wuhan-la-cina-esaminera-i-campioni-di-sangue-del-2019
ULTIME NOTIZIE Estero
Estero
2 ore

Famiglie afghane vendono figli per 500 dollari

Senza denaro, li usano come moneta di scambio per pagare i creditori. Il Wsj: bambine di 3 anni valutatepoche centinaia di dollari
italia
2 ore

Caso Open: Renzi indagato con altri 14

Il leader di Italia Viva: ‘Pericoloso sconfinamento dei giudici in politica’
scontro ue-polonia
3 ore

Il premier polacco: ‘Basta ricatti dall’Europa’

Resa dei conti al Parlamento europeo. Bruxelles: ‘Fondi a rischio se continuano a ignorare le direttive’
germania
3 ore

Scandalo Bild: sesso e abusi in redazione

Emergono i retroscena sulla cacciata del direttore Julian Reichelt. Alcune dipendenti: ‘Chi va a letto con il capo ha il lavoro migliore’
italia
3 ore

Idranti contro manifestanti a Trieste: lite Salvini-governo

La ministra degli Interni Lamorgese: ‘Niente ombre sulla polizia’. La legge contestata dal leader della LEga l’aveva voluta lui
Confine
3 ore

Sorpreso a Brogeda con cinque chili di hashish nello zaino

L’uomo, un 68enne, viaggiava sull’autobus che collega l’Olanda a Milano. Arrestato domenica, non ha aperto bocca
Estero
3 ore

La Russia cerca una soluzione sull’Afghanistan senza gli Usa

Dieci Paesi al vertice organizzato dal Cremlino. Tra gli invitati Cina, Iran e Pakistan: ci sono anche i talebani
italia
3 ore

Senatrice non mostra il pass, entra ma è subito sospesa

Dieci giorni a casa e diaria decurtata l’ex M5S Laura Granato
Estero
4 ore

Libia, 10 anni fa l’uccisione di Gheddafi

Il despota libico, dopo 42 anni di dittatura, venne linciato dai ribelli nei pressi di Sirte, al culmine della rivoluzione iniziata a febbraio
Estero
13.10.2021 - 19:420

Wuhan, la Cina esaminerà i campioni di sangue del 2019

Accogliendo in parte le richieste dell’Oms, il governo di Pechino procederà a verifiche sui prelievi eseguiti prima dello scoppio della pandemia

La Cina fa un passo verso le richieste dell’Organizzazione mondiale della sanità e si avvia a esaminare fino a 200mila campioni di sangue prelevati nella città di Wuhan prima che il focolaio di Covid-19 esplodesse nel capoluogo dell’Hubei a fine 2019, trasformandosi poi in una drammatica pandemia globale.

L’iniziativa, sollecitata già lo scorso febbraio, ha lo scopo di contribuire a fare luce su come e quando il coronavirus sia passato all’uomo.

I campioni di sangue in questione sono custoditi nel centro ematologico di Wuhan avvicinandosi alla scadenza dei due anni, il periodo legale di conservazione a tutela delle prove in caso di eventuali azioni legali sulla loro donazione. Quel periodo, ha riferito la Cnn, scadrà presto per i mesi chiave di ottobre e novembre 2019: la maggior parte degli esperti ritiene che il virus potrebbe aver infettato l’uomo prima di dicembre.

Un funzionario della Commissione sanitaria nazionale cinese ha spiegato che la preparazione per i test è in corso. I campioni contengono “indizi assolutamente vitali”, ha commento Maureen Miller, professore associato di epidemiologia alla Columbia University, sollecitando la Cina a consentire agli esperti stranieri di osservare il processo. “Nessuno crederà ai risultati che la Cina riporterà a meno che non ci siano osservatori qualificati”, ha aggiunto.

Il capo del team cinese che lavora con l’Oms sull’origine del virus, Liang Wannian, spiegò già a luglio in conferenza stampa che Pechino avrebbe testato i campioni, aggiungendo che una volta ottenuti “i risultati sarebbero stati consegnati agli esperti cinesi e stranieri” e che un pool di scienziati aveva in corso le valutazioni “sui metodi dei test e sul piano d’azione da attuare dopo” i due anni.

Capire se vi sia un legame tra l’attività di ricerca e analisi nel laboratorio e i primi casi

I campioni, se conservati correttamente, potrebbero contenere elementi cruciali dei primi anticorpi prodotti dall’uomo contro la malattia. Liang precisò che mentre il primo caso ufficiale di Wuhan risaliva all’8 dicembre 2019, “la nostra ricerca e i precedenti documenti correlati di scienziati cinesi suggeriscono che è improbabile che l’8 dicembre sia stato il caso principale. Potrebbero essercene stati altri che si sono verificati prima”.

L’amministrazione Usa di Joe Biden ha condotto una revisione di 90 giorni attraverso le agenzie di intelligence sull’origine del virus, arrivando alla conclusione che sia la trasmissione naturale dall’animale all’uomo sia la fuga di laboratorio erano due teorie plausibili. Biden, tuttavia, rimarcò che le “informazioni critiche sulle origini del Covid-19 esistono nella Repubblica popolare, ma fin dall’inizio i funzionari di Pechino hanno lavorato per impedirne l’accesso agli investigatori internazionali e della comunità globale di sanità pubblica”.

Per la Cina, quindi, una nuova occasione per rispondere alle critiche delle comunità internazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved