musk-apre-showroom-tesla-nello-xinjiang-aiuta-il-genocidio
Keystone
Elon Musk
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
25 min

Strage di Uvalde, morto di dolore il marito della maestra eroina

Due giorni dopo la strage che è costata la vita alla moglie Irma e ad altri 19 bambini, Joe Garcia è morto d’infarto
Estero
53 min

Ciriaco De Mita, la politica s’inchina all’ultimo premier Dc

Morto oggi ad Avellino all’età di 94 anni. Il Presidente Mattarella, in un lungo comunicato non formale: ‘Un innovatore nel solco di Sturzo e Moro’.
Confine
3 ore

Disastro al Mottarone: ‘Fune vecchia ed errori umani’

Depositata la relazione intermedia della Commissione di indagine del Ministero dei trasporti. Poco spazio alla tesi della tragica fatalità
Estero
LIVE

Kiev: ‘Segnali di un’escalation a est’

Nel frattempo Mosca disposta a lasciar uscire dal porto di Mariupol le navi che portano grano solo se si eliminano le sanzioni. Segui il live de laRegione
Estero
5 ore

‘I poliziotti non hanno attuato protocollo post Columbine’

Dopo la strage avvenuta nel 1999 il protocollo prevede che gli agenti armati presenti sulla scena trovino l’aggressore e lo uccidano
Confine
6 ore

Milano-Zurigo in tre ore? ‘Il terzo binario va fatto’

In un’interrogazione la parlamentare comasca Chiara Braga sottolinea l’importanza di implementare la struttura ferroviaria tra Camnago e Cantù
Estero
7 ore

Il Wwf critica il ‘culto della bellezza’ per frutta e verdura

Il 40% degli alimenti prodotti globalmente non viene consumato. È come se tutto il cibo prodotto da gennaio a oggi fosse stato buttato
Estero
8 ore

Protestò in diretta contro la guerra, premiata giornalista russa

Marina Ovsyannikova ha ricevuto il riconoscimento Vaclav Havel per i diritti umani, assegnato ogni anno dall’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa
04.01.2022 - 19:32

Musk apre showroom Tesla nello Xinjiang. ‘Aiuta il genocidio’

Attivisti pro-uiguri lo attaccano. Biden, nel frattempo, ha fatto passare una legge che limita il commercio con quell’area della Cina

Ansa, a cura de laRegione

Elon Musk apre uno showroom per le sue Tesla nello Xinjiang, la provincia dove Pechino è accusata di abusi dei diritti umani contro gli uiguri. E la bufera è immediata con i politici e gli attivisti che attaccano l’uomo più ricco del mondo colpevole, a loro avviso, di aiutare e favorire economicamente il ‘genocidio’ in corso nell’area. “Iniziamo insieme il viaggio dell’elettrico nello Xinjiang”, ha scritto Musk in un post sul social media cinese Weibo allegando una foto del nuovissimo concessionario di Urumqi, la capitale della regione, e di una Tesla decorata con palloncini bianchi e rossi.

L’annuncio shock è stato seguito da una valanga di polemiche legate in buona parte alla ‘rottura’ di Musk con la linea bipartisan dettata dalla politica americana. Secondo il senatore repubblicano Marco Rubio, Musk con l’apertura dello showroom sta “aiutando il Partito comunista cinese a insabbiare il genocidio e il lavoro forzato nell’area”. Dagli attivisti americani e dal Council on American-Islamic Relations è arrivata la richiesta al miliardario-visionario di chiudere lo showroom: non farlo – è la loro tesi – vuol dire “sostenere economicamente” lo sterminio degli uiguri portato avanti da Pechino. “Nessuna azienda americana dovrebbe fare affari in un’area” dove è in corso una “campagna di genocidio religioso e di una minoranza etnica”, afferma il direttore della comunicazione del Council on American-Islamic Relations, Ibrahim Hooper.

Divieto di import

In un raro slancio di unità il Congresso ha approvato nelle scorse settimane un provvedimento che prevede il divieto di importare dallo Xinjiang i prodotti frutto del lavoro forzato delle minoranze detenute nei cosiddetti campi di rieducazione. Ogni azienda che fa affari in quell’area dovrà infatti fornire all’amministrazione Usa “prove chiare e convincenti” che nella produzione dei beni importati non siano stati coinvolti i detenuti perseguitati per la loro etnia e per la loro fede religiosa. La misura è stata firmata e tramutata in legge da Joe Biden, in un sonoro schiaffo a Pechino che si va a sommare al boicottaggio diplomatico americano per le Olimpiadi invernali. Tesla non è l’unica casa automobilistica presente nello Xinjiang. Nell’area c’è infatti anche Volkswagen per la quale il mercato cinese è quello in cui realizza il maggior numero di vendite. La decisione di Musk mostra la difficile posizione delle multinazionali, costrette a dover trovare un equilibrio fra la politica e le loro necessità di crescere e vendere, soprattutto nella Cina seconda super potenza economica al mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina elon musk showroom tesla uiguri xinjiang
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved