golpe-in-sudan-il-premier-chiama-la-gente-a-scendere-in-piazza
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
1 ora

Power Index: gli Usa i più influenti anche in Asia

È la prima volta che gli Stati Uniti rafforzano il loro potere nella regione, superando di 2 punti percentuali la Cina
Estero
2 ore

Myanmar: Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni di carcere

La premio Nobel per la pace è stata condannata per incitamento a disordini pubblici e per la violazione delle misure anti Covid
Francia
11 ore

La riconquista di Zemmour parte tra proclami e scontri

Tafferugli e sedie lanciate in aria tra attivisti antirazzisti ed alcuni militanti di estrema destra. Il candidato: ‘Obiettivo, immigrazione zero’
Estero
11 ore

Londra impone il tampone anche prima della partenza

La nuova stretta sui viaggia per l’allarme Omicron scatena la protesta di compagnie aeree e tour operator
Estero
14 ore

‘Esecuzioni sommarie’, l’Occidente condanna i talebani

A quasi 4 mesi dalla presa di Kabul, le vendette dei talebani che avevano promesso l’amnistia per i nemici finiscono nel mirino degli Stati Uniti
Estero
15 ore

Germania: strage di Brandeburgo, trovata una lettera d’addio

A rivelare il dettaglio è il quotidiano tedesco Bild. Le indagini procedono con riserbo sui cinque corpi trovati ieri senza vita dalla polizia
Italia
16 ore

In Italia entra in vigore il ‘super green pass’

Domani scattano le nuove regole per bar, ristoranti, palestre, hotel e trasporti pubblici (anche per i pendolari svizzeri)
Confine
16 ore

Brogeda, fermati con 200mila euro in contanti e due revolver

Due autisti serbi erano al volante di un pullman con una dozzina di passeggeri. La giustificazione: ‘Il denaro ci è stato dato da uno svizzero’
Estero
17 ore

Molestie sessuali, sotto accusa anche Chris Cuomo

Dietro la decisione della Cnn di licenziare il giornalista, non solo gli affari processuali legati al fratello, ma anche la denuncia fatta da una collega
Estero
18 ore

Fujimori non può essere giudicato per sterilizzazioni

Si stima che circa 270’000 donne, perlopiù indigene, siano state costrette a sottoporsi alla legatura delle tube tra il 1996 e il 2000
Estero
18 ore

Trump, lancia la ‘sua’ piattaforma social

La mossa arriva dopo essere stato bandito da Twitter, Facebook e YouTube per i suoi messaggi incendiari legati all’assalto del Congresso
Estero
25.10.2021 - 12:290
Aggiornamento : 21:37

Golpe in Sudan, il premier chiama la gente a scendere in piazza

Forze armate hanno sparato contro i manifestanti contrari al colpo di Stato. Internet interrotta in tutto il Paese, chiuse le vie di accesso a Khartum

Dopo il tentativo di golpe militare in Sudan e l’arresto di leader civili del governo di transizione, l’ufficio del premier Abdalla Hamdok ha invitato a scendere in piazza. Intanto forze armate hanno sparato contro manifestanti contrari al colpo di stato.

“Chiediamo al popolo sudanese di protestare usando tutti i mezzi pacifici possibili... per riprendersi la rivoluzione dai ladri”, ha scritto l’ufficio di Hamdok in una nota. Mentre il ministero dell’Informazione sudanese afferma che forze armate hanno sparato contro manifestanti “che rifiutavano il colpo di stato militare” a Khartoum: l’esercito ha usato “munizioni vere” contro i contestatori fuori dal quartier generale dell’esercito nel centro di Khartoum, cui l’accesso è impedito da blocchi di cemento e militari da diversi giorni, ha aggiunto il ministero sul proprio account Facebook.

In precedenza il ministero dell’Informazione ha riferito che i militari agli ordini del generale Burhan avevano arrestato il premier e anche “membri civili del consiglio sovrano di transizione e un certo numero di ministri del governo”. Abdallah Hamdok è stato arrestato dai militari “dopo aver rifiutato di sostenere il golpe”, ha scritto il ministero aggiungendo che gli arrestati sono stati condotti in un luogo non precisato

Ieri i gruppi favorevoli alla transizione a un governo civile avevano messo in guardia da possibili colpi di mano nel Paese diviso dopo la cacciata dell’ex presidente Bashir.

Intanto internet è stata interrotta in tutto il Paese e le strade principali e i ponti di accesso alla capitale Khartum sono stati chiusi, ha riferito il ministero dell’informazione.

Quest’ultimo, riferendosi alla città gemella della capitale Karthum situata su una sponda opposta del Nilo, aggiunge che “forze militari congiunte fanno incursione nella sede della radio e della televisione a Omdurman e arrestano alcuni dipendenti". Anche l’emittente panaraba Al Jazeera segnala "l’nterruzione delle trasmissioni di alcune stazioni radio sudanesi, tra cui la radio ufficiale su FM”.

Decine di manifestanti hanno dato fuoco a pneumatici di auto durante raduni formatisi per le strade della capitale per protestare contro gli arresti, ha constatato un corrispondente dell’AFP.

Un tweet dell’emittente Al-Arabiya segnala “feriti in scontri tra manifestanti e forze di sicurezza davanti al quartier generale dell’esercito sudanese” e un “video che mostra manifestanti sudanesi che superano barriere nel perimetro del quartier generale dell’esercito a Khartoum”.

La Sudanese Professionals Association, un gruppo di sindacati fondamentale nella guida delle proteste contro il regime del presidente-autocrate Omar al Bashir del 2019, ha denunciato un “golpe militare” e ha esortato i manifestanti a “resistere strenuamente”.

Il Sudan sta attraversando una transizione segnata da divisioni politiche e lotte di potere dopo la cacciata di Bashir nell’aprile 2019. Dall’agosto 2019, il Paese è guidato da un’amministrazione civile-militare incaricata di sovrintendere alla transizione verso un governo del tutto formato da civili. Ma il principale blocco civile - le Forze per la libertà e il cambiamento (FFC) - quello che ha guidato le proteste anti-Bashir nel 2019, si è frammentato in due fazioni.

La scorsa settimana decine di migliaia di sudanesi avevano sfilato in diverse città per sostenere il pieno trasferimento del potere ai civili e per contrastare un sit-in rivale allestito da giorni davanti al palazzo presidenziale di Khartum che chiedeva il ritorno al “governo militare”.

Il premier Abdalla Hamdok in precedenza aveva descritto le divisioni nel governo di transizione come la “crisi peggiore e più pericolosa” che deve affrontare la transizione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved