ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

La conta dei morti del sisma in Turchia e Siria supera gli 8’700

Si continua a scavare, e i numeri sono destinati a crescere: le persone complessivamente colpite potrebbero essere oltre 20 milioni
il terremoto
13 ore

In Siria e Turchia oltre 7mila morti, si cerca sotto le macerie

A caccia di sopravvissuti, mentre montano le prime polemiche sui ritardi nei soccorsi
la guerra in ucraina
13 ore

Mosca ammassa nuove truppe. Berlino: ‘100 Leopard a Kiev’

Altre decine di migliaia di soldati russi inviati nel Donbass. Zelensky alle prese con il rebus nomine
stati uniti
15 ore

Biden bocciato dal 62% degli americani

Brutte notizie nei sondaggi a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione
italia
16 ore

Arrestato il medico di Messina Denaro

Alfonso Tumbarello aveva curato il boss mafioso durante la latitanza: ‘Conosceva la sua vera identità’
Confine
20 ore

A processo i due ex assessori canturini residenti in Ticino

Erano stati arrestati a fine novembre. Tra le accuse quella di bancarotta fraudolenta
Estero
23 ore

Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000

È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
1 gior

Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria

Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
1 gior

Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’

Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
medio oriente
22.12.2021 - 23:07

Un albero di Natale fa litigare il Kuwait

Messo in un centro commerciale fa litigare conservatori e progressisti: ‘Viola l’identità islamica’, ‘No, è un’apertura all’Occidente’

Ansa, a cura de laRegione
un-albero-di-natale-fa-litigare-il-kuwait
L’albero della discordia (Albawaba)

Un gigantesco albero di Natale eretto all’interno di un centro commerciale e poi rimosso dalle autorità ha suscitato forte polemica in Kuwait, emirato petrolifero del Golfo. Tra chi vede nel simbolo natalizio un segno di apertura verso l’Occidente e di rispetto dell’esigua componente cristiana locale, e chi invece parla di violazione dell’identità islamica nazionale. Nei giorni scorsi la direzione dell’Avenues, il più grande centro commerciale di tutto il Kuwait, ha deciso di rimuovere un enorme albero di Natale decorato al centro di una delle sale del moderno mercato coperto.

La decisione è stata presa dopo forti pressioni da parte di attivisti e cittadini comuni che si erano rivolti indignati al Ministero del commercio e all’amministrazione comunale di Kuwait City. “E’ un attentato alla dignità islamica del nostro paese“, si legge sulle numerose petizioni apparse online negli ultimi giorni. "L’albero di Natale è un simbolo pagano adottato dai cristiani. Cosa c’entra con il Kuwait?", si chiedeva retoricamente sui social media un cittadino dell’emirato del Golfo. Contro queste posizioni si sono schierati attivisti e rappresentanti di quella parte della società civile kuwaitiana che ambisce a presentarsi come avanguardia occidentalizzata di un paese in cerca di aperture: "La rimozione dell’albero di Natale è un atto reazionario e retrogrado”, scrive un cittadino sui social media. E un altro: "Così il nostro governo è ostaggio dei conservatori!”, si legge su un altro post.

La polemica

Nemmeno troppo velatamente la polemica è stata quasi subito dirottata sul presunto scontro tra Islam e Cristianesimo, senza però che i rappresentanti della comunità cristiana del Kuwait si siano espressi in merito. I cristiani nel paese sono circa 800mila (il 18% della popolazione), ma quasi tutti sono immigrati da altri paesi. Nell’emirato infatti ci sono solo 500 cittadini kuwaitiani di fede cristiana. La stragrande maggioranza della popolazione nazionale è musulmana, sia sunnita che sciita. Ahmad Saleh, analista kuwaitiano, ricorda che “l’albero di Natale è erroneamente associato ai cristiani in quanto tali mentre è in generale un’icona delle feste di fine anno nel mondo occidentale”.

Secondo Saleh, “il Kuwait e la sua composita società di residenti e immigrati stranieri hanno senza dubbio bisogno di apertura. Ma non solo nei confronti della cultura occidentale, bensì di tutte le culture. Soprattutto il Kuwait deve cominciare a fare i conti con le diversità presenti nel suo stesso territorio“. “Non è dunque la presenza o l’assenza di un albero di Natale il termometro dell’apertura o della chiusura del Kuwait”, afferma l’analista. "Serve riconoscere i diritti civili di tutte le componenti della società, dei cristiani e di tutte le altre religioni e persino dei non credenti. Solo così si combattono i radicalismi”, afferma Saleh. "Ma è un processo che richiede tempo e che non si consuma nell’arco di un Natale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved