svitto-chiesti-13-anni-per-il-padre-che-accoltello-la-figlia
Il fatto di sangue capitò nell’agosto 2020 (Ti-Press/Generica)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

In Svizzera in calo i letti Covid in cure intense

Nelle ultime 72 ore segnalati 35 nuovi decessi e 247 ulteriori pazienti Covid
Svizzera
1 ora

Sgombero collina Mormont, solo pene pecuniarie per gli attivisti

L’accusa chiedeva la detenzione, i giudici hanno deciso altrimenti: cadono i principali capi d’imputazione, gli ‘zadisti’ se la cavano a buon prezzo
Svizzera
2 ore

Società digitale e inserimento socio-professionale, via a studio

La ricerca è avviata dalla Scuola universitaria professionale di Lavoro sociale di Friborgo
Svizzera
3 ore

I pazienti Long Covid contro Berna: non ci prende sul serio

Dure critiche a Consiglio federale e Ufsp: non quantificano le conseguenze a lungo termine e si concentrano solo sulla fase acuta
Svizzera
4 ore

Ffs, una vulnerabilità ha esposto un milione di dati SwissPass

Il problema, segnalato da uno specialista informatico, è stato immediatamente risolto senza alcun danno per i clienti
Svizzera
4 ore

Epatite E, boom anomalo a inizio 2021: occhi puntati sui maiali

Le infezioni, triplicate a inizio anno e poi tornate su livelli normali, sono state causate da un sottotipo del virus presente negli allevamenti suini
Svizzera
5 ore

Il 2 febbraio suoneranno le sirene per la prova annuale

Alle 13.30 verranno attivate le sirene per l’allarme generale, dalle 14.15 fino alle 15 sarà il turno delle sirene a valle di sbarramenti idrici
Svizzera
6 ore

Ancora basso il tasso di vaccinazioni sotto ai 12 anni

A livello nazionale la quota di bambini fra i 5 e gli 11 anni che hanno ricevuto almeno una dose è del 5,2%, in Ticino è al 2,6
Svizzera
7 ore

Peste suina, sospesa l’importazione di salumi dal Piemonte

La malattia, innocua per l’uomo, sta mietendo vittime fra i maiali domestici e i cinghiali al confine col Ticino. Nessun caso attualmente in Svizzera
13.01.2022 - 17:490

Svitto, chiesti 13 anni per il padre che accoltellò la figlia

Secondo l’accusa, l’uomo ebbe rapporti sessuali incestuosi e voleva ucciderla per vendetta. La difesa sostiene che agì in stato di alterazione

Tredici anni di prigione e l’espulsione dalla Svizzera per 15 anni: è la pena richiesta oggi al Tribunale penale di Svitto nel processo nei confronti di un tedesco che nel 2020 tentò di uccidere a coltellate la figlia, con la quale ha avuto rapporti incestuosi. La sentenza scritta sarà comunicata fra qualche giorno. Il fatto di sangue è successo nella notte tra il 17 e il 18 agosto del 2020 nella casa che i due – allora rispettivamente di 54 e 28 anni – condividevano a Sattel (Sz), villaggio di circa duemila abitanti, situato sette chilometri a nord del capoluogo Svitto.

Il genitore ha colpito alla schiena con un coltello da macellaio la figlia che era stesa a letto. Ne è seguita una colluttazione durante la quale l’uomo l’ha pugnalata altre due volte, colpendola ai polmoni e allo stomaco. Secondo l’atto d’accusa avrebbe anche girato il coltello nella ferita e sputato sulla vittima, per poi lasciare la presa solo quando ha notato le luci della macchina della polizia che si avvicinava. Quest’ultima era intervenuta dopo che, all’una di notte, dei vicini di casa si erano lamentati per il rumore. Al loro arrivo, gli agenti hanno trovato la 28enne gravemente ferita. Dopo i primi soccorsi la donna è stata trasportata all’ospedale in condizioni critiche con l’elicottero.

Secondo il pubblico ministero è dimostrato che l’uomo volesse uccidere sua figlia, con la quale viveva e con la quale nel 2014 ha generato un figlio disabile. Egli avrebbe agito spinto dalla gelosia, dalla volontà di vendetta e dall’odio, perché la figlia desiderava una relazione aperta e voleva avviare un’attività che offriva servizi sessuali a uomini benestanti. Per l’accusa si è trattato di “una di resa dei conti” andata ben oltre la semplice intenzione omicida: il padre ha inflitto alla figlia torture fisiche e psicologiche inumane; le ha detto, per esempio, che l’avrebbe sbudellata prima di farla morire. Le imputazioni avanzate dalla procuratrice sono di tentato assassinio e incesto ripetuto. La legale ha chiesto anche 60’000 franchi di risarcimento per la sua cliente, gravemente traumatizzata.

L’avvocato della difesa ha invece messo in dubbio il racconto dell’accusa, basato solo sulle dichiarazioni della vittima e da lui definite molto ambigue. Ad esempio, non sarebbe per l’arrivo della polizia che il padre ha smesso di infierire sulla vittima, ma perché si era svegliato dal suo delirio quando la figlia gli ha detto che lo amava. In sostanza, l’accusato ha agito in preda a uno stato di alterazione mentale e quindi non deve essere accusato di assassinio, ma di tentato omicidio passionale; delitto per il quale dovrebbe ricevere una pena detentiva di cinque anni. All’inizio del processo, il difensore dell’imputato ha sottolineato che il suo cliente avrebbe fatto uso del suo diritto di rimanere in silenzio. Così è stato e l’interrogatorio è finito dopo pochi minuti. Nella sua dichiarazione conclusiva, l’imputato si è scusato con sua figlia “dal profondo del cuore”, sostenendo di rimpiangere ogni giorno quanto è successo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved