esecuzione-con-mix-di-farmaci-detenuto-vomita-e-ha-convulsioni
(Keystone)
Stati Uniti
29.10.2021 - 09:12
Aggiornamento: 14:02
Ats, a cura de laRegione

Esecuzione con mix di farmaci, detenuto vomita e ha convulsioni

John Grant ha manifestato dolore e sofferenza durante l’esecuzione con un metodo controverso per cui l’Oklahoma ha ricevuto l’ok della Corte Suprema

Mentre veniva sottoposto all’esecuzione della condanna a morte con un’iniezione letale nello stato americano dell’Oklahoma, un condannato ha ieri vomitato e ha avuto convulsioni.

Il condannato, John Grant, un afroamericano di 60 anni, è stato il primo detenuto ad essere messo a morte in Oklahoma da quando una serie di esecuzioni fallite ha portato a una moratoria temporanea sulla pena capitale nello stato.

La sua esecuzione era stata sospesa da un tribunale di grado inferiore a causa delle preoccupazioni sul cocktail di droga utilizzato per eseguire la condanna, ma la Corte Suprema di tendenza conservatrice ha revocato la sospensione. Gli avvocati di Grant hanno sostenuto che l’uso del midazolam sedativo avrebbe costituito una punizione crudele, violando i suoi diritti costituzionali.

I giornalisti che hanno assistito all’esecuzione hanno detto in una conferenza stampa che Grant ha vomitato e ha avuto convulsioni in tutto il corpo, circa venti volte, prima di essere dichiarato morto.

Il midazolam è stato identificato come un potenziale fattore in una serie di esecuzioni fallite in Oklahoma, l’ultima delle quali è stata eseguita nel 2015. L’ufficio del procuratore generale dell’Oklahoma ha chiesto alla Corte Suprema di annullare la sospensione e la più alta Corte della nazione lo ha fatto poche ore prima dell’esecuzione programmata di Grant, con solo i tre giudici liberali che si sono opposti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corte suprema esecuzione john grant oklahoma pena capitale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved