Camedo, sia la strada, sia la sottostante linea ferroviaria sono bloccate da stamane a causa della caduta di materiale roccioso lungo i binari
usa-russia a ginevra
21.01.2022 - 21:18
Aggiornamento : 22:18

Mosca provoca: “Via la Nato da Romania e Bulgaria”

L’incontro in Svizzera è l’ennesimo nulla di fatto. Il Cremlino insiste sulle sue posizioni intransigenti legate alla situazione in Ucraina

Ats, a cura de laRegione

I negoziati continuano, la tensione cresce, l’impasse regna. L’incontro tra il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il suo omologo russo Serghei Lavrov a Ginevra c’è stato, ma ha certificato nuovamente la distanza tra le parti.

Mosca si è presentata chiedendo il ritiro degli effettivi Nato da Bulgaria e Romania, come già esplicitato nelle bozze di trattato pubblicate a dicembre - proposte respinte con sdegno dai due stessi Paesi dell’alleanza, oltre che dalla stessa Nato. Lavrov ha preteso nuovamente “risposte scritte” e Blinken le ha promesse per la prossima settimana. Ma ha anche intimato al Cremlino di “fornire prove” che non sta preparando l’invasione dell’Ucraina. Mentre la Russia ha replicato minacciando “serie conseguenze” se le sue richieste saranno ignorate.

Prove di dialogo

Il dialogo dunque continua. Blinken ha suggerito l’ipotesi di un nuovo summit Putin-Biden “se può essere la soluzione" per risolvere la crisi. Il Cremlino ha preso nota. Ma poi sul campo la situazione vira e prende tinte fosche. L’Olanda ha dichiarato di aver ricevuto una richiesta di armi “difensive” dall’Ucraina e di essere "disponibile”, dato che c’è una maggioranza parlamentare a favore. È l’ultima tessera del mosaico, dopo lo slancio in avanti di Londra, che ha consegnato sistemi anticarro, e l’ok degli Stati Uniti ai Paesi baltici di fornire a Kiev armamenti made in Usa (missili anticarro e antiaerei). Inutile dire che Mosca giudica “negativamente” tali sviluppi. Washington sta inoltre valutando se evacuare i membri delle famiglie del personale diplomatico in Ucraina, tanto per dire l’aria che tira (una misura che sembra al momento “non allo studio” da parte dell’Unione Europea).


Blinken a Ginevra durante la conferenza stampa (Keystone)

I segnali insomma non sono positivi e la confusione, al di là dei proclami, è tanta. Il boccino ce l’ha in mano il Cremlino e ogni decisione finale spetta a Vladimir Putin. Nessuno sa, ora come ora, cosa deciderà di fare lo zar. Probabilmente non lo sa nemmeno lui. Ecco perché questa presa di posizione ai limiti del notarile, con l’accento sulle “risposte scritte”, a ben vedere sa molto di escamotage per prendere tempo.

Sponda europea

La diplomazia dunque è freneticamente al lavoro - gli alleati si sentono o si vedono di continuo - e il mantra resta quello “dell’unità“. Blinken lunedì prenderà parte (virtualmente) al consiglio affari esteri Ue per relazionare i partner europei e fonti Ue assicurano che “non ci sono divisioni, pur con sensibilità diverse tra i Paesi membri rispetto ai rapporti con la Russia, sui principi di base rispetto alle richieste avanzate da Mosca”, classificate come "la principale minaccia all’architettura della sicurezza europea dalla fine della guerra fredda”. Detto questo, un set di sanzioni pronte a scattare non c’è ancora, benché le fonti assicurano che, se necessario, i 27 saranno capaci di agire "in fretta”. Ancora. Gli europei non stanno discutendo “nello specifico” le proposte di Mosca, né tra di loro né con gli Usa. Eppure tutti concordando che “a un certo punto” la Russia dovrà includere l’Ue nei negoziati, benché sinora si sia guardata bene dal farlo. Ma tutto si può dire, tranne che i russi non siano stati chiari su quello che vogliono. E qui sta l’impasse.


Soldati ucraini a un checkpoint (Keystone)

La pressione della Russia

Il rischio dunque è che, sotto la pressione silente del Cremlino, il fronte si spacchi. Il presidente francese Emmanuel Macron, a Strasburgo, ha parlato della necessità di creare “una strategia europea" sulla sicurezza, da sottoporre poi a Mosca "nelle prossime settimane”. Ma ci sarà il tempo? O la voglia, per non dire la capacità, di arrivare a una posizione unitaria, soprattutto rimosso l’ombrello Nato? Usa e Ue ribadiscono di continuo la “risposta forte” nel caso in cui il Cremlino alla fine optasse per l’aggressione militare, ma a questo punto il vero dubbio è cosa possa accadere se questo stato di tensione resterà costante nel tempo. Che potrebbe pure essere uno degli obiettivi di Putin: la crisi di nervi occidentale, e un fatidico passo falso.

“Ogni invasione di un Paese da parte di un altro Paese è una violazione delle leggi internazionali", ha detto in serata il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, parlando con i giornalisti al Palazzo di Vetro e rispondendo a una domanda sul rischio di invasione russa dell’Ucraina. "Credo che non succederà, e spero di avere ragione”, ha aggiunto.

Le parole di Cassis

Il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, dal canto suo, oggi era presente a Ginevra e ha tenuto colloqui con Lavrov e Blinken. Il ticinese si è detto preoccupato per un possibile deterioramento della situazione in Ucraina. Nel mezzo di una pandemia, “sarebbe disastroso per l’Europa e per il mondo se una nuova crisi prendesse il sopravvento", ha detto Cassis, aggiungendo che "le discussioni odierne sono avvenute in un momento estremamente difficile”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved