aumenta-la-pena-per-yury-dmitriev-storico-dei-gulag
Yury Alexeyevich Dmitriev (foto: Mediafond)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
8 ore

Texas, spara in una scuola e uccide quindici persone

Tra le vittime quattordici bambini e un insegnante. Morto anche il sospetto autore della strage
svolta in vaticano
10 ore

Per la Cei Bergoglio sceglie Zuppi, ‘prete di strada’

Bassetti lascia la presidenza. Sul tavolo dei vescovi il dossier degli abusi
terrorismo
10 ore

L’Isis era pronto a uccidere Bush a Dallas

Il piano, che avrebbe dovuto scattare lo scorso anno è stato sventato dall’Fbi. Fermato un iracheno.
Estero
14 ore

Calano le borse e i 50 super-ricchi bruciano il... Pil svizzero

Da inizio anno i più facoltosi del pianeta hanno perso 563 miliardi di dollari. Cifra pari al prodotto interno lordo del nostro Paese
Confine
14 ore

Raggira il fisco e investe in caffè. Imprenditore in manette

L’inchiesta ha condotto gli inquirenti anche a una società con sede in Ticino. L’accusa è di autoriciclaggio
italia
15 ore

Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico

Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
17 ore

Bbc: ‘La Cina spara a chi tenta la fuga da campi dello Xinjiang’

Una serie di file della polizia condivisi con i media stranieri rivela le ‘procedure’ nei confronti degli uiguri confinati nei campi di ‘rieducazione’
Estero
18 ore

Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire

Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
18 ore

Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran

Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
27.12.2021 - 17:41
Aggiornamento : 19:50

Aumenta la pena per Yury Dmitriev, storico dei Gulag

Impegnato a documentare i crimini del regime sovietico, si è visto alzare il periodo di detenzione da 13 a 15 anni per presunti abusi sulla figlia adottiva

Ats, a cura de laRegione

La Russia conferma il pugno di ferro contro Yury Dmitriev, uno dei maggiori storici dei Gulag, da sempre impegnato a documentare i crimini del regime sovietico. Un tribunale di Petrozavodsk in Carelia, nel Nord-ovest del Paese, ha aumentato da 13 a 15 anni di carcere la condanna dello studioso per presunti abusi sessuali sulla figlia adottiva, in un processo molto controverso che secondo i suoi sostenitori è stato orchestrato per punirne le denunce dei massacri staliniani. Un caso che va avanti da anni tra le polemiche, sullo sfondo della celebrazione patriottica e idealizzata da parte del Cremlino delle conquiste dell’Urss, esaltando la sconfitta del nazismo ma ignorando in sostanza le Grandi purghe e i crimini del regime.

La sentenza di oggi costituisce l’ultimo passo di questa lunga vicenda giudiziaria. I guai per Dmitriev erano iniziati nel 2016, quando fu arrestato con l’accusa di pedopornografia dopo la scoperta di alcune foto della figlia undicenne nuda, che secondo la sua difesa servivano a documentarne il processo di crescita. Fu assolto nel 2018, ma dopo appena due mesi la Corte Suprema della Carelia accolse un ricorso della pubblica accusa, permettendo così l’apertura di una nuova inchiesta nei suoi confronti. Dopo una prima condanna a 3 anni e mezzo, nel 2020 i giudici gli avevano inflitto 13 anni.

Lo storico, oggi 65enne, si è sempre dichiarato innocente. Al suo fianco, denunciando una persecuzione di matrice politica, si sono schierati nel tempo attivisti locali e figure di spicco del mondo della cultura, tra cui le Nobel per la letteratura Svetlana Alexievich e Herta Muller, entrambe testimoni del potere sovietico nell’Europa dell’Est. Ma anche l’Unione europea ha espresso più volte preoccupazione per la sua condanna, chiedendo alla giustizia russa di “fare marcia indietro” e parlando di accuse che “sembrano essere collegate al suo lavoro sui diritti umani e alla sua ricerca sulla repressione politica durante il periodo sovietico”. Pressioni che ancora oggi il Cremlino ha respinto, derubricando il caso come una semplice vicenda giudiziaria.

Per trent’anni Dmitriev ha lavorato per ricostruire la storia degli oppressi sotto l’Urss. Il suo più grande merito è probabilmente quello di aver scoperto una fossa comune con i resti di oltre 7mila vittime della repressione staliniana nella foresta di Sandarmokh, nella sua Carelia. E in questa regione lo storico è anche il responsabile di Memorial, la più antica organizzazione per la difesa dei diritti umani nel Paese fondata ai tempi della perestrojka da Andrei Sakharov, che si occupa di commemorare le vittime del regime sovietico, finita a sua volta nel mirino della giustizia russa.

Proprio domani, tra la preoccupazione della comunità internazionale, la Corte Suprema di Mosca si esprimerà sulla richiesta di chiudere Memorial International, accusata di agire come “agente straniero” ricevendo finanziamenti dall’estero, secondo la draconiana legge russa, mentre la branca che si occupa dei diritti umani è sotto processo a Mosca per sostegno a “terrorismo ed estremismo”.


Perm, Russia, museo del gulag (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gulag russia yury dmitriev
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved